Il centro di distribuzione Schneider Electric di Evreux è super smart

Pubblicato il 13 novembre 2019

Schneider Electric ha digitalizzato l’intera supply chain in cui è inserito il suo centro di distribuzione internazionale a Evreux, in Normandia (Francia). Schneider Electric ha adottato le sue soluzioni EcoStruxure in questo che è uno dei suoi più grandi centri di distribuzione in Europa per affrontare le sfide delle nuove tecnologie, servire meglio i clienti, aumentare l’efficienza operativa ed energetica.

La trasformazione del sito di Evreux è un elemento fondamentale della strategia di digitalizzazione della supply chain “Tailored Sustainabile Connected (TSC) 4.0” sviluppata per migliorare la qualità operativa delle sue strutture di logistica e il livello di reattività, così da poter offrire un servizio più personalizzato ai clienti e rendere complessivamente più efficienti i suoi processi di logistica e stoccaggio.

Questo Smart Distribution Center a Evreux è uno dei più grandi in Europa, e si estende su una superficie di circa 463.000 metri quadrati. Opera 24 ore su 24 cinque giorni a settimana e gestisce 17.000 linee d’ordine al giorno verso destinazioni in tutto il continente europeo.

Il sito di Evreux fa parte del programma globale Smart Distribution Center di Schneider Electric, realizzato per rispondere al meglio a bisogni e aspettative propri dell’economia digitale, integrando tecnologie innovative, soluzioni IT e strumenti di analisi dei dati nei sistemi di logistica già esistenti. Oggi, infatti, i clienti si aspettano di poter fare i loro ordini in qualunque momento e poterli tracciare in tempo reale. In questo contesto era essenziale digitalizzare le operations nel sito di Evreux creando una integrazione completa con soluzioni basate sull’architettura EcoStruxure.

Grazie a EcoStruxure, si sono ottenuti molti vantaggi. Tra questi, la gestione flessibile e processi più efficienti hanno migliorato la capacità decisionale e accelerato i tempi, per offrire un servizio più rapido e molto più soddisfacente, potendo contare su flussi di performance di magazzino più efficienti. La velocità di esecuzione di azioni correttive è raddoppiata. Una migliore gestione delle performance degli asset ha ridotto le interruzioni di servizio e reso più efficacie l’operatività, impiegando ad esempio tecnologie di machine learning per ridurre le vibrazioni generate nella frenata di oltre il 60%. Soluzioni per l’efficienza energetica e l’affidabilità dell’erogazione di elettricità hanno ridotto i consumi energetici del 10% a partire dal 2017, sfruttando le informazioni in tempo reale rese disponibili da applicazioni quali EcoStruxure Resource Advisor e EcoStruxure Facility Expert.

Le soluzioni EcoStruxure impiegate a Evreux migliorano le performance industriali del centro di distribuzione, ma aprono anche nuove possibilità di innovazione per gli operatori che vi lavorano. La digitalizzazione della supply chain infatti genera un grande volume di dati che offrono una visibilità molto ampia su tutte le attività e permettono di focalizzarsi su ciò che genera più valore aggiunto. All’interno della struttura sono stati inseriti anche cinque veicoli a guida autonoma e si usano esoscheletri per ridurre lo sforzo fisico.

Oltre alla trasformazione digitale, nel sito di Evreux è in corso anche una vera trasformazione energetica, volta a migliorare le performance riducendo però i consumi.  A questo scopo Schneider Electric ha adottato le sue soluzioni EcoStruxure Power e EcoStruxure Building, riuscendo a tagliare del 10% in due anni la spesa energetica complessiva. Con queste soluzioni, si possono controllare da remoto i sistemi di condizionamento dell’aria e i variatori di velocità e ottimizzare i tempi di carico dei veicoli per evitare sovraccarichi. Questo contribuisce a un obiettivo generale: assicurarsi che la bolletta rifletta i reali consumi energetici e quindi ridurre l’impronta ambientale.

