Gen-Z e mondo del lavoro, come conquistare i giovani d’oggi?

Pubblicato il 11 febbraio 2022

a cura di Filippo Giannelli, Responsabile ServiceNow per l’Italia

Ultimamente si parla molto dell’attuale mancanza di talenti, particolarmente diffusa nelle industrie digitali. Gli ultimi dati Eurostat sul tema rivelano, ad esempio, che il 55% delle aziende ha avuto difficoltà a reclutare specialisti IT nel corso del 2019. Una soluzione spesso adottata per rispondere alla richiesta di talenti è quella di rivolgersi alla Gen-Z, ovvero i ragazzi nati tra il 1997 e il 2012 e che iniziano il loro percorso lavorativo.

Non tutte le generazioni sono uguali, però. Le aziende che cercano di sfruttare al meglio i talenti della Gen-Z devono capire cosa li differenzia dagli altri dipendenti e come ottenere il meglio da loro. Recentemente ci siamo occupati della Gen-Z attraverso una ricerca che ha coinvolto 3.024 ragazzi in Italia, Francia e Spagna e abbiamo identificato le caratteristiche che distinguono questa fascia di età dal resto della forza lavoro. Le differenze maggiori sembrano essere un chiaro desiderio di equilibrio tra la vita personale e quella lavorativa, un’esigenza di flessibilità organizzativa e la richiesta di strumenti digitali intuitivi e facili da utilizzare.

Di seguito, esaminerò queste tre aree e proporrò cosa può fare un’azienda per soddisfare le esigenze e conquistare i talenti della Gen-Z.

L’equilibrio tra vita personale e lavorativa

Il primo elemento chiave che distingue la Gen-Z dalle altre è un crescente desiderio di equilibrio tra la vita personale e quella lavorativa. La nostra ricerca ha rilevato che sei persone su dieci di età compresa tra i 18 e i 25 anni in Italia, Francia e Spagna sarebbero disposte a guadagnare meno per poter godere di più del proprio tempo libero.

Questa fusione tra vita lavorativa e professionale si estende anche ai valori. L’immagine e il posizionamento aziendale giocano un ruolo chiave in termini di valutazione da parte della Generazione Z, con il 94%, 92% e 89% degli intervistati rispettivamente in Spagna, Italia e Francia che affermano che l’immagine comunicata dall’azienda su Internet e sui social media è importante.

Come le aziende si possono adattare?

Innanzitutto, le imprese devono concentrarsi sulla creazione di un vero equilibrio per i lavoratori e questo richiede politiche concrete, come ad esempio bloccare le e-mail in determinati momenti della giornata, aumentare le indennità per le ferie o compensare gli straordinari in maniera adeguata. Le aziende dovrebbero anche lavorare sul proprio impegno nei confronti delle attività ESG, molto apprezzate dalla Gen-Z, per creare un luogo di lavoro più felice, più sano, più rispettoso dell’ambiente e sostenibile. Inoltre, è d’obbligo investire in iniziative sulla diversità per attrarre e far rimanere il maggior numero di persone possibile.

L’esigenza di una flessibilità organizzativa

Un altro elemento chiave individuato dalla nostra ricerca è la necessità di una flessibilità organizzativa. Il 77% della Gen-Z in Italia è favorevole a un modello di lavoro ibrido che alterna presenza in ufficio e da remoto, la percentuale è del 73% in Spagna e del 76% in Francia.

È importante notare che questo non è solo un elemento distintivo per le nuove start-up. Le multinazionali, ma anche le PMI, sono ancora l’opzione di lavoro più interessante per il 59% della Gen-Z in Italia, il 60% in Francia e il 75% in Spagna. Questo significa che qualunque sia l’attività, l’ufficio com’era prima della pandemia difficilmente tornerà di moda.

In questo caso, i responsabili aziendali non devono cercare di costringere i lavoratori a rientrare in sede. L’ideale è impostare una discussione aperta e onesta su ciò che i dipendenti vogliono veramente e cercare di soddisfarlo. Si potrebbe svolgere un sondaggio, organizzare un meeting o raccogliere feedback per capire come procedere. Il lavoro in modalità ibrida dovrebbe comunque essere offerto come impostazione predefinita, indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda. Nel momento in cui si pianificano i processi in modalità da remoto sin da subito, questi saranno veramente resilienti e funzioneranno con la stessa efficacia sia in ufficio che a casa.

Il lavoro ibrido consente poi di oltrepassare i limiti geografici e di ampliare il pool di potenziali assunzioni a un’area molto più ampia, consentendo di cercare il miglior talento che si può trovare, piuttosto che il più vicino.

