Il ruolo dell’ecosistema cloud locale, il PaaS e la sovranità sui dati

Pubblicato il 15 marzo 2023

Il 2023 segna una tappa importante nella realizzazione del Polo Strategico Nazionale, con la recente definizione delle modalità attraverso cui le amministrazioni pubbliche possono richiedere finanziamenti e fondi per iniziare il processo di migrazione di dati e servizi verso l’infrastruttura cloud di nuova concezione.
Un passo decisivo che si inquadra nell’ambizioso piano di modernizzazione del Paese e in particolare di amministrazioni, enti, organizzazioni e uffici pubblici. In questo contesto sono di recente tornati prepotentemente alla ribalta alcuni temi per la definizione delle strategie che ne guideranno l’implementazione effettiva: il ruolo dei player italiani, la tipologia di cloud protagonista della svolta e la sovranità digitale.

Questi aspetti svolgono un ruolo cruciale per potere garantire, da un lato, lo sviluppo dell’intero comparto tecnologico nazionale, dall’altro la tutela di cittadini e imprese in accordo con le normative e le politiche di settore europee. Come player europeo capace negli anni di costruire un ecosistema di partner italiani protagonisti nel campo dell’innovazione, OVHcloud condivide pienamente la necessità che PMI, provider di servizi, Managed Service Provider e Software company nazionali svolgano un ruolo di primo piano nell’ambiziosa – e indubbiamente sfidante – roadmap che nel giro di pochi anni intende cambiare il volto del Paese.

Le ragioni sono molteplici: dalla tutela delle preziose competenze locali alla possibilità di mantenere in Italia quei talenti che spesso sono costretti a emigrare per vedere riconosciuta la propria professionalità, fino alla capacità di attrarre investimenti dall’estero grazie agli indubbi vantaggi che i soggetti coinvolti possono ottenere dalla collaborazione reciproca.
Per raggiungere questi obiettivi e permettere alle realtà italiane di competere efficacemente – oltre a contribuire concretamente alla trasformazione in atto – è necessario creare non solo le condizioni pratiche che ne facilitino la crescita, ma anche coagulare attorno a una visione condivisa un nucleo di attori del settore motivati e preparati.

Ed è proprio ciò che ha guidato OVHcloud nella costruzione di un ecosistema dinamico ed evolutivo di partner che ha posto al centro del proprio operato la fiducia e la libertà come elementi chiave del cloud, la volontà di perseguire un’innovazione basata su standard aperti e di realizzare un cloud affidabile, impegnandosi al contempo a favore di uno sviluppo sostenibile e della responsabilità sociale. Una vasta rete di specialisti che operano in settori correlati e condividono i medesimi valori, con cui sviluppiamo soluzioni e che vede ogni azione realizzata in modo concertato, dalla progettazione alla commercializzazione, passando per la scalabilità e l’affiancamento.

In questo contesto ci sembra utile focalizzare l’attenzione sulla capacità dei player del nostro ecosistema di erogare servizi in una modalità particolarmente indicata per le esigenze della PA locale e centrale, degli enti e dei vari soggetti pubblici – ma anche di quelli privati – coinvolti nel progetto di trasformazione digitale: il Platform as a Service legato al Public Cloud. Un approccio in cui crediamo fortemente e che ci ha condotto a creare le condizioni perché esse possano essere velocemente e naturalmente integrate nell’infrastruttura OVHcloud.

Per i soggetti che si servono del Public Cloud optare per l’uso di soluzioni PaaS è una scelta che presenta numerosi vantaggi, poiché queste si caratterizzano per l’estrema flessibilità, la possibilità di sviluppo di applicazioni con scalabilità orizzontale e la facilità d’uso. In aggiunta, esse consentono di implementare rapidamente l’infrastruttura grazie a una consistente riduzione dei tempi necessari per attività quali configurazioni di rete, backup e sicurezza. Infine, riguardo alla già menzionata facilità d’uso, le soluzioni PaaS possono essere adottate anche da quelle organizzazioni che non dispongono di strutture interne dedicate, come, ad esempio, le realtà in cui non siano presenti system administrator.

Le natura delle soluzioni PaaS è, poi, fortemente connessa all’altro aspetto fondamentale del dibattito sulla trasformazione abilitata dai fondi del PNRR: la sovranità digitale. La sicurezza dei dati è, infatti, un aspetto cruciale che riguarda in maniera particolare l’infrastruttura del Polo Strategico Nazionale: a regime si prevede ospiterà il 75% dei dati delle amministrazioni italiane, che dovrebbero migrare nel cloud entro il 2026.

Un patrimonio inestimabile di informazioni su moltissimi degli aspetti della vita nazionale, da quelle anagrafiche a quelle patrimoniali e sanitarie dei cittadini, dai rapporti con le aziende private fino ad assetti strategici per la sicurezza del Paese, la cui tutela dev’essere naturalmente al centro dell’interesse e dell’operato dei player coinvolti. In questo senso alcuni timori sono sorti a causa delle implicazioni del Cloud Act statunitense in relazione ai dati ospitati nei 4 data center del PSN. La norma, infatti, consente alla giustizia o ai servizi di intelligence americani di accedere in alcuni casi ai dati ospitati al di fuori degli Stati Uniti, soprattutto in virtù del fatto che alcune delle tecnologie e dei servizi dei principali hyperscaler statunitensi sono attualmente adottate nel Polo Strategico nazionale.

