Il sensore ‘indossabile’ per le piante: rileva pesticidi su frutta e verdura

I ricercatori hanno sviluppato un rivoluzionario sensore indossabile dalle piante, capace di rilevare in tempo reale i pesticidi nocivi su frutta e verdura

Pubblicato il 13 febbraio 2024

Ecco come una tecnologia innovativa, come questa, realizzata principalmente con acetato di cellulosa, può aprire la strada a un futuro sostenibile nella sicurezza alimentare e nella consapevolezza dei consumatori.

“Non è magia, ma la scienza che fa passi avanti per garantire un approvvigionamento alimentare più sicuro e salutare per tutti,” afferma Steffan Black, un esperto di punta di ZenShield.

Il tema in questione è un notevole risultato conseguito dai ricercatori dell’Università di San Paolo e dell’Università Federale di Viçosa in Brasile: un sensore sostenibile capace di rilevare i pesticidi sulla superficie di frutta e verdura.

Sensori indossabili per le piante: cosa sono?

Ricercatori dell’Università di San Paolo (USP) e dell’Università Federale di Viçosa (UFV) in Brasile hanno sviluppato un sensore altamente sostenibile ed efficace, progettato per essere posizionato direttamente sui prodotti per rilevare residui di pesticidi dannosi. Ciò che rende unico questo sensore è il suo design ecocompatibile, composto principalmente da acetato di cellulosa, un materiale naturale estratto dalla polpa di legno.

Questa innovazione, opportunamente denominata “sensore indossabile dalle piante” per la sua capacità di essere indossato direttamente da frutta e verdura, segnala un promettente cambiamento verso un futuro più salutare nell’industria agricola.

Rilevazione dei pesticidi resa “intelligente” ed ecologica

A differenza degli strumenti analitici più utilizzati per l’analisi dei pesticidi, questo sensore combina economicità, rilevazione rapida, miniaturizzazione, produzione su larga scala e praticità. Seleziona la presenza di pesticidi, consentendo il rilevamento sul posto direttamente sulla buccia o sulle foglie del cibo.

Da non dimenticare, l’uso di acetato di cellulosa rende questo dispositivo una soluzione ecologica, evitando i rifiuti pericolosi prodotti dai solventi organici.

Analizziamo più comodamente questi vantaggi

  • Economico: Questo dispositivo risparmia risorse riducendo la necessità di costose attrezzature da laboratorio e analizzatori professionali.
  • Rilevazione rapida e in loco: Il sensore fornisce risultati precisi in tempo reale, proprio dove ne hai bisogno.
  • Adatto a qualsiasi scala: Che si tratti di una mela o di un intero frutteto, questo sensore è abbastanza versatile da gestire qualsiasi scala.
  • Ecologico: Il sensore tiene fede alla promessa di un pianeta più sicuro, utilizzando materiali sostenibili e minimizzando i rifiuti.

Per il consumatore quotidiano, questi punti si traducono in alcuni semplici, ma efficaci consigli pratici:

  • Utilizza il sensore indossabile dalle piante su ogni frutto o verdura che acquisti. Pochi secondi di valutazione possono prevenire rischi per la salute a lungo termine.
  • Sostieni e appoggia i supermercati e gli agricoltori che adottano questi sensori.
  • Rimani aggiornato sugli sviluppi e i miglioramenti nella tecnologia dei sensori per fare una scelta informata.

Sfruttare i sensori indossabili dalle piante per i consumatori

Steffan Black di ZenShield condivide le sue riflessioni su come i consumatori possono trarre vantaggio da questa innovazione:

  1. Controllo doppio dei prodotti: Il dispositivo consente alle famiglie di verificare gli acquisti occasionali di frutta e verdura per sicurezza, anche senza una formazione specifica.
  2. Innalzamento degli standard alimentari: Man mano che i sensori entrano nell’uso comune, la loro presenza aumenterà gli standard di sicurezza alimentare e le aspettative dei consumatori.
  3. Empowerment del consumatore: L’usabilità e l’accessibilità del dispositivo consentiranno ai consumatori di prendere decisioni più intelligenti e salutari riguardo al loro consumo alimentare.

