Hyper-light Carbon: il nuovo materiale con cui Prosilas migliora la stampa 3D

Pubblicato il 22 marzo 2024

Gli sviluppi più interessanti nell’ambito dell’additive manufacturing riguardano i materiali, che sono gli elementi in grado di conferire caratteristiche uniche ai manufatti: robustezza, leggerezza, qualità superficiale… Con oltre 20 anni di esperienza nel settore della stampa 3D, Prosilas, service e manufacturing consultant italiano con sede a Civitanova Marche e operativo su scala globale, è consapevole delle esigenze primarie dei suoi clienti e lavora per offrire le migliori soluzioni. Un’ulteriore spinta in questa direzione è stata impressa all’azienda dal suo ingresso – nel 2021 nel gruppo internazionale Prototal, il più grande gruppo europeo attivo nella lavorazione dei polimeri. 

Massime prestazioni con Hyper-light Carbon

Tra i tanti vantaggi offerti dalla stampa 3D, uno dei più apprezzati è sicuramente l’utilizzo dell’esatta quantità di materiale necessaria a ottenere il risultato voluto. Così, si ottiene un significativo alleggerimento dei particolari, una caratteristica conferita dalla metodologia di design per additive manufacturing (DfAM) e ricercata ormai in ogni settore produttivo.

Con l’introduzione del nuovo Hyper-light Carbon, a base di Poliammide PA12 caricata con fibra di carbonio, Prosilas offre ora un materiale che eccelle sotto tutti i punti di vista: resistenza elevata, rapporto peso/prestazioni ottimale, qualità superficiale altissima.

Hyper-light Carbon è un materiale nuovo e unico nel mondo dell’additive manufacturing. Siamo orgogliosi di presentare il primo materiale con queste caratteristiche in Italia e in Europa, pronto a sollevare il potenziale di ogni applicazione” spiega Vanna Menco, CEO di Prosilas. “Con Hyper-light Carbon apriamo le porte a un mondo di opportunità per le aziende che desiderano spingersi oltre i limiti e offrire materiali prestazionali progettati per superare sfide uniche e per migliorare le performance dei componenti esistenti”.

Le proprietà del materiale

Quando si parla di leggerezza di un materiale la chiave è la sua densità: Hyper-light Carbon si attesta a 0,82 g/cm3, un valore estremamente basso e adatto ad applicazioni leggere o che richiedono il galleggiamento. Questa leggerezza, peraltro, non va a discapito della robustezza: con una resistenza alla trazione di 50 MPa, superiore a quella di materiali come il Pa2200, Hyper-light Carbon si candida a pieno titolo a rispondere alle necessità di applicazioni estreme come l’aeronautico, la nautica, il motorsport e la costruzione di attrezzature sportive professionali.

Ottima anche la qualità superficiale che Hyper-light Carbon consente di ottenere: una qualità considerata ideale per applicazioni che richiedono un aspetto estetico accattivante senza necessariamente eseguire una ulteriore finitura post stampa. A richiesta, inoltre, Prosilas può consegnare i particolari richiesti anche con un trattamento di black coloring che penetra per pochi decimi di millimetro all’interno del materiale senza alterare le dimensioni del pezzo.

La lavorazione del nuovo Hyper-light Carbon avviene con tecnologia SLS (Selective Laser Sintering) nella stampante EOS P770, che assicura velocità elevata e generose dimensioni dei particolari grazie alla camera da 680x370x540 mm.

Soluzioni avanzate per clienti esigenti

Prosilas è costantemente impegnata nella ricerca di soluzioni che facciano la differenza per i propri clienti. Poter offrire il nuovo Hyper-light Carbon mette le aziende nella condizione di sviluppare le proprie applicazioni con caratteristiche tecnologiche superiori.

