Boom per la Digital Transformation in UE: entro il 2027 si sfioreranno i 900 miliardi di dollari di fatturato

Il Regno Unito detiene la quota di maggioranza: seguono la Germania, la Francia e l’Italia. A proposito di made in Italy, il 61% degli imprenditori è convinto che gli investimenti digitali cresceranno nel corso dei prossimi anni (+4% sul 2021 entro la fine dell’anno). Tra i settori più coinvolti dalla digital revolution in atto ecco la finanza e i servizi B2B che stanno cambiando grazie a consulenti digitali, app e piattaforme innovative: tra queste spicca “Agevolazioni 24ORE”, nuovo portale realizzato da Gruppo Finservice S.p.A., che offre consulenze mirate di finanza agevolata a supporto di aziende e professionisti

Pubblicato il 28 novembre 2022

Digitalizzazione e digital transformation vanno di pari passo con gli investimenti: questo è il concetto che emerge da una serie di ricerche condotte sulle principali testate internazionali dell’universo economico. Le prime conferme in merito giungono da Maximize Market Research: a livello europeo, il mercato si svilupperà a tal punto da sfiorare i 900 miliardi di dollari entro il prossimo quinquennio con una crescita media annuale composta del 25,3%.

Entrando più nello specifico, il Regno Unito detiene la quota di maggioranza davanti a Germania, Francia e Italia. Restando in ottica made in Italy, il 61% degli imprenditori conferma quanto indicato dalle fonti citate in precedenza, affermando che gli investimenti digitali sono destinati a crescere nel corso dei prossimi anni. Ma non è tutto perché nel corso del 2022, quasi la metà delle grandi imprese e PMI italiane ha aumentato il proprio budget per favorire la propria digital transformation: in questo senso si prevede una crescita superiore al 4% in termini d’investimenti rispetto all’annata precedente. Ma quali sono i settori operativi più coinvolti da questa ondata digitale? Stando a quanto indicato da Technology Review, la finanza è uno dei principali: infatti, vengono messi in risalto cloud solutions, app innovative, virtual service immersivi e persino piattaforme di ultima generazione.

A questo proposito, emerge un portale made in Italy tra quelli più innovativi: si tratta di Agevolazioni 24ORE, realizzato da Gruppo Finservice S.p.A. con l’obiettivo di individuare le migliori opportunità di finanza agevolata in linea con le esigenze dei singoli utenti e di offrire consulenza one to one accessibile direttamente online.

“Il mondo della finanza sarà sempre più influenzato dalla digital transformation” afferma Guido Rovesta, presidente del Gruppo Finservice. “Per questo motivo abbiamo lanciato questa piattaforma a supporto di aziende, studi professionali e commercialisti: sarà la via più veloce e smart per rispondere al fabbisogno delle imprese che necessitano di informazioni ed aggiornamenti puntuali sulle migliori opportunità di finanziamenti ed agevolazioni. Utilizzare Agevolazioni 24ORE è semplice e inizia con la registrazione della singola azienda o dello studio professionale d’appartenenza attraverso l’inserimento di dati e indicazioni che vengono utilizzati dagli esperti per effettuare una profilazione dettagliata dell’utente. In questo modo, la piattaforma propone ai singoli utenti una serie di bandi e agevolazioni in linea con i loro interessi e necessità grazie anche ad una componente di intelligenza artificiale”.

Ulteriori spunti in tema digital finance provengono da uno studio elaborato da Deloitte che evidenzia alcuni dei trend più rappresentativi del settore. L’attenzione si focalizza, in particolar modo, su robot e algoritmi che, entro il 2025, saranno al fianco della forza lavoro finanziaria con l’obiettivo di fornire servizi ancora più efficaci e regalare a clienti e partner risultati estremamente soddisfacenti.

