Il nuovo accordo Intesa Sanpaolo e UCIMU-Sistemi per Produrre

Pubblicato il 16 marzo 2022

Intesa Sanpaolo e UCIMU-Sistemi per Produrre,
 siglano un nuovo accordo per il sostegno alle oltre duecento imprese associate rappresentative di oltre il 70% del Made in Italy di settore. 
Sostegno finanziario alle imprese per favorire gli investimenti in coerenza con il Piano nazionale Transizione 4.0, crescita sostenibile, economia circolare e digitalizzazione sono al centro della partnership. Lo scopo è rendere accessibili alle aziende associate gli strumenti finanziari e consulenziali di Motore Italia, il programma strategico di Intesa Sanpaolo attivato nel 2021 per consentire alle piccole e medie imprese di rilanciarsi attraverso progetti di sviluppo e nuovo credito e conseguire gli obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

La collaborazione si colloca nell’ambito della più ampia cornice relativa al percorso congiunto tra Intesa Sanpaolo e Confindustria rinnovato nei mesi scorsi e denominato “Competitività, Innovazione, Sostenibilità” che mette a disposizione delle imprese 150 miliardi di euro in tre anni per promuovere lo sviluppo del sistema produttivo in coerenza con il PNRR e con le prospettive di crescita del Paese.

Nell’ambito del nuovo accordo con UCIMU, Intesa Sanpaolo fornirà alle aziende associate nuove soluzioni per valorizzare i progetti d’investimento e sostenere la liquidità finanziaria delle Imprese. Prima tra tutti, la possibilità di allungare la scadenza delle linee di credito a medio e lungo termine in essere fino a 15 anni, facendo leva sull’attuale quadro normativo che consente l’utilizzo all’80% delle garanzie del Fondo Centrale concesse ai sensi del regolamento “de minimis”, la gestione del circolante, attraverso linee di credito aggiuntive rispetto a quelle preesistenti della durata di 18 mesi meno 1 giorno, di cui 6 di pre-ammortamento.

Per favorire il rinnovamento tecnologico e cogliere i benefici offerti dal piano Transizione 4.0 della Legge di Bilancio 2022, Intesa Sanpaolo proporrà alle imprese associate UCIMU soluzioni finanziarie e supporti consulenziali dedicati per nuovi progetti o per l’ampliamento delle strutture produttive con la possibilità di ricorrere al Fondo di Garanzia o alle garanzie di SACE e favorirà la collaborazione con enti specializzati, come il Consiglio Nazionale delle Ricerche, per stimolare la cooperazione tra imprese e centri di ricerca, identificando le aree di sviluppo tecnologico prioritario.

Al fine di diffondere azioni e progetti imprenditoriali connessi a obiettivi di miglioramento delle prassi ambientali, sociali e di gestione aziendale (ESG), Intesa Sanpaolo promuoverà la propria linea di finanziamenti innovativi e premianti per le PMI virtuose denominati S-Loan, destinati a investimenti in progetti orientati ai valori ESG e allo sviluppo sostenibile. Le aziende del comparto potranno condividere con la banca gli indicatori di misurazione per conseguire obiettivi in ambito di climate change, per indirizzare scelte d’investimento verso la riduzione dell’impatto delle PMI sull’ambiente e sul cambiamento climatico, di gender equality, volti a garantire la parità di genere e a introdurre programmi di welfare per le dipendenti, e di digitalizzazione, per quelle che si avviano alla necessaria transizione digitale. Su questo aspetto, il primo gruppo bancario italiano ha avviato di recente Motore Italia Digitale lanciando D-Loan, il prestito per favorire e accelerare il processo di digitalizzazione delle PMI. Tra le possibilità previste dall’accordo anche l’accesso al plafond Circular Economy da 6 miliardi di euro, predisposto per progetti trasformativi delle PMI ispirati ai principi dell’economia circolare.

L’accordo prevede altresì il supporto della banca ai progetti di crescita delle imprese associate con operazioni di Finanza Straordinaria e ai progetti di Internalizzazione ed Export attraverso la messa a disposizione di prodotti e servizi evoluti finalizzati allo sviluppo del business sui mercati esteri.

