I vantaggi dell’automazione collaborativa nel mondo della pallettizzazione

Pubblicato il 18 agosto 2022

La pallettizzazione è un candidato eccellente per l’automazione data la natura ripetitiva e fisicamente impegnativa delle sue attività. Ciononostante, molte operazioni critiche di pallettizzazione di fine linea vengono ancora eseguite manualmente.

Questo approccio – soprattutto nelle piccole e medie imprese (PMI) – è comprensibile, ma il potenziale nascosto è molto elevato. L’automazione della pallettizzazione tradizionale è complessa da applicare, programmazione e implementazione sono compiti riservati agli esperti, preferibilmente con anni di esperienza nel campo dell’automazione e questo, per molte PMI, si traduce in un’attività troppo impegnativa.

Inoltre, l’automazione della pallettizzazione tradizionale è costosa e, se si considera l’esborso di capitale e i lunghi tempi di implementazione, i conti non tornano per molti. L’ingombro è un ulteriore ostacolo, in quanto occupa una considerevole quantità di spazio prezioso a causa della necessità di barriere di sicurezza estese.

E così, ancora oggi, nonostante gli ovvi svantaggi e il potenziale bloccato, il lavoro manuale viene utilizzato alla fine di molte linee.

Il mondo problematico della pallettizzazione manuale

La pallettizzazione manuale è un compito duro, poco ergonomico, ripetitivo. Il settore manifatturiero si trova ad affrontare una carenza di manodopera senza precedenti a tutti i livelli di competenza e molte aziende non riescono a trovare personale qualificato con esperienza nella robotica. In definitiva, le PMI si trovano a gestire un duplice problema: i lavoratori non sono disponibili e l’automazione tradizionale è troppo costosa e complessa da gestire.

L’automazione collaborativa aumenta la produttività e risolve i problemi

Negli ultimi dieci anni è emersa una nuova classe di automazione. Conosciuta come “automazione collaborativa”, offre i vantaggi dell’automazione industriale tradizionale – miglioramento di produttività, rendimento, qualità e coerenza – ma in una forma che riduce notevolmente complessità e costi. Inoltre, ha un ingombro molto più ridotto rispetto all’automazione tradizionale della pallettizzazione.

Analizziamone le funzionalità principali.

Facile da implementare

Se la programmazione tradizionale dei robot è un compito per esperti, quella dell’automazione collaborativa può intraprenderla chiunque, anche chi non ha esperienza di robotica. È finita l’epoca delle scomode interfacce “per soli esperti” dei tradizionali sistemi di programmazione, che nell’era collaborativa sono stati sostituiti da software facile da usare, caratterizzato da interfacce agili e intuitive.
Si tratta di una spinta enorme per le PMI, in quanto elimina la complessità che è stata uno dei principali ostacoli all’adozione dell’automazione.

Facilità di implementazione significa anche semplicità di reimpiego, ad esempio per l’introduzione di nuovi articoli da pallettizzare, con un enorme risparmio di costi rispetto alle configurazioni tradizionali. La facilità d’uso consente anche a persone completamente inesperte di configurare un’applicazione in una frazione del tempo necessario nell’automazione di pallettizzazione tradizionale.

Gli elevati livelli di usabilità dell’automazione collaborativa offrono anche un’opportunità di aggiornamento per la forza lavoro esistente. Con un training minimo, gli operatori possono smettere di concentrarsi sul lavoro manuale e assumere ruoli di programmazione: questo eleva il morale e crea un’esperienza su cui si può fare affidamento in ogni successivo riutilizzo.

Riduzione del Total Cost of Ownership   

Poiché l’automazione collaborativa è veramente semplice da utilizzare, occorre meno tempo per configurare un’applicazione di pallettizzazione collaborativa rispetto a una tradizionale.
Inoltre, poiché non è necessario rivolgersi a team di esperti per apportare modifiche alla configurazione della cella, il costo di implementazione si riduce ulteriormente rispetto alle soluzioni tradizionali e il suo TCO più contenuto può permettere alle PMI di adottarla per la prima volta.

 

Di Enrico Rigotti, Area Sales Manager di OnRobot Italia



Contenuti correlati

  • Nuovo palmare RFID: più potente nelle prestazioni, competitivo nel costo

    RFID Global, il distributore a valore aggiunto di sistemi RFID, NFC e Bluetooth Low Energy, annuncia l’ingresso nel catalogo prodotti del palmare RFID in banda UHF C5: frutto dell’evoluzione del precedente C72, il nuovo handheld potenzia le sue capacità...

  • Moxa presenta una nuova generazione di computer industriali x86 per potenziare la connettività delle soluzioni egde per l’industria

    Moxa Inc., azienda tra i leader nel settore delle comunicazioni e delle reti industriali, ha annunciato ufficialmente il lancio di una nuova famiglia di computer industriali (IPC) x86 caratterizzata da affidabilità, adattabilità e longevità eccezionali, per rispondere...

  • La serie K7DD-PQ per il monitoraggio delle condizioni del motore di Omron

    La serie K7DD-PQ è un dispositivo avanzato di monitoraggio delle condizioni del motore progettato per automatizzare il rilevamento di anomalie nei siti di produzione. K7DD si adatta perfettamente alla visione di Omron sulla manutenzione intelligente: raccogliendo, monitorando...

  • Cosa aspettarsi dal futuro dell’ingegneria meccanica

    In tutto il settore manifatturiero, la digitalizzazione sta cambiando il modo in cui le aziende operano e il modo in cui tutti noi lavoriamo. L’Industria 4.0 ha rivoluzionato quasi tutti gli aspetti delle attività industriali, dotando le...

  • Robotgames il nuovo concorso di Ucimu Academy per giovani innovatori

    Ucimu-Sistemi per Produrre, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione, Fondazione Ucimu e EFIM-Ente Fiere Italiane Macchine organizzatore di 34.BI-MU, presentano, con il sostegno di Fondazione Fiera Milano, Robotgames . Robotgames  è il nuovo...

  • AI, sistemi aperti ed edge

    Come possiamo parlare di America senza menzionare Elon Musk! Nessuno riesce a capirlo fino in fondo; a tratti è straordinariamente brillante, come può dunque essere costato miliardi di dollari a se stesso e ai suoi investitori? Blaterando...

  • Digital twin

    Come funziona il gemello digitale nell’ambito dell’automazione industriale? Il gemello digitale è una tecnologia emergente che sta rapidamente guadagnando popolarità nell’ambito dell’automazione industriale. Si tratta di una replica virtuale di un sistema industriale, che può essere utilizzata...

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha un ruolo chiave per la crescita aziendale e l’innovazione Automazione e intelligenza artificiale sono sempre più utilizzati per identificare e...

  • 5 motivi per adottare un cobot

    Qual è il vantaggio rappresentato dai piccoli robot collaborativi (cobot) e perché un numero crescente di grandi imprese sta guardando a questa tecnologia per incrementare la produttività e accelerare l’automazione in fabbrica? Per le grandi aziende, non si...

  • Automazione igienica, flessibile e salvaspazio

    I robot Stäubli, nello stabilimento della tedesca BMI, sono stati utilizzati nella linea di confezionamento per blocchi di formaggio a pasta dura Per produrre 35.000 tonnellate di formaggio a pasta dura all’anno sono necessari circa 350 milioni...

Scopri le novità scelte per te x