Igiene assoluta  

Pubblicato il 3 novembre 2023

I processi di produzione e confezionamento sensibili all’igiene richiedono sensori che soddisfino requisiti più severi. Leuze lo rende possibile con le serie di sensori destinati all’industria alimentare e con il suo pluriennale know-how applicativo.
Sono pochi i settori in cui le esigenze dei sensori sono così elevate come nell’industria alimentare. Che si tratti di salumi o formaggi, dolciumi o pasticcini, latticini o bevande: L’igiene è sempre un fattore chiave durante la lavorazione e il confezionamento dei prodotti. I sensori in questi settori devono essere resistenti a cicli intensivi di pulizia e disinfezione. La tecnologia deve anche essere in grado di sopportare notevoli fluttuazioni di temperatura. Con i suoi nuovi sensori miniaturizzati in custodie di acciaio inossidabile, Leuze soddisfa tutti i requisiti importanti dell’industria alimentare: resistenza chimica e termica, tenuta stagna e design igienico del prodotto. Classi di protezione come IP67, IP68 e IP69K e le certificazioni ECOLAB, CleanProof+ e JohnsonDiversey confermano che i dispositivi funzionano sempre correttamente anche in ambienti estremamente difficili.

Nell’industria alimentare, i requisiti igienici sono più severi quando il prodotto alimentare o la bevanda non sono ancora protetti da un imballaggio primario. “Ciò pone requisiti elevati ai sensori utilizzati per l’automazione in queste aree”, afferma Steffen Hundt, Product Manager di Leuze. L’azienda garantisce i seguenti quattro requisiti chiave per i sensori utilizzati nell’industria alimentare:

Requisiti chimici: alta resistenza
La pulizia svolge un ruolo fondamentale nel settore dell’imballaggio dell’industria alimentare. I processi di pulizia intensivi, in particolare dopo i cicli di produzione, sono necessari per rimuovere i residui di cibo e prevenire il carry-over batterico. I cicli di pulizia sono numerosi, i tempi di esposizione lunghi e la pulizia preliminare e principale. Inoltre, i sensori devono essere in grado di gestire un’ampia gamma di agenti detergenti diversi, dai detergenti ECOLAB ai vari detergenti schiumogeni e disinfettanti che possono essere acidi o alcalini. Per assicurarsi che i sensori resistano in modo ottimale agli agenti detergenti, Leuze controlla i dispositivi utilizzando il test ECOLAB e le procedure CleanProof+ e JohnsonDiversey. Ciò garantisce la resistenza a lungo termine dell’alloggiamento del sensore.

Requisiti termici: grandi differenze di temperatura
Esistono notevoli differenze di temperatura, soprattutto quando gli alimenti sono collocati nel loro imballaggio primario. Ad esempio: A causa dei prodotti alimentari sensibili trattati nella lavorazione della carne, le temperature variano spesso da 5 a 10°C. Al contrario, la pulizia viene effettuata a temperature estremamente elevate. “Anche in questo caso andiamo sul sicuro con i nostri sensori e testiamo sempre i prodotti in diversi modi: nella camera climatica, con test di shock termico e anche con un test a getto di vapore”, spiega Steffen Hundt.

Tenuta stagna: affidabile e impermeabile
Poiché i sensori sono esposti a condizioni di umidità continua durante la pulizia e poiché vengono utilizzati anche getti d’acqua ad alta pressione, è essenziale l’assoluta tenuta stagna. Leuze testa sempre tutti i sensori utilizzando apparecchiature per il controllo delle perdite. I sensori destinati all’industria alimentare soddisfano i requisiti richiesti per l’omologazione IP69K: Vengono testati utilizzando un getto di vapore con una pressione dell’acqua estremamente elevata, fino a 10.000 kPa e una temperatura fino a 80 °C. La distanza dal sensore durante il test è molto ravvicinata, appena dieci centimetri. Inoltre, il sensore è esposto al getto di vapore da diverse angolazioni per simulare la pulizia nel modo più realistico possibile.

Materiali/progettazione del prodotto: igienico e sicuro per gli alimenti
I sensori installati nelle macchine per il confezionamento devono essere realizzati con materiali approvati per il contatto con gli alimenti. Inoltre, i dispositivi devono essere progettati in modo da poter essere puliti facilmente. Inoltre, non devono accumularsi né batteri né residui di cibo. Per questo motivo, sono necessarie superfici lisce, senza spazi vuoti e cavità. Leuze soddisfa questi requisiti implementando un design igienico del prodotto e utilizzando materiali selezionati conformi alla FDA. Ciò significa che i sensori Leuze per l’industria alimentare hanno una custodia in acciaio inossidabile e coperture ottiche prive di vetro e resistenti ai graffi.

Preciso e robusto allo stesso tempo
I requisiti richiesti rendono evidente la necessità di sistemi di sensori adeguati per i processi di produzione e confezionamento sensibili all’igiene. A tal fine, Leuze ha sviluppato appositamente le serie di sensori 53C e 55C. Si caratterizzano per l’alloggiamento in acciaio inox V4A di alta qualità, particolarmente liscio, e per la copertura ottica senza vetro e antigraffio. In questo modo i sensori sono in grado di resistere a cicli di pulizia e disinfezione impegnativi e a forti oscillazioni di temperatura.