“La sua caratteristica principale è la leggerezza: elemento che rende Hyper-light Carbon la scelta ideale per il mondo del racing, dove la riduzione del peso è fondamentale”, spiega ancora Vanna Menco: “Le sue applicazioni possono, però, andare ben oltre: dai droni alle parti volanti, fino all’automazione, questo materiale promette di elevare il livello di performance in moltissimi settori. E non dimentichiamo la sua straordinaria capacità di galleggiamento, che apre la strada a nuove possibilità per l’ingegneria leggera. Il nostro impegno è quello di supportare le aziende nell’affrontare le sfide più impegnative e nell’abbracciare l’innovazione in modo audace ed è quello che ci ha spinto a lanciare Hyper-light Carbon”.



Contenuti correlati

  • Stratasys Origin One
    La stampante 3D Origin One di Stratasys spinge l’innovazione al Bi-Rex

    Origin One, la stampante 3D di Stratasys rivenduta in Italia da Energy Group, società del gruppo SolidWorld Group, ha permesso al Competence Center Bi-Rex di raggiungere significativi traguardi nella produzione di particolari di varia tipologia, utilizzando diversi...

  • SICK partecipa all’edizione 2024 di SPS Italia con tante novità sulla sensoristica

    Soluzioni personalizzate per un futuro su misura. Da qui parte SICK a SPS Italia, la fiera sulla tecnologia e l’innovazione diventata un punto di riferimento per il comparto manifatturiero italiano. Appuntamento a Fiere di Parma, dal 28 al...

  • 3D e Design: come sta cambiando il settore secondo Weerg

    Design e tecnologia rappresentano da sempre un binomio vincente. Da molti anni si parla della rivoluzione che i diversi tipi di innovazioni tecniche hanno apportato all’interno dei campi del design e dell’architettura, negli ultimi decenni un’attenzione crescente è stata rivolta...

  • Commend: comunicazioni efficienti a prova di “rumore” e “sicurezza”

    Quando il rumore aumenta, le comunicazioni devono essere ancora più chiare. Lo sa bene Commend Italia, specialista in sistemi di comunicazione e sicurezza, che ha collaborato con il Gruppo Pittini, produttore europeo specializzato in acciai lunghi per l’edilizia...

  • Schneider Electric presenta EcoStruxure Secure Connect

    Schneider Electric va incontro alle crescenti esigenze di cybersecurity in ambito industriale proponendo EcoStruxure Secure Connect. Nel settore dell’automazione industriale, stiamo assistendo a un aumento significativo di macchine installate e connesse, per le quali la cybersecurity rappresenta un requisito fondamentale. Da...

  • NSK partecipa allo sviluppo di una mano robotica altamente personalizzabile

    NSK e il Centro Aerospaziale Tedesco (DLR, Deutsches Zentrum für Luft- und Raumfahrt) stanno sviluppando una mano robotica che aiuterà ad automatizzare attività manuali, in particolare nell’industria dei servizi. Il concetto ruota attorno a una mano robotica...

  • Un obiettivo preciso

    DGM Mori Additive si è posta una precisa scadenza: aumentare la propria produttività nella stampa 3D con l’aiuto di Festo “Il nostro obiettivo è raggiungere un elevato livello di maturità delle macchine CNC con le nostre macchine...

  • Alex Bellini fatbike cambiamenti climatici
    In viaggio con la mountain bike sostenibile per raccontare i cambiamenti climatici

    Il progetto Eyes On Ice di Alex Bellini riparte dai ghiacci, dalle regioni polari, quei territori inospitali e ostili, ma affascinanti e immensi da cui dipende la nostra sopravvivenza, elementi indispensabili per regolare i delicati equilibri che...

  • Weerg diventa la prima azienda al mondo per numero di HP Multi Jet Fusion 5600

    Weerg innova ancora una volta i processi produttivi legati alla stampa 3D con un nuovo aggiornamento del parco macchine HP Multi Jet Fusion. A partire da marzo 2024, l’azienda guidata da Matteo Rigamonti può contare sul primato nel numero...

  • Il futuro prossimo dell’automazione

    La sempre più rapida evoluzione dei mercati internazionali richiede una chiara identificazione delle principali tendenze che influenzeranno e plasmeranno l’automazione industriale nel 2024 e oltre. Omron condivide sei previsioni per il prossimo futuro. Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x