Hermes Award 2016: ‘nomination’ per cinque aziende

Le soluzioni delle cinque aziende finaliste dell’Hermes Award 2016 verranno presentate il 24 aprile in occasione della serata inaugurale della Hannover Messe 2016. il nome del vincitore sarà proclamato dal Ministro federale tedesco per l’Istruzione e per la Ricerca Johanna Wanka

Pubblicato il 21 aprile 2016

Sono stati resi noti i nomi delle aziende finaliste dell’edizione di quest’anno dell’Hermes Award. Una giuria indipendente presieduta da Wolfgang Wahlster, Presidente del Centro di Ricerca Tedesco per l’Intelligenza Artificiale (DFKI), ha selezionato per l’Hermes Award 2016 cinque aziende. Le loro soluzioni saranno presentate ufficialmente il 24 aprile in occasione della serata inaugurale della Hannover Messe. Sarà il Ministro federale tedesco per l’Istruzione e per la Ricerca Johanna Wanka a rendere noto nell’occasione il nome del vincitore.
“L’Hermes Award è il più importante premio mondiale all’innovazione per l’industria. Lo confermano anche le proposte presentate quest’anno. I cinque finalisti saranno premiati in presenza del Cancelliere Federale Angela Merkel e del Presidente USA Barack Obama. Questo assicura una straordinaria attenzione mediatica non solo su tutte le aziende finaliste, ma soprattutto sull’azienda vincitrice” afferma Jochen Köckler, del CdA della Deutsche Messe.

L’Hermes Award può essere definito l’Oscar internazionale per gli ingegneri. Quest’anno per la prima volta il 40 per cento delle iscrizioni sono arrivate dall’estero. Si sono in effetti iscritte molte più aziende dal Paese Partner USA. La maggior parte delle soluzioni presentate si ricollega ai mega-temi di Industria 4.0 e dei sistemi energetici per il futuro” aggiunge il Prof. Wolfgang Wahlster.
Le aziende che hanno ottenuto la nomination per l’Hermes Award 2016 sono, in ordine alfabetico, le seguenti:

BLOCK Transformatoren-Elektronik, Verden: BLOCK ha presentato EasyB, un interruttore di circuito a 1 canale in grado di proteggere le tensioni di comando, in funzione del bisogno, fino a un flusso totale di 80 A. Grazie al fatto che i canali si indirizzano automaticamente all’accensione, non c’è più bisogno di una lunga fase di lavoro aggiuntiva per l’assegnazione manuale degli indirizzi. Tutti gli elementi funzionali e i punti di raccordo elettrici si trovano in un alloggiamento base. La parametrizzazione del sistema avviene attraverso l’unità di calcolo centrale, ma in qualsiasi momento è possibile effettuare variazioni. EasyB reagisce già al cinque per cento di sovraccarico e limita la corrente di uscita a questo picco. La giuria è rimasta impressionata dall’innovativa combinazione tra larghezza estremamente contenuta del sistema, elevatissima capacità di carico, indirizzamento automatico e funzione di accensione.

DDM Systems, Atlanta, GA, USA: Lo spin-off del famoso Politecnico della Georgia figura tra i finalisti grazie a un processo di produzione additiva per ceramica, il LAMP System CPT6060, che permette di ridurre il processo di fusione di qualità da dodici a cinque fasi di processo. La giuria è rimasta colpita dall’elevato numero di oltre due milioni di raggi UV usati per la fotopolimerizzazione e dalla precisione estremamente elevata, pari fino a dieci micrometri, che questo consente con grandi stampi ceramici di fino a 600 x 600 x 450 millimetri cubi. Il sistema viene usato nel processo di stampa 3D per ottenere stampi a conchiglia con nucleo integrale di altissima precisione direttamente da serie di dati digitali. È così possibile effettuare prototipazione rapida e produzione di serie in un solo impianto. Questo processo high-tech consente di ridurre del 60 per cento i costi di produzione finora sostenuti.

Harting IT Software, Espelkamp, Germania: Il MICA (Modular Industry Computing Architecture) di Harting IT Software è una piattaforma aperta e modulare composta da componenti hardware e software embedded per Industria 4.0. Una innovativa combinazione di tecnologie Linux collaudate rende possibile una virtualizzazione di apparecchi di campo. Anche componenti hardware integrabili dall’utente comunicano attraverso USB, e MICA può essere azionata da Power over Ethernet. Ogni MICA dispone di un chip TPM e supporta SSL e VPN, così da consentire sicurezza di autenticazione e comunicazione per i moduli MICA. La giuria è stata colpita anche dalla soluzione della virtualizzazione leggera attraverso il container LINUX, realizzata da MICA su un apparecchio di campo compatto. Con MICA è possibile dotare di intelligenza macchine e impianti già esistenti e consentire la migrazione dalla fabbrica di tipo tradizionale alla smart factory. Questo permetterà a molte piccole e medie imprese di fare il loro ingresso nel mondo di Industria 4.0.