La digitalizzazione avrà degli effetti anche sui metodi di lavoro dei dipendenti che, in vista dei prossimi anni, saranno sempre più orientati a lavorare da remoto o in forma ibrida. “Tutto questo dovrà però combinarsi al meglio con l’evolversi delle necessità delle imprese e con le sfide sempre più importanti che si troveranno ad affrontare nel contesto macroeconomico attuale”aggiunge Rovesta. “Per questo l’innovazione dovrà sempre essere appoggiata dalla capacità umana di approfondire, consigliare e supportare con un mix di tecnologia ed esperienza pluriennale”.

Foto apertura, Fonte Shutterstock



Contenuti correlati

  • Cybersecurity da 4.0 a 5.0

    La protezione di impianti e macchine nell’industria come nelle utility costituisce un ‘must’ per garantire il successo dei processi di digitalizzazione in ottica 4.0 e, in un futuro ormai prossimo, 5.0 Leggi l’articolo

  • L’uomo fa la differenza

    Mi è capitato sul finire del 2022 di partecipare al ‘B2Best Award’, evento organizzato da Anes (Associazione Nazionale Editoria di Settore) durante il quale sono stati conferiti dei premi ad aziende e start-up operanti nell’universo B2B, distintesi...

  • Fiducia che gli investitori in Matix e nella trasformazione dei processi

    Matix, spin off di AzzurroDigitale, la società fondata da Carlo Pasqualetto, Jacopo Pertile e Antonio Fornari, specializzata nella realizzazione di progetti di digital transformation “human centered” per il mondo manifatturiero, comunica di aver chiuso un nuovo seed...

  • Il futuro secondo Cisco: i trend tecnologici del 2023

    Il nuovo anno è alle porte, tempo quindi di bilanci e di previsioni per un 2023 che si preannuncia pieno di sfide e di innovazioni tecnologiche. Reti predittive potenziate dall’intelligenza artificiale, multicloud, futuro del lavoro, sostenibilità e...

  • Da Infor le previsioni sull’evoluzione del settore manifatturiero

    Per le aziende del settore manifatturiero e le smart factory, il 2023 si presenta come un anno di grandi sfide, che ha ereditato i numerosi problemi causati dalla pandemia, primo fra tutti le interruzioni della supply chain....

  • Stefano Guidotti P101 green tech
    Green Tech: sono 78 gli unicorni del settore. E l’Italia cerca il suo

    South Pole, fondata in Svizzera e operante in 50 paesi con 23 sedi e 700 dipendenti, opera nel crescente settore della mitigazione climatica. Negli ultimi 7 anni le startup green che hanno assunto valorizzazioni superiori al miliardo...

  • Etichette elettroniche per informare: lo studio Total Economic Impact

    Il mondo del retail sta vivendo un’inarrestabile evoluzione e si trova ad affrontare forti pressioni dettate da fattori che fino a poco tempo fa erano imprevedibili: l’aumento dei costi di produzione e delle materie prime, i rincari...

  • Realtà Virtuale per il Virtual Commissioning dei Sistemi Manifatturieri Complessi

    Il Virtual Commissioning permette di simulare il comportamento fisico di macchine e impianti industriali, utilizzando modelli digitali tridimensionali. Con opportuni strumenti di Realtà Virtuale, i tecnici possono immergersi nella simulazione, familiarizzando con le macchine di futura installazione,...

  • Digitalizzazione e tradizione per una pizza di qualità

    Con la sua proposta di soluzioni intelligenti per l’industria alimentare, Eaton ha supportato il percorso di trasformazione tecnologica e digitale di diverse aziende. Megic Pizza ha scelto le soluzioni di Eaton per automatizzare e digitalizzare il ciclo...

  • Quattro pilastri della Smart Factory

    I pilastri della Smart Factory, che determineranno la produzione automotive del futuro, comprendono: digitalizzazione, intralogistica, integrazione IT-OT ed ecosistemi industriali. Che cosa bisogna aspettarsi ora in termini di mobilità ambientale. Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x

  • Cybersecurity da 4.0 a 5.0

    La protezione di impianti e macchine nell’industria come nelle utility costituisce un ‘must’ per garantire il successo...

  • L’uomo fa la differenza

    Mi è capitato sul finire del 2022 di partecipare al ‘B2Best Award’, evento organizzato da Anes (Associazione...