I sensori dell’esperto
Chi vuole andare sul sicuro quando si tratta di sensori utilizzati nell’industria alimentare dovrebbe scegliere un produttore di sensori con una vasta esperienza in questo settore. Steffen Hundt spiega che: “Leuze non solo conosce le sfide degli ambienti sensibili all’igiene, ma da decenni lavora a stretto contatto con i suoi clienti dell’industria alimentare. Le conoscenze applicative complete dei Sensor People vengono messe a frutto per realizzare soluzioni di sensori ottimali per ogni esigenza”. La gamma di prodotti high-tech comprende una serie di sensori diversi per il settore della tecnologia dell’automazione. Ad esempio, sensori di commutazione e di misura, sistemi di identificazione, soluzioni di trasmissione dati e di elaborazione delle immagini, nonché componenti di sicurezza, servizi e soluzioni globali. Un altro vantaggio: Leuze non copre solo un sottoprocesso, ma fornisce ai suoi clienti dell’industria alimentare un’assistenza completa e costante dalla prima all’ultima fase del processo di confezionamento.

Sicurezza alimentare in acciaio inox
Leuze ha sviluppato i sensori delle serie 53C e 55C appositamente per i processi di produzione e confezionamento sensibili all’igiene. Possono essere utilizzati in modo molto flessibile come sensori fotoelettrici a sbarramento, sensori fotoelettrici a riflessione o sensori a tasteggio. A seconda del modello, le soluzioni Leuze rilevano in modo affidabile vetro, PET, pellicole o piccole parti. Anche il livello di riempimento dei liquidi acquosi può essere facilmente rilevato. Le serie di sensori 53C e 55C sono resistenti alla polvere e all’acqua e soddisfano i requisiti delle classi di protezione IP67, IP68 e IP69K. L’alloggiamento è stato progettato in modo coerente per prevenire il trasporto di batteri e la contaminazione. I contorni lisci senza fori di fissaggio impediscono i depositi. A ciò contribuisce anche uno speciale concetto di fissaggio della serie 53C, dal design igienico: Il sensore e la macchina sono collegati a tenuta di gas attraverso il perno di montaggio. Utile: I sensori possono essere configurati, gestiti e manutenuti tramite IO-Link.



Contenuti correlati

  • Robotgames il nuovo concorso di Ucimu Academy per giovani innovatori

    Ucimu-Sistemi per Produrre, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione, Fondazione Ucimu e EFIM-Ente Fiere Italiane Macchine organizzatore di 34.BI-MU, presentano, con il sostegno di Fondazione Fiera Milano, Robotgames . Robotgames  è il nuovo...

  • Sensori che non temono nulla… nemmeno l’isolamento

    Nella realizzazione di una soluzione automatica per il dosaggio di precisione di farmaci, la bolognese Macofar ha scelto i sensori di wenglor. Un sistema meccatronico dosa i componenti in flaconi di vetro in ambienti con stringenti requisiti...

  • AI, sistemi aperti ed edge

    Come possiamo parlare di America senza menzionare Elon Musk! Nessuno riesce a capirlo fino in fondo; a tratti è straordinariamente brillante, come può dunque essere costato miliardi di dollari a se stesso e ai suoi investitori? Blaterando...

  • Digital twin

    Come funziona il gemello digitale nell’ambito dell’automazione industriale? Il gemello digitale è una tecnologia emergente che sta rapidamente guadagnando popolarità nell’ambito dell’automazione industriale. Si tratta di una replica virtuale di un sistema industriale, che può essere utilizzata...

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha un ruolo chiave per la crescita aziendale e l’innovazione Automazione e intelligenza artificiale sono sempre più utilizzati per identificare e...

  • 5 motivi per adottare un cobot

    Qual è il vantaggio rappresentato dai piccoli robot collaborativi (cobot) e perché un numero crescente di grandi imprese sta guardando a questa tecnologia per incrementare la produttività e accelerare l’automazione in fabbrica? Per le grandi aziende, non si...

  • Automazione igienica, flessibile e salvaspazio

    I robot Stäubli, nello stabilimento della tedesca BMI, sono stati utilizzati nella linea di confezionamento per blocchi di formaggio a pasta dura Per produrre 35.000 tonnellate di formaggio a pasta dura all’anno sono necessari circa 350 milioni...

  • Un data space unico e coerente per i costruttori di quadri elettrici

    Come definire il successo nell’industria manifatturiera? Per lungo tempo il successo di un’azienda è stato decretato dalla sua capacità di fornire il prodotto migliore attraverso processi caratterizzati da un alto livello di efficienza economica. Oggi questo non...

  • Mega trend

    Secondo Schaffner sono 3 le principali tendenze che stanno accelerando l’innovazione tecnologica nel campo delle interferenze elettromagnetiche La società moderna sta diventando sempre più digitalizzata ed elettrificata, e molti strumenti che utilizziamo, dal più piccolo dispositivo al...

  • Ucimu: in calo gli ordini di macchine utensili nel quarto trimestre

    Nel quarto trimestre 2023, l’indice degli ordini di macchine utensili elaborato dal Centro Studi & Cultura di Impresa di Ucimu -Sistemi per Produrre segna un calo del 31,1% rispetto al periodo ottobre-dicembre 2022. In valore assoluto l’indice...

Scopri le novità scelte per te x