Riteniamo che l’affidarsi a player continentali – italiani ed europei – sia più importante della mera localizzazione del data center, perché vi sono appunto leggi extraterritoriali cui l’hyperscaler extraeuropeo può essere tenuto ad adeguarsi, laddove un approccio come Open Trusted Cloud di OVHcloud e del suo ecosistema garantisce ai clienti di lavorare con un cloud provider effettivamente ‘sovrano’“. A maggior ragione se l’offerta- a partire dalle soluzioni PaaS – è certificata Agid in Italia e detiene le certificazioni equivalenti in Spagna, Germania, e in Francia la certificazione SecNumCloud, considerata la più stringente in Europa e candidata a diventare lo standard a livello europeo, nonché base per il previsto European Cybersecurity Certification Scheme for Cloud Services (EUCS), che dovrebbe sostituire i diversi schemi nazionali e introdurre criteri di sovranità e immunità al livello più alto.

Un PSN capace di coinvolgere le migliori eccellenze italiane, adottare le modalità cloud più efficienti e garantire la massima sicurezza dei dati, assicurandone al contempo l’interoperabilità, può davvero rappresentare un modello da prendere a esempio anche all’estero e il primo passo che l’Europa compie per riappropriarsi di un ruolo guida sulla propria regolamentazione riguardo al digitale, ai dati e sui principi di governance: requisiti fondamentali per affrontare efficacemente le sfide di domani, offrendo servizi all’avanguardia, efficienti e originali.

Fonte foto Pixabay_mohamed_hassan

di John Gazal, Vice President Sud Europa & Brasile, OVHcloud



Contenuti correlati

  • Sicurezza e rischi nell’era digitale

    Rischi e pericoli sulle macchine cambiano con l’evoluzione della tecnologia: il nuovo Regolamento Macchine adegua la normativa ai requisiti relativi ai sistemi con algoritmi evolutivi, digitalizzazione, robotica, software e cybersecurity Pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il...

  • Affrontare le sfide nell’era della digitalizzazione

    Quando si definisce una strategia di cybersecurity è essenziale coinvolgere nella discussione tutti gli attori, anche quelli della supply chain Oggigiorno, il processo di digitalizzazione degli ambienti industriali, caratterizzato da una crescente connettività e automazione, rappresenta un’arma...

  • Con Omron verso la digitalizzazione, seguendo un approccio Kaizen

    Kaizen, ovvero ‘cambiare in meglio’, mettersi alla prova per ottenere risultati migliorativi concreti: di questo e di digitalizzazione si è parlato in occasione della giornata di studio promossa da Omron, in collaborazione con i partner FasThink e Kaizen Institute,...

  • La tecnologia industriale che porta nel futuro

    Bosch Rexroth ha da poco festeggiato i suoi 70 anni in Italia, confermandosi come una presenza fondamentale per lo sviluppo delle tecnologie di automazione idraulica e di produzione industriale. Di seguito, si ripercorre la storia di un...

  • Monitoraggio e analytics per un cambio di passo nella manifattura

    La digitalizzazione ha rivoluzionato il modo in cui le aziende operano sul mercato, generando crescenti opportunità per identificare, creare e sfruttare nuovi tipi di business model, soluzioni e servizi, anche nel contesto di settori tradizionali e consolidati...

  • IDC GenAI
    La GenAI primo motore degli investimenti infrastrutturali

    Secondo la più recente Worldwide Future of Digital Infrastructure Sentiment Survey di IDC, quasi otto aziende su dieci hanno dichiarato di ritenere l’infrastruttura digitale “importante” o “mission critical” per il successo delle proprie iniziative di business. La...

  • Piano Transizione 5.0: l’Italia segue la strada indicata dall’Europa

    Piano Transizione 5.0 e il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) sono strettamente collegati, in quanto mirano entrambi a promuovere la transizione verso un’economia sostenibile e digitale in Italia, stimolando l’innovazione e la crescita grazie ai...

  • natuzzi SAP
    Natuzzi si affida a SAP per la transizione digitale dell’organizzazione

    Natuzzi è uno dei principali player mondiali nella produzione e distribuzione di arredamento di design e di lusso. Le sue capacità nel saper coniugare il design italiano con la manifattura artigianale valorizzano al meglio la tradizione del...

  • Sicurezza: normative e legislazioni, come farvi fronte

    La sicurezza è un concetto: bisogna imparare a conoscerlo e a diffondere la cultura della sicurezza. Normative e legislazioni servono e sono doverose in ogni attività produttiva, ma vanno comprese nel loro senso più profondo. Per aumentare...

  • Acqua ed energia al sicuro

    Un’azienda svedese di servizi pubblici per l’energia e l’acqua ha deciso di migliorare sia la sicurezza sia l’affidabilità attraverso l’integrazione IT/OT e per farlo ha scelto Fortinet Falu Energi & Vatten (Energia & Acqua) è un’azienda municipalizzata...

Scopri le novità scelte per te x