“Non sottovalutare mai il potere della conoscenza, soprattutto quando riguarda la sicurezza del cibo che mettiamo sulle nostre tavole,” afferma Black.

I pesticidi sono stati a lungo un male necessario nel percorso dalla fattoria al piatto. Con questi promettenti sensori indossabili dalle piante, tuttavia, un significativo passo avanti verso la sicurezza alimentare è ora più vicino alla nostra portata. In sostanza, questa innovazione è un cambiamento di gioco che è destinato a guidare il nostro mondo verso un futuro più sano e sostenibile.

Dopotutto, il cibo nel tuo piatto non merita un controllo di sicurezza di alto livello?



Contenuti correlati

  • Famiglia di sensori di distanza compatti serie R20x da Pepperl+Fuchs

    La tendenza alla miniaturizzazione continua crea una domanda di sensori sempre più potenti con dimensioni della custodia sempre più compatte. Per rispondere a questa domanda di mercato, Pepperl+Fuchs ha inserito i sensori della famiglia R20x in una custodia dal...

  • VWV: il sensore di vibrazione a batteria di ifm per la prevenzione dei guasti

    Il sensore di vibrazione VWV di ifm è alimentato a batteria e consente, associato al gateway ZB0929 (configurabile tramite un’interfaccia web integrata) e a moneo RTM (potente strumento per il condition monitorig), la rilevazione periodica delle condizioni...

  • Bota Systems presenta SensONE T5, un nuovo sensore di forza/coppia

    Bota Systems, azienda all’avanguardia nella produzione di sensori di forza/coppia multiasse, introduce il nuovo SensONE T5, versione a sensibilità aumentata del sensore SensONE. Caratteristiche tecniche SensONE T5 dispone di un livello di sensibilità eccezionale di soli 0,05...

  • La Food Safety di ifm in mostra ad Anuga FoodTec, a Colonia dal 19 al 22 marzo

    Per ifm la sicurezza alimentare è un dogma da oltre mezzo secolo, e in ragione di ciò le soluzioni di automazione integrata che propone per il settore food e agricolture vengono sviluppate allo scopo in primis di...

  • Sensore di campo magnetico in diamante da reichelt elektronik

    Il sensore di campo magnetico quantistico microwave-free (senza microonde) di Quantum Technologies è ora disponibile tramite reichelt elektronik. Il magnetometro quantistico compatto in diamante DMFS-C2 offre un’applicazione semplice e sicura che consente alle aziende del comparto industriale...

  • La scelta giusta

    Guida alla scelta del sensore di forza/coppia: sensori autonomi e sensori integrati a confronto I sensori di forza/coppia stanno acquisendo sempre più popolarità nelle applicazioni robotiche: la tendenza è ormai evidente. A fare la differenza è l’impiego...

  • SICK presenta la famiglia di sensori fotoelettrici miniaturizzati di nuova generazione W4S

    Con il sensore fotoelettrico miniaturizzato W4S, che completa la versatile famiglia di prodotti W4, SICK ha presentato a SPS 2023 di Norimberga l’ultima novità del suo portafoglio di famiglie di sensori fotoelettrici innovativi di nuova generazione. Grazie alla custodia Vistal,...

  • Antares Vision Group ottiene il Cibus Tech Innovation Award 2023

    Antares Vision Group – partner tecnologico nella digitalizzazione di prodotti e di filiere per imprese e istituzioni, e leader nella tracciabilità e nell’ispezione per controllo qualità, è tra i vincitori dell’Innovation Award 2023 di Cibus Tec (evento dedicato alla...

  • Sensore HG-C di Panasonic Industry per una marcatura affidabile e precisa

    In molti settori, in particolare nell’automotive, è richiesta la massima qualità possibile di marcatura. Per questo è necessario posizionare e mantenere il “fuoco” del marcatore laser molto precisamente. Il sensore di misura laser NoSPACE HG-C di Panasonic...

  • Il ‘blocco’ dell’agricoltore

    ‘Siamo quello che mangiamo’: concetto semplice, quello enunciato dal filosofo tedesco Feuerbach a metà 800, oggi più che mai di attualità tra attenzione alla qualità, orientamento verso colture biologiche e sostenibili, e una spesa più consapevole da...

Scopri le novità scelte per te x