L’importanza di strumenti digitali intuitivi e facili da utilizzare

Infine, come ci si potrebbe aspettare dalla prima generazione veramente nativa digitale, la ricerca ha mostrato che la Gen-Z vede gli strumenti informatici come una parte essenziale del lavoro. Il 92% del campione italiano ritiene importante che la propria azienda integri le ultime tecnologie digitali come i software collaborativi o l’Intelligenza Artificiale (81% in Francia e 91% in Spagna). La maggioranza del campione indica anche che gli strumenti devono essere facili e accessibili. Il 92% dei ragazzi italiani afferma che gli strumenti di business digitali devono essere di facile accesso e intuitivi come quelli che utilizzano nella loro vita privata (88% in Francia e 95% in Spagna).

Per le aziende, questo significa che è fondamentale seguire un processo continuo di trasformazione e ottimizzazione digitale. In un mondo in cui l’accesso alla tecnologia più recente è fondamentale, la trasformazione non può essere una tantum. Non riuscire a garantire i vantaggi della trasformazione digitale comporterà una rapida perdita di competitività.

Fortunatamente, offrire strumenti semplici e intuitivi non è mai stato così facile. Le aziende che desiderano creare questi strumenti per la propria forza lavoro possono utilizzare tecnologie come applicazioni low-code/no-code per sfruttare i vantaggi di una collaborazione ottimizzata e mantenere le proprie attività in uno stato di continua trasformazione.

L’ultimatum della Gen-Z

È importante rendersi conto che i desiderata della Gen-Z non sono negoziabili. In generale, la forza lavoro sta invecchiando rapidamente e la carenza di talenti sta già erodendo il vantaggio competitivo di molte aziende.

Sfruttare il talento della Gen-Z è una risposta, ma a certe condizioni. La scelta è semplice, le aziende che sono disposte e sono in grado di cambiare i processi e i modi di lavorare per attrarre nuovi talenti, trarranno vantaggio dalla ricchezza di idee e dalle nuove prospettive che hanno i giovani. Le aziende che non possono, o non vogliono, rischiano di perdere i talenti duramente guadagnati e smettere di essere competitive.



Contenuti correlati

  • Comau e il Politecnico di Bari collaborano per lo sviluppo di progetti innovativi

    Comau e il Politecnico di Bari rinnovano il loro impegno nel percorso di collaborazione quinquennale, siglato lo scorso anno, che ha permesso l’avvio del laboratorio pubblico-privato ‘Cognitive Diagnostics, mirato allo sviluppo di soluzioni innovative nel campo della...

  • Sistema sanitario, ecco la rivoluzione guidata dai dati

    L’utilizzo di dati sanitari ha un potenziale enorme per modificare profondamente il sistema medico e renderlo più sostenibile e accessibile. Lo stiamo già vedendo: dati accurati e aggiornati, resi costantemente disponibili e presenti là dove servono per...

  • È SaaS il futuro della digitalizzazione?

    Il prossimo passo verso il futuro è la trasformazione digitale e l’utilizzo della connessione delle tecnologie cloud per convertire le complessità in vantaggio competitivo Leggi l’articolo

  • Transizione energetica e digitalizzazione

    Crisi energetica e nuovi investimenti sulle reti Leggi l’articolo

  • Meno atomi, più bit

    Un convegno organizzato da Anie Automazione ha fatto luce sul tema della servitizzazione: la digitalizzazione porta all’introduzione di nuovi modelli di business anche nel settore dell’automazione, dove il valore di un prodotto è sempre meno legato alla...

  • I 75 anni di Lenze, verso il futuro dell’automazione

    Lenze compie 75 anni e, forte dell’esperienza costruita nella sua lunga storia e delle forti competenze IT, punta per il futuro a proporsi sempre più come partner per l’automazione dei clienti, investendo e collaborando con loro allo...

  • ServiceNow: 5 tendenze tra dati, talenti e metaverso

    ServiceNow, dal suo punto di vista privilegiato di fornitore di servizi e piattaforme cloud aziendali, osserva e analizza costantemente quali sono le priorità tecnologiche che potrebbero guidare gli obiettivi strategici delle organizzazioni nei prossimi mesi. Nel 2023...

  • Cybersecurity da 4.0 a 5.0

    La protezione di impianti e macchine nell’industria come nelle utility costituisce un ‘must’ per garantire il successo dei processi di digitalizzazione in ottica 4.0 e, in un futuro ormai prossimo, 5.0 Leggi l’articolo

  • L’uomo fa la differenza

    Mi è capitato sul finire del 2022 di partecipare al ‘B2Best Award’, evento organizzato da Anes (Associazione Nazionale Editoria di Settore) durante il quale sono stati conferiti dei premi ad aziende e start-up operanti nell’universo B2B, distintesi...

  • Il futuro secondo Cisco: i trend tecnologici del 2023

    Il nuovo anno è alle porte, tempo quindi di bilanci e di previsioni per un 2023 che si preannuncia pieno di sfide e di innovazioni tecnologiche. Reti predittive potenziate dall’intelligenza artificiale, multicloud, futuro del lavoro, sostenibilità e...

Scopri le novità scelte per te x