ITM Power, Yorkshire Meridionale, Gran Bretagna: il prodotto finalista dell’azienda britannica è un impianto compatto per la produzione su misura e flessibile di idrogeno e di ossigeno attraverso l’elettrolisi (Power-to-Gas). La corrente elettrica ottenuta da energie rinnovabili genera idrogeno o metano e può così essere utilizzata per il rifornimento di veicoli o essere stoccata come metano nella rete del gas naturale. Grazie al suo design compatto, l’impianto può essere installato anche presso l’utenza. Per la giuria sono stati elementi di selezione determinanti, oltre alla pressione autogena di 80 bar e alla compattezza delle dimensioni, anche l’elevato rendimento del sistema, pari al 72 per cento, e il breve tempo di avviamento, inferiore a un secondo. Il progetto dà un importante contributo sia alla stabilizzazione delle reti sia alla elettromobilità a base di idrogeno.

J. Schmalz, Glatten, Germania: il modello VSi arrivato in finale è un interruttore sottovuoto e a pressione dotato per la prima volta sia di tecnologia IO-Link sia di tecnologia NFC. L’utente può pertanto leggere e regolare tutti i dati importanti direttamente con terminali mobili come tablet o smartphone. Questo consente di ottimizzare, o di gestire con più efficienza, i processi di produzione direttamente sul posto. Anche i guasti possono essere diagnosticati, analizzati e infine risolti con più efficienza. L’interruttore modulare è un componente adatto a Industria 4.0 e dà un importante contributo alla manutenzione predittiva e alla visualizzazione di dati di processo importanti su di un apparecchio consumer wireless.

 



Contenuti correlati

  • Software industriale: centrale per la crescita

    ‘Digitale e industria: il futuro è adesso’: questo il titolo dell’edizione 2022 di Forum Software Industriale, ultima tappa del percorso di eventi proposti quest’anno da Anie Automazione, qui nello specifico presente con il Gruppo Software Industriale, e...

  • Körber: nuova organizzazione italiana focalizzata sul life science

    Körber espande la propria presenza in Italia con un’organizzazione locale dedicata al supporto del proprio portfolio MES & Intelligence Suite. Da oggi tutte le aziende presenti nel territorio potranno scegliere più facilmente la suite Werum PAS-X MES,...

  • RT-Labs introduce U-Phy: un bus di campo unificato attivato via software

    RT-Labs ha annunciato il lancio di U-Phy, una nuova soluzione basata su software che gli sviluppatori di dispositivi industriali possono utilizzare per eseguire su progetti hardware aperti con due dei più diffusi protocolli di comunicazione industriale (fieldbus):...

  • Quello che c’è da sapere sull’Intralogistica 4.0

    Una delle sfide di Industria 4.0 riguarda l’evoluzione del settore dell’intralogistica. Solo ponendo al centro dell’innovazione processi digitalizzati, interazione uomomacchina e tecnologie abilitanti si può essere competitivi sui mercati globali, garantendo la massima sicurezza per gli operatori....

  • PTC acquisisce ServiceMax, nota nel campo delle soluzioni SaaS di Field Service Management

    PTC ha annunciato di aver firmato un accordo definitivo per l’acquisizione di ServiceMax per circa 1,46 miliardi di dollari in contanti, esente da debiti e cassa, da una società controllata a maggioranza da Silver Lake. ServiceMax è...

  • Gli alleati dell’Industria 4.0

    Industria 4.0 si alimenta di dati che, analizzati, permettono di ottimizzare i processi e migliorare i profitti. Da qui la centralità dei sensori IIoT, del loro monitoraggio e di uno scambio dati sicuro tramite standard come OPC...

  • Abilitatore di tecnologie per l’Industria 4.0: Profibus, Profinet, IO-Link e… Omlox

    Il comparto dell’automazione è il contesto di riferimento in cui opera il Consorzio PI Italia, e proprio per questo l’incontro è stato aperto da un’indagine, elaborata da EMG Different, società milanese di ricerca, che si è rivolta...

  • Red Hat e Intel collaborano per promuovere l’innovazione edge per i sistemi Industry 4.0

    Oggi le imprese raccolgono volumi crescenti di dati dalle fonti più svariate: macchine, dispositivi IoT, sensori, solo per citarne alcuni. Perché questi dati vengano trattati in maniera efficace e portino alla definizione di operazioni aziendali intelligenti, è...

  • Packaging 4.0 ready

    Il cuore di Industria 4.0 è la connettività. Sfruttando i gateway/router Ewon Cosy 131 e Flexy 205, le macchine di Cama Group sono in grado di assicurare evidenti benefici all’utilizzatore finale, oltre che al costruttore Leggi l’articolo

  • Tutto sotto controllo con una app

    Rexroth e Techmass hanno unito le forze per mostrare come sia possibile integrare impianti produttivi e sistemi gestionali in un’ottica di Industria 4.0 Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x