Ad oggi il sito riceve circa 180 camion al giorno e si contano quasi 4.500 pallet e 5.000 scatoloni di cartone al giorno. Schneider Electric per ridurre il suo impatto ambientale ha implementato due sistemi di “economia circolare”: quasi il 56% degli scatoloni ricevuti sono riciclati con partner locali mentre i pallet sono inviati a fabbriche site nei pressi della struttura, in Normandia, per essere riutilizzati.  Inoltre, con il programma “Loading Factor”, Schneider Electric massimizza la disposizione delle scatole nei vani di carico dei camion, per ridurne il numero.



Contenuti correlati

  • Sistemi per il trasporto dei prodotti più flessibili con il multi carrier di nuova generazione

    Schneider Electric, – l’azienda più sostenibile al mondo nel 2021 secondo Corporate Knights, e leader nella trasformazione digitale della gestione dell’energia e dell’automazione – presenta il multi carrier Lexium MC12, pensato per trasportare, raggruppare e posizionare prodotti...

  • I/O Blocks Turck Banner controlla i moduli del trasportatore a rulli

    Turck Banner Italia, tra i principali fornitori di sensoristica, illuminatori e segnalatori industriali, sistemi bus e sicurezza, opera con innovative tecnologie nel mondo dell’intralogistica e le sue soluzioni risolvono spesso situazioni progettuali critiche. Gli impianti di movimentazione...

  • Record di produzione ed export per la meccanica varia

    Il 2021 sarà probabilmente ricordato dagli operatori del settore della meccanica varia come l’anno dei record. Secondo le previsioni diffuse dall’Ufficio Studi di Anima, la Federazione che raggruppa il settore, sarà record per quanto riguarda la produzione...

  • Dalla simulazione al virtual commissioning

    La continua crescita di applicazioni concrete ha aumentato i benefici dell’adozione delle tecnologie di gemello digitale (digital twin). Lenze ha voluto superare il concetto di management shell, estendendo il suo supporto agli ambiti della simulazione, della diagnostica...

  • IA e AR cambiano il mondo della manutenzione predittiva

    Nella manutenzione industriale il passaggio dall’approccio reattivo a quello proattivo è in pieno svolgimento e mostra tutti i suoi vantaggi grazie anche al crescente utilizzo delle tecnologie digitali, in particolare dell’Intelligenza Artificiale e della Realtà Aumentata. Processi...

  • Toyota Material Handling e Interroll automatizzano il centro distribuzioni Imnasa
    Toyota Material Handling e Interroll automatizzano il centro distribuzioni Imnasa

    Il sistema di trasporto automatizzato per Imnasa è stato progettato e installato da Toyota Material Handling. Imnasa produce e distribuisce attrezzature nautiche di svariati marchi per aziende e privati. Il punto di partenza per la nuova soluzione...

  • Come la pandemia ha cambiato il ruolo del Supply Chain Director nel business.

    L’emergenza Covid ha evidenziato l’importanza della supply chain per la tenuta del sistema produttivo e ha accelerato l’evoluzione del Supply Chain Director, che oggi è una figura più strategica e coinvolta nelle decisioni di business, nei processi...

  • Digital twin, il modello Industria 4.0 guida lo sviluppo dei gemelli digitali

    I digital twin favoriscono la transizione delle imprese verso i paradigmi della quarta rivoluzione industriale, ma, per implementarli in maniera efficace, la sola integrazione di nuova tecnologia non basta: servono solide competenze in materia di analisi e...

  • Valvole e attuatori nell’era della connettività

    Le tendenze tecnologiche nel settore valvole e attuatori vedono in primo piano la digitalizzazione e la connettività che, unitamente alla sensoristica, stanno trasformando il modo di progettare, installare, gestire e fare manutenzione di questi dispositivi. Che diventano...

  • Come la robotica collaborativa supporta il percorso verso un’industria 5.0

    Dal suo avvento, la robotica collaborativa è stata in grado di ridisegnare i paradigmi di produzione in numerosi settori, incrementando in modo costante automazione, flessibilità e interconnessione. Finora queste applicazioni sono state utilizzate principalmente in ambito industriale...

Scopri le novità scelte per te x