Farnell presenta la Famiglia Arduino Portenta per lo sviluppo di applicazioni low code industriali IoT

Pubblicato il 30 agosto 2020

Farnell, distributore di prodotti per lo sviluppo, ha aggiunto Portenta H7, il modulo più recente di Arduino, alla sua ampia gamma di computer a scheda singola. Il dispositivo risponde alla crescente domanda da parte di piccole e medie imprese (PMI) e di maker professionisti di sistemi hardware low-code modulari che supportino lo sviluppo dell’IoT. La famiglia Arduino Portenta propone schede a basso consumo, progettate specificamente per applicazioni industriali e elaborazioni edge per AI e robotica, presentando un nuovo standard per l’interconnessione ad alta densità in grado di supportare periferiche avanzate.

Il primo membro della famiglia, il modulo Arduino Portenta H7, comprende tutto ciò di cui si ha bisogno per iniziare a sviluppare un hardware IoT, compresi il chip di cripto-autenticazione e i moduli di comunicazione per WiFi, Bluetooth a Basso Consumo, LTE e Narrowband IoT. La sua piattaforma per applicazioni low-code con hardware modulare permette alle aziende e ai maker di costruire, misurare e iterare, evitando lunghi progetti di integrazione, e gli utenti possono trarre vantaggio dal valore e dalla praticità della nuova piattaforma di sviluppo di applicazioni Arduino IoT (Arduino IoT cloud, Pro IDE con integrazione cloud, editor UI IoT), per semplificare la creazione e la distribuzione di prodotti connessi ai clienti sul mercato.

La sua combinazione di prestazioni e flessibilità rende la scheda adatta per applicazioni nelle quali la prestazione è un aspetto fondamentale, come macchinari industriali di fascia alta, attrezzature da laboratorio, computer vision, PLC, interfacce utente per l’industria, robotica, dispositivi mission-critical, computer fissi dedicati e alta velocità boot di calcolo.

Portenta H7 utilizza dual-core ARM Cortex-M7 e Cortex-M4 che funzionano rispettivamente a 480 MHz e 240 MHz, in grado di far funzionare codici ad alto livello, come stack di protocollo, machine learning o persino linguaggi interpretati, come MicroPython e JavaScript assieme a task a basso livello in tempo reale. Segue il fattore di forma di Arduino MKR, il che significa che qualsiasi scudo industriale esistente MKR potrà essere utilizzato; è in grado di eseguire codice Arduino, Python e Javascript e funziona a una gamma di temperature industriali (da -40 a 85 °C).

Le caratteristiche comprendono:
• Processore: STM32H747XI Arm Cortex-M7 dual + M4 MCU 32bit a bassa potenza.
• Connettività:
• Il modulo wireless integrato permette la connettività simultanea di WiFi e Bluetooth. L’interfaccia WiFi può essere messa in funzione come un Punto di Accesso, una Stazione o come AP/STA simultaneo dual mode e può gestire una velocità di trasmissione fino a 65 Mbps. L’interfaccia Bluetooth supporta Bluetooth Classico e BLE.
• Transceiver di strato fisico 10/100 Ethernet.
• Transceiver USB ad alta velocità.
• Memoria: comprende opzioni fino a 64 MByte di SDRAM e 128 MByte di QSPI Flash.
• Video: Porta display sopra la porta USB di Tipo C.
• Encription: NXP SE050C2 Crypto.
• Pin GPIO: La famiglia Portenta lancia inoltre un nuovo standard di pin, aggiungendo due connettori ad alta densità da 80 pin sotto la scheda per assicurare la scalabilità di un’ampia gamma di applicazioni.
• Supporto Scheda SD: Interfaccia per connettore di Scheda SD (solo attraverso la porta di espansione).
• Temperatura di funzionamento: da -40 °C a +85 °C (escluso modulo wireless) / da -10 °C a +55 °C (incluso modulo wireless).