Nell’ambito della collaborazione forte attenzione è riservata anche ai dipendenti e alle loro famiglie. In questo quadro Intesa Sanpaolo, in qualità di prima banca d’impatto a livello mondiale, considera temi chiave su cui investire l’inclusione finanziaria e il supporto per far fronte ai bisogni sociali (occupazione giovanile, assistenza agli anziani, alle famiglie). Tra gli strumenti messi a disposizione: XME StudioStation, il micro-prestito a tasso zero fino a 1.500 euro e per famiglie con reddito ISEE fino a 50mila euro, che consente con 1 euro al giorno di affrontare le spese per pc e connessione per la DAD, PerMerito, il prestito senza garanzie pensato per gli studenti universitari e, per le giovani madri lavoratrici, mamma@work, un prestito a condizioni agevolate che consente di avere un sostegno economico per conciliare vita familiare e professionale nei primi anni di vita dei figli.

Da qui al 2026 Intesa Sanpaolo programma erogazioni a medio lungo termine per oltre 410 miliardi di euro, di cui 120 destinati alle PMI, con i quali contribuire attivamente alla ripresa economica del Paese in stretta correlazione con gli obiettivi del PNRR approvato dalla Commissione Europea.

 



Contenuti correlati

  • Digitalizzazione, sostenibilità e innovazione, chiavi del futuro secondo Gruppo IMQ

    Si è tenuto questa mattina a Bollate, alle porte di Milano, l’evento “Together Toward Future”, durante il quale Antonella Scaglia, Amministratore Delegato di IMQ Group, ha illustrato alla platea, composta da stampa tecnica, stakeholder e clienti, la...

  • Più efficienti con il 4.0: opportunità e sfide per le imprese

    Monitorare, accompagnare e guidare le PMI di Emilia-Romagna, Marche e non solo nel percorso verso l’Industria 4.0, l’innovazione tecnologica e la trasformazione digitale  attraverso ricerche, momenti di confronto e iniziative volte alla diffusione delle best practice: questa...

  • Digitalizzazione delle imprese italiane, a che punto siamo?

    Spesso le imprese sono molto ottimiste quando valutano il proprio livello di digitalizzazione, pensano di essere più evolute in ambito di Digital Transformation, di quanto lo siano realmente. Le opportunità sono spesso state identificate come applicazione di un dato sistema o...

  • Grande successo per la ventesima edizione di AMB

    La ventesima edizione di AMB, Fiera internazionale per la lavorazione dei metalli ha registrato un’atmosfera stimolante nei padiglioni e tra gli operatori del settore. Per 5 giorni il quartiere fieristico di Stoccarda ha visto passare 64.298 visitatori e 1.238 espositori...

  • Le innovazioni nella mobilità ambientale richiedono un lavoro di squadra strategico

    L’industria automotive sta cambiando radicalmente: le aziende di questi settori e tutti coloro che desiderano partecipare alla mobilità del futuro devono ora proporre strategie più complete e fare affidamento su soluzioni innovative. Inoltre, servono competenze digitali. Secondo...

  • Robotica efficiente per produzioni sostenibili

    Partendo da un forte impegno nel campo dell’elettrificazione, che è mirato a creare nuove competenze e soluzioni innovative per l’industria, Comau ha realizzato dei robot espressamente pensati per ottimizzare i cicli di lavorazione ed è impegnata nello...

  • Emco Komatsu
    Linea di produzione unica grazie al centro di lavoro Emco

    Una fresatrice a montante mobile Ecomill di Emco Mecof è in produzione presso Komatsu Germania ad Hannover dal marzo 2021. Il produttore di macchine da cantiere sostituisce così due vecchi centri di lavoro, risparmiando spazio prezioso e...

  • Industria 5.0 e umanesimo digitale

    Più che un balzo in avanti tecnologico, il nuovo paradigma 5.0 tende a collocare l’approccio 4.0 in un contesto più ampio, ponendo la prosperità delle persone e del pianeta come obiettivo della digital transformation. L’Industria 5.0 è...

  • Un Wi-Fi di servizio

    L’infrastruttura wireless realizzata in una residenza per anziani migliora l’assistenza e consente lo sviluppo della digitalizzazione mantenendo i costi sotto controllo, attraverso connettività, funzionalità IoT e, in prospettiva, robotica Leggi l’articolo

  • Il digital twin di alcune navi Saipem: navigazione virtuale e interconnessione dei dati

    La flotta Saipem Drilling Offshore è composta da 13 navi, tra cui navi da perforazione, navi semisommergibili e jack up dislocate in tutto il mondo. Ogni mezzo ha un sistema informatico dedicato su cui tutti i dati...

Scopri le novità scelte per te x