Digital Supply Chain: risolvere la crisi (anche) con la digitalizzazione

Carenza di materie prime, rallentamenti della catena di approvvigionamento. Alcune riflessioni su come applicare un valido supply chain management

Pubblicato il 24 maggio 2022
Riccardo Rossi, Consulting Manager di HiSolution

Di Riccardo Rossi, Consulting Manager di HiSolution

La pandemia ha sferrato un duro colpo all’economia globale e il conflitto in Ucraina ha peggiorato la situazione generando in più momenti gravi interruzioni della Supply e della Digital Supply Chain.

I CIO e i Supply Chain Manager si trovano ad affrontare i rischi di fornitura, picchi delle domande e un difficile controllo della catena di approvvigionamento.

Ma non solo, si trovano a dover mantenere un buon livello di servizio per i clienti di fronte a un’importante carenza produttiva. Infatti, ancora oggi, le restrizioni sulla circolazione delle merci, provocano interruzioni del transito che dilatano i tempi di consegna. Una situazione che spinge a riorganizzare le priorità nei movimenti in entrata e in uscita e a ripianificare la gestione delle spedizioni. Una vera e propria crisi della Supply Chain.

Un recente studio commissionato da un’importante azienda all’istituto di ricerca OnePoll, mostra come il 51% dei ritardi della supply chain abbiano avuto un forte impatto sulle aziende nell’ultimo anno, soprattutto in termini di fermo produzione. Infatti, mentre nel periodo gennaio-maggio 2021 le aziende registravano una media di 36,8 giorni di fermo produzione a causa dei colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento, a otto mesi di distanza è stato evidenziato un ulteriore aumento del 20%. Percentuale pari a 44,2 giorni di fermo produzione verificatisi in media negli ultimi dodici mesi.

Le aziende si stanno muovendo per colmare il divario che separa ricerca di resilienza (indispensabile per la convivenza con questa problematica) e sviluppo di una catena di approvvigionamento più robusta e stabile.

Sicuramente i colli di bottiglia hanno messo le aziende di fronte ad un problema reale e alla necessità di trovare nuove strade per un buon Supply Chain Management. Vediamole insieme.

Sicuramente investire sull’automatizzazione dei nodi chiave dei processi della catena di approvvigionamento è un buon punto di partenza per sopravvivere e migliorarsi. Per aziende, grandi magazzini, uffici. L’intelligent automation consente un notevole miglioramento delle capacità di pianificazione della catena e dei suoi punti critici. L’intelligenza artificiale e la blockchain, ad esempio, grazie alla tracciabilità dei dati, aggiungono maggiore integrità e visibilità in termini di sicurezza per le catene di approvvigionamento. Nel 2022 parliamo di investimenti su abilitatori digitali avanzati, come il cognitive planning e gli analytics basati sull’AI.

Consapevoli degli strascichi della pandemia e degli effetti devastanti della guerra Russo-Ucraina, e che le interruzioni delle catene continueranno anche in questo 2022 e probabilmente anche più a lungo, il vero valore risiede nel trovare una logistica alternativa. Progettare flussi logistici alternativi e organizzare magazzini più vicini ai clienti, reperibilità e massima organizzazione della catena e dei resi, abbattono i tempi lunghi di rifornimento del magazzino e l’aumento considerevole dei prezzi.

Partendo da questi presupposti, senza forniture certe delle materie, è inevitabile che la produzione rischi continui ritardi.

Un problema non problema, se si affronta da una diversa prospettiva. Un problema va sempre trasformato in opportunità. Infatti molte aziende stanno investendo su strategie di lungo termine basate proprio sul risk management, sull’analisi del rischio. La soluzione sta nel re-ingegnerizzare le specifiche di prodotto per avere una Digital Supply Chain più resiliente e meno costosa.

La più importante sfida che i Digital Supply Chain Manager si troveranno ad affrontare nel prossimo futuro riguarda la trasformazione digitale dei processi connessi allo scambio di materiali e delle relative transazioni. Per questo motivo occorre sviluppare la capacità di ridisegnare i processi in chiave digital, la conoscenza degli strumenti e tecnologie digitali e dell’automazione così come la capacità di integrare tecnologie diverse realizzando piattaforme di collaborazione fra i vari partner di filiera. Tecnologia, automazione e innovazione della Supply Chain rappresentano leve fondamentali per inseguire le esigenze del cliente, riducendo i tempi di risposta e fornendo servizi e prodotti a costi competitivi.

Altra sfida da non sottovalutare, secondo il pensiero di HiSolution, è la ricerca dell’efficienza.

