Il neo Vice Presidente Federmeccanica Fabio Tarozzi: “Il mio impegno per i produttori emiliani di macchine”

Il Past President di Acimac affiancherà il Presidente Federmeccanica Dal Poz nella rappresentanza dei principali settori dell’Emilia-Romagna: macchine per ceramica e per packaging, automotive, meccanica generica.

Pubblicato il 24 luglio 2017

Nuovo prestigioso incarico in ambito confindustriale per il Past President di Acimac Fabio Tarozzi, che è stato di recente eletto Vice Presidente di Federmeccanica, la Federazione Sindacale dell’Industria Metalmeccanica Italiana che associa circa 16.000 imprese con 800.000 addetti.

Tarozzi è l’unico imprenditore dell’Emilia-Romagna nella nuova squadra del Presidente Alberto Dal Poz. A lui spetterà quindi il compito di rappresentare tutti i produttori emiliani di beni strumentali – a cominciare ovviamente dalle macchine per ceramica e dalle macchine per packaging – così come altri settori trainanti quali l’automotive e la meccanica generica.

“Ho accettato con grande orgoglio e senso di responsabilità questo incarico – commenta Fabio Tarozzi, Presidente e Amministratore Delegato di Siti B&T Group di Formigine (Modena) – per il quale intendo impegnarmi a fondo per fornire un contributo attivo e propositivo. Lo affronterò con la consapevolezza che l’impresa rappresenta un bene comune, un patrimonio sociale collettivo capace di veicolare il benessere della persona e della comunità. In questo solco, mi confronterò anche con la nostra mission principale, riguardante gli aspetti normativi del Contratto Nazionale dei metalmeccanici: sarò la voce emiliana di questo macro settore e cercherò di sostenere al meglio le istanze di tutti i miei colleghi imprenditori”.

Nei prossimi due anni di mandato da Vice Presidente di Federmeccanica, Tarozzi intende puntare l’attenzione anche sulla necessità di un , così come sull’introduzione di nuovi possibili sistemi di welfare. Si tratta di fattori indispensabili per un profondo rinnovamento culturale e industriale, che passi anche dal diritto a una formazione continua e professionalizzante, all’interno di un rapporto win-win nel quale traggono beneficio sia l’individuo che l’impresa: un primo e grande risultato del Contratto Nazionale di categoria firmato nel novembre scorso.

Altro obiettivo di Federmeccanica sarà l’elaborazione di una visione condivisa della quarta rivoluzione industriale, per valutarne minacce, opportunità e i possibili percorsi, con la consapevolezza che il futuro della manifattura si fonda sia sulla digitalizzazione sia sulla centralità della persona. In questo senso, il coraggio di elaborare un ripensamento delle relazioni industriali appare volano imprescindibile per avviare un processo di cambiamento culturaleverso un futuro in cui realizzare progetti ambiziosi per le imprese e per le persone.

Il Presidente di Acimac Paolo Sassi e il Direttore Generale Paolo Gambuli hanno formulato a Tarozzi i migliori auguri di buon lavoro per il nuovo incarico, oltre alla massima disponibilità a collaborare sui temi di interesse comune delle due realtà del Sistema Confindustria.



Contenuti correlati

  • Quattro pilastri della Smart Factory

    I pilastri della Smart Factory, che determineranno la produzione automotive del futuro, comprendono: digitalizzazione, intralogistica, integrazione IT-OT ed ecosistemi industriali. Che cosa bisogna aspettarsi ora in termini di mobilità ambientale. Leggi l’articolo

  • Texas Instruments Francoforte PDC
    Nuovo centro di distribuzione di Texas Instruments a Francoforte

    Texas Instruments ha reso noti i piani per l’apertura di un nuovo centro di distribuzione dei prodotti (PDC) a Francoforte, in Germania, entro la fine del 2024. Il nuovo PDC permetterà di ampliare la presenza europea dell’azienda...

  • Litio risorsa strategica per l’Unione Europea

    L’impresa mineraria Imerys, con sede a Parigi, ha reso noto che intende sviluppare un progetto di estrazione del litio mirato a soddisfare la domanda europea, garantendo l’approvvigionamento necessario per la produzione di batterie per il mercato emergente...

  • Trattori formato Tesla

    Le promesse di riduzione dei costi energetici, aumento della produttività e miglioramento dell’affidabilità, associate alla pressione derivante dalla regolamentazione delle emissioni, stanno alimentando una rapida innovazione in molte tipologie di Nrmm, le ‘macchine mobili non stradali’ Leggi l’articolo

  • Se l’automotive cambia volto…

    Una ricerca condotta dall’Analysis Centre di Matchplat aiuta le aziende produttrici di componenti in gomma e plastica nel settore automotive a contrastare il caro energia e i blocchi delle supply chain dovute alla carenza di materie prime...

  • Al servizio di macchine e impianti

    Pilz è al fianco dei propri clienti nella scelta delle migliori strategie per la sicurezza, proponendo, oltre a componenti e sistemi, anche servizi mirati lungo tutto il ciclo di vita della macchina: dalla valutazione del rischio fino...

  • Wibu-Systems e Daimler Buses lanciano un negozio di ricambi stampabili in 3D

    Wibu-Systems, i pionieri della protezione della proprietà intellettuale e della gestione licenze, hanno fatto fronte comune con il fornitore mondiale di autobus Daimler Truck e gli specialisti della produzione additiva Farsoon Technologies, per ridisegnare l’approccio al mondo...

  • Teledyne Flir: monitoraggio della produzione con stampaggio a caldo di AP&T

    Dalla sua sede in Svezia, AP&T fornisce soluzioni per la produzione a produttori in tutto il mondo, inclusi automazione, presse, sistemi di forni e attrezzature, per la produzione di parti di veicoli stampate a caldo per il...

  • A Cibus Tec Forum il futuro delle tecnologie alimentari

    In occasione di Cibus Tec Forum, la nuova mostra-convegno sulle tendenze delle Tecnologie Alimentari che si terrà il 25 e 26 ottobre presso Fiere di Parma, l’Osservatorio Machinery Nomisma ha prodotto una ricerca sui dati dell’export nel...

  • L’automotive cambia volto e con lui il comparto gomma-plastica

    Il comparto automotive è destinato a ‘cambiare pelle’ in un futuro non troppo lontano. Il Fit for 55, il pacchetto di misure che punta ad azzerare le emissioni di CO2 nell’Unione Europea, pone nuove sfide dal punto di...

Scopri le novità scelte per te x