Drillmec affida la progettazione e la gestione del ciclo di vita dei prodotti a PTC

Pubblicato il 25 giugno 2021

Drillmec SpA ha scelto le soluzioni di PTC quale piattaforma tecnologica sulla quale strutturare le attività di progettazione, gestione del ciclo di vita e distribuzione delle informazioni di prodotto in ottica IoT.

Parte di Meil Group – Megha Engineering & Infrastructures Limited, una delle più grandi società internazionali operanti nel settore delle infrastrutture, Drillmec è una eccellenza italiana che opera in ambito di progettazione, produzione e installazione di impianti di perforazione e workover per applicazioni onshore e offshore. L’azienda, che ha sede a Gariga di Podenzano (PC), dispone delle tecnologie più avanzate e vanta un portafoglio di prodotti adatto a lavorare ovunque, dal deserto africano alle aspre catene montuose americane. Le sue attrezzature vengono impiegate in ogni parte del mondo da tutti i più grandi contractor per la perforazione.

Nell’ambito di un piano strategico volto ad aumentare l’efficienza operativa e il livello di servizio alla propria clientela, il management di Drillmec ha lanciato un programma che, oltre a spingere sulla sinergia con le altre società del Gruppo, ha portato a rivedere i suoi processi organizzativi e ad aggiornare gli strumenti di sviluppo e gestione dei prodotti, a partire dalle piattaforme CAD e PLM.

L’utilizzo delle sue attrezzature nei cantieri di tutto il mondo per le perforazioni onshore e offshore giorno dopo giorno conferma l’efficacia delle sue soluzioni tecniche, nonché del pluridecennale know-how di cui l’azienda dispone. Con particolare riferimento al settore petrolifero, Drillmec offre expertise e soluzioni che coprono le esigenze della clientela a 360 gradi: design, produzione, messa in servizio e assistenza, che viene fornita per operazioni di perforazione onshore (con impianti, anche mobili, convenzionali e idraulici), di perforazione offshore e di workover.

Se in passato ci si poteva organizzare con strumenti e metodologie di tipo tradizionale, oggi l’imponenza dei progetti e le risorse delocalizzate impongono un supporto certo, puntuale e strutturato dal punto di vista progettuale, ingegneristico e collaborativo. E una resilienza senza pari, che deve portare i team di tecnici e ingegneri ad essere pienamente operativi anche nelle condizioni più critiche, come quelle che si sono verificate durante il periodo di crisi dovuta alla pandemia Covid-19 che ha colpito anche l’industria petrolifera.

Inizialmente, Drillmec si è affidata a Windchill, la suite di PTC dedicata alla gestione del ciclo di vita del prodotto. Con essa l’azienda è stata fin da subito in grado di risolvere gran parte delle criticità a cui, abitualmente, i team di lavoro dovevano far fronte quando affrontavano nuovi progetti.

Oggi, oltre a Windchill, il “pacchetto” delle soluzioni PTC a cui Drillmec ha scelto di affidarsi comprende Creo e ThingWorx e si integra con altre soluzioni che l’azienda ha scelto di implementare su piattaforma Microsoft Azure relativamente agli Analytics e alle attività di service e supporto tecnico (ACD, Automatic Call Distribution e S&PI, Service and Parts Information). Per garantire la connettività in modo flessibile, affidabile e sicuro con qualsiasi macchina, attrezzatura o device distribuito, nonché con le altre piattaforme software industriali di cui Drillmec si serve – come Ignition di Inductive Automation – viene utilizzato ThingWorx Kepware Edge di PTC.

Si tratta di un modulo che sfrutta la connettività nativa con ThingWorx e che permette, insieme ad esso, di implementare e distribuire in modo agile e flessibile applicazioni in ottica IIoT (Industrial Internet of Things).