L’investimento di oggi è indispensabile per avere un vantaggio competitivo domani, anche a fronte di un probabile momento di sofferenza dell’economia a livello globale.

Le tecnologie e gli investimenti su di esse ci sono, così come la necessità di abbassare i costi di produzione e della fornitura.

Ora è il vero momento di dire sì a tutto questo: è sempre più necessario e indispensabile ottimizzare le spese, migliorare i processi aziendali e di produzione per renderli più snelli, veloci ed efficaci. L’obiettivo è combattere la crisi della Supply Chain per lavorare anche sui margini di lavoro delle aziende. Ottimizzazione, miglioramento, efficientamento e semplicità sono le chiavi di successo.

HiSolution è un centro di competenza italiano che si affianca alle aziende per accelerarne i processi ICT e ottimizzarne sia i valori economici che le performance. La riduzione dei costi, l’ottimizzazione degli investimenti e il miglioramento costante delle prestazioni, sono obiettivi che ci poniamo quotidianamente per noi e per i nostri clienti.



Contenuti correlati

  • IDC GenAI
    La GenAI primo motore degli investimenti infrastrutturali

    Secondo la più recente Worldwide Future of Digital Infrastructure Sentiment Survey di IDC, quasi otto aziende su dieci hanno dichiarato di ritenere l’infrastruttura digitale “importante” o “mission critical” per il successo delle proprie iniziative di business. La...

  • natuzzi SAP
    Natuzzi si affida a SAP per la transizione digitale dell’organizzazione

    Natuzzi è uno dei principali player mondiali nella produzione e distribuzione di arredamento di design e di lusso. Le sue capacità nel saper coniugare il design italiano con la manifattura artigianale valorizzano al meglio la tradizione del...

  • Sicurezza: normative e legislazioni, come farvi fronte

    La sicurezza è un concetto: bisogna imparare a conoscerlo e a diffondere la cultura della sicurezza. Normative e legislazioni servono e sono doverose in ogni attività produttiva, ma vanno comprese nel loro senso più profondo. Per aumentare...

  • Acqua ed energia al sicuro

    Un’azienda svedese di servizi pubblici per l’energia e l’acqua ha deciso di migliorare sia la sicurezza sia l’affidabilità attraverso l’integrazione IT/OT e per farlo ha scelto Fortinet Falu Energi & Vatten (Energia & Acqua) è un’azienda municipalizzata...

  • Misurazioni di qualità

    Gruppo Mondial ha assistito M.Conti per migliorare l’efficienza dei suoi Presetter, attraverso la fornitura del kit di guide THK Ogni produzione necessita di una forma di controllo: questo concetto è sempre più pervasivo in un mercato che...

  • Schneider Electric: all’Innovation Summit di Parigi novità su innovazioni tecnologiche e collaborazioni

    Schneider Electric ha dato il via al suo Innovation Summit World Tour e sottolineato l’urgenza di promuovere un’azione immediata e una collaborazione continua per accelerare la transizione energetica e contrastare la crisi climatica. “Sulla scia del caldo...

  • Supply chain e trasparenza della filiera: la tecnologia aiuta ad aumentare del +90% l’accuratezza delle informazioni

    Secondo Remira Italia, azienda specializzata nell’offerta di soluzioni software avanzate per la gestione della supply chain, attraverso la tecnologia è possibile velocizzare del +20% la comunicazione con i fornitori e subfornitori e aumentare del +90% l’accuratezza delle informazioni....

  • A SPS Italia 2024: soluzioni Panasonic per packaging, alimentare e lavorazione metallo

    Il pacchetto motion di Panasonic viene utilizzato con successo dagli OEM di diversi settori industriali che richiedono profili di movimento complessi. Come ad esempio nel settore alimentare, per la realizzazione di un’affettatrice automatica da 22 assi, migliorandone la precisione di taglio,...

  • intelligenza artificiale pmi opportunità
    Intelligenza artificiale, cybersecurity e piattaforme digitali: tutte le opportunità per le PMI

    Dassault Systèmes ha condiviso i risultati di un’indagine che mette in luce alcune tendenze che offrono oggi nuove opportunità alle startup e alle PMI (Piccole e Medie Imprese) di fare un salto di qualità rispetto alle aziende...

  • Nuove interfacce HMI e Scada

    Integrazione, connettività e trasformazione digitale sono le principali leve con cui i fornitori di tecnologia cercano di rendere più competitive le offerte di interfaccia uomo-macchina. L’attuale fase di transizione vede la convivenza di numerose tendenze che consentono...

Scopri le novità scelte per te x