Cliff Ortmeyer, Global Head of Technical Marketing di Farnell, ha dichiarato: “Farnell propone un’ampia gamma di soluzioni modulari che permettono ai clienti di ridurre il time to market e ottimizzare la potenzialità degli sviluppi IoT. Combinando prestazioni e flessibilità straordinarie, l’Arduino Portenta H7 può essere utilizzato come qualsiasi altra scheda microcontroller integrata o come il principale processore di un sistema integrato. La scheda può inoltre eseguire codici elaborati con TensorFlow Lite, in modo da poter avere uno dei core che elabora algoritmi di computer vision, mentre l’altro core svolge operazioni a livello basso, come controllare un motore o agire come interfaccia utente. Questo modulo è un’ottima nuova aggiunta alla nostra gamma e garantisce a piccole e medie imprese e a maker professionisti gli strumenti per sviluppare soluzioni IoT, senza dover investire in risorse ingegneristiche specializzate.”

Portenta H7 è disponibile da Farnell in EMEA, Newark in Nord America ed element14 in APAC.

 

 



Contenuti correlati

  • Gestire segnali e alimentazione dei sensori nella IIoT

    I sistemi di automazione di fabbrica si basano su nodi di rilevamento intelligenti, che costituiscono la base della Industrial Internet of Things (IIoT). Per questo, diventa fondamentale la scelta dei sensori analogici e dei componenti di gestione...

  • ProgettistaPiù 2023: Automazione in Acqua

    La Redazione di Automazione Oggi propone il 25 gennaio 2023, nell’ambito della seconda edizione del convegno in streaming ProgettistaPiù, frutto della sinergia tra Quine e TraceParts, una mattinata, dalle 9.30 alle 12.30, dedicata al tema “L’Automazione nei 4.elementi: ARIA. ACQUA. TERRA. FUOCO.“ La sessione dedicata all’Acqua, intitolata Acqua: “scoprire” il mare...

  • La birra si affida all’IIoT

    Grazie alle soluzioni di PTC e alle funzionalità cloud offerte da Microsoft Azure, Carlsberg è stata in grado di sviluppare, scalare e distribuire una serie di applicazioni IIoT lungo tutti i suoi 28 stabilimenti dislocati nel mondo....

  • Piattaforme IIoT, orientarsi tra soluzioni proprietarie e open source

    Le infrastrutture e le piattaforme di gestione per la IoT industriale costituiscono una fondamentale leva d’innovazione per realizzare la quarta rivoluzione industriale. Non sempre, però, è semplice individuare la soluzione giusta. Di seguito qualche indicazione utile nella...

  • Gli alleati dell’Industria 4.0

    Industria 4.0 si alimenta di dati che, analizzati, permettono di ottimizzare i processi e migliorare i profitti. Da qui la centralità dei sensori IIoT, del loro monitoraggio e di uno scambio dati sicuro tramite standard come OPC...

  • I consumi di potenza in progetti IoT/IIoT

    Qual è il fabbisogno energetico di un tipico dispositivo connesso in modalità wireless? Come si misurano i consumi? Come prevedere, in maniera accurata, quale sarà la durata della batteria? Leggi l’articolo

  • L’indissolubile unione tra reale e virtuale

    La tecnologia del digital twin, integrata ad altre soluzioni come l’IIoT, può portare grandi benefici a livello sia di produzione, grazie alla possibilità di eseguire simulazioni illimitate di macchinari e sistemi, sia di prodotto, aiutando a comprendere...

  • Lorawan nell’industria

    Lo standard Lorawan è una specifica Lpwan (Low Power Wide Area Network) derivata dalla tecnologia LoRa e standardizzata a cura della LoRa Alliance. Recentemente emersa nel settore dei sistemi di comunicazione nel contesto dell’Internet of Things (IoT),...

  • Soluzioni Delta, intelligenti e a basso consumo, per l’IIoT a SPS 2022

    Delta, fornitore mondiale di soluzioni per la gestione dell’energia e l’automazione industriale, presenta all’SPS di Norimberga 2022 una vasta gamma di soluzioni hardware e software intelligenti, a basso consumo e completamente integrate per l’automazione industriale, progettate per le...

  • Il potenziale del metaverso industriale secondo un report di Molex

    Molex ha pubblicato un nuovo rapporto in cui si analizza il mondo emergente del metaverso industriale e i suoi impatti sulle infrastrutture Internet of Things (IoT) di prossima generazione. Per aiutare le aziende a prepararsi per il...

Scopri le novità scelte per te x