Nel suo insieme, la piattaforma basata sulle soluzioni software di PTC a cui Drillmec si è affidata le consente di gestire le informazioni in modo consistente e strutturato con tutti gi stakeholder coinvolti nelle operations, i quali hanno la necessità di condividere dati univoci, in modo certo e in tempo reale. La soluzione precedente a cui Drillmec si affidava si basava sull’utilizzo di un insieme di sistemi differenti che, spesso, non comunicavano nemmeno tra di loro, rendendo di fatto le attività di condivisione del dato macchinose e insicure.

Con le soluzioni di PTC, oggi il dato è univoco. Tutti – utenti, fornitori, clienti – sono in grado di cooperare ad un progetto in modo strutturato, efficace e collaborativo, con l’ulteriore vantaggio di disporre di strumenti non solo tecnologicamente all’avanguardia, ma anche integrati con il sistema gestionale centrale.



Contenuti correlati

  • #ThinkBigStartSmall

    La teoria dimostra come la condivisione di dati e le informazioni lungo l’intera catena del valore consentano nuove modalità di cooperazione più efficaci tra produttori, fornitori, fornitori di servizi e utenti finali. Ma come è possibile creare...

  • Conrad Sourcing
    Il futuro della tecnologia edilizia di Conrad è sostenibile e hi-tech

    Con oltre 375.000 prodotti la piattaforma Conrad Sourcing dispone tutto ciò di cui i professionisti della tecnologia degli edifici necessitano per il loro lavoro. Sia che si tratti di espansione, funzionamento, manutenzione o riparazione, i clienti Conrad...

  • Progetto Repair: a Pompei robotica e digitalizzazione aiutano l’archeologia

    A Pompei, la prima volta una tecnologia d’avanguardia sarà utilizzata per la ricostruzione fisica di manufatti archeologici, in gran parte frammentati e di difficile ricomposizione. È questo l’obiettivo del progetto europeo “RePAIR”, acronimo di Reconstruction the past:...

  • Scott Russell SAP trasformazione digitale
    Trasformazione digitale e post-pandemia, quali prospettive per le aziende?

    Durante l’ultimo decennio, la sfida più importante per le aziende è stata quella di non perdere il treno del digitale. La pandemia e le sue conseguenze, come il lavoro da remoto e la resilienza delle catene di...

  • EBV Elektronik NaBi Solo
    NaBi Solo è il tracker a lunga autonomia di EBV Elektronik

    EBV Elektronik collabora con General Mechatronics, azienda altamente innovativa con sede a Budapest. General Mechatronics Ltd ha ideato un dispositivo di rilevamento intelligente progettato per l’uso in sistemi e applicazioni di tracciamento delle risorse. Fondata nel 2012...

  • I risultati della ricerca “Industrial IoT: A Reality Check” di Reply

    La nuova ricerca “Industrial IoT: A Reality Check” di Reply esplora due aree chiave che stanno spingendo la crescita dell’IoT all’interno del mercato industriale: smart factory e smart transport & logistics. Connettendo macchinari e strumenti, l’Industrial IoT...

  • Dalla parte dell’operatore

    IoT, intelligenza artificiale, collaborazione uomo-macchina, digitalizzazione, flessibilità e scambio dati. Come lo sviluppo tecnologico sta trasformando le macchine in importanti alleati per la qualità e la salvaguardia degli operatori in ottica ‘smart production’? Leggi l’articolo

  • Trasportare (in) sicurezza

    I robot mobili si stanno rivelando soluzioni efficaci capaci di incrementare tanto la produttività, quanto la sicurezza dei luoghi di lavoro Leggi l’articolo

  • Il sogno diventa realtà

    Grazie alla combinazione di edge computing e IIoT con le reti di quinta generazione (5G), la prospettiva di una produzione che funziona in modo autonomo sta diventando realtà Leggi l’articolo

  • Convergenza fra rete e sicurezza

    Sicurezza e rete devono costituire un unico sistema integrato, in modo che ogni volta che l’infrastruttura di rete si evolve o si espande, la sicurezza sia in grado di adattarsi automaticamente al nuovo ambiente Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x