Datalogic acquisisce Pekat Vision, sviluppatore di algoritmi proprietari di machine e deep learning

Pubblicato il 30 marzo 2022

Datalogic SpA, società quotata su Euronext Star Milan di Borsa Italiana SpA, ha annunciato che la controllata Datalogic Srl ha acquistato l’intero capitale sociale di Pekat Sro, con sede a Brno, in Repubblica Ceca. Pekat è una start-up fondata da Petr Smid, azionista di maggioranza della società, che ha sviluppato algoritmi proprietari che utilizzano il machine learning e il deep learning per l’automazione dei processi nei settori manifatturiero e del trasporto e logistica, con un ulteriore potenziale per la gestione di applicazioni in ambito retail.

Il prodotto di Pekat è un software altamente innovativo basato su algoritmi proprietari in grado di essere adattato e proposto in diversi ambiti applicativi, e compatibile con diversi dispositivi e piattaforme. Il pacchetto software di Pekat rappresenta la combinazione perfetta con le linee di prodotti hardware di Datalogic. L’offerta congiunta permetterà a Datalogic di arricchire la sua offerta di prodotti con soluzioni all’avanguardia e facilmente integrabili, da proporre ai clienti in tutte le industria in cui operano al fine di aumentare la produttività e sostenere la loro crescita.

L’adattabilità a diversi dispositivi e piattaforme (“hardware – agnostic”) consentirà al contempo di sviluppare le potenzialità del software anche con dispositivi e piattaforme terze.

“Siamo entusiasti di quest’acquisizione, che ci permette di consolidare le nostre competenze di machine e deep learning e di arricchire la nostra offerta di prodotti hardware con soluzioni basate su algoritmi altamente performanti. Inoltre, ci consente di espandere la nostra offerta software attraverso lo sviluppo di ulteriori algoritmi, grazie al know-how e al personale di Pekat” ha dichiarato Valentina Volta, Group CEO di Datalogic.

“I clienti stanno sempre più implementando soluzioni automatizzate per consentire ai propri lavoratori di concentrarsi su attività più complesse e di maggior valore. Machine learning e deep learning sono tecnologie chiave per aiutarli a raggiungere questo obiettivo. Poter contare sulla neo acquisita Pekat, in un momento di grandi sfide come quelle imposte dall’attuale scenario globale, ci permette inoltre di evolvere verso soluzioni di intelligenza artificiale (AI), che saranno fondamentali nel soddisfare le esigenze in costante evoluzione dei nostri clienti”.

“Il 2022 è un anno fondamentale per Datalogic in quanto ricorre il 50° anniversario della sua fondazione, che celebreremo anche con l’acquisizione di Pekat. Quest’acquisizione testimonia la volontà di Datalogic di rafforzare la propria posizione di innovatore e di perseguire la sua strategia di crescita, sempre alla ricerca di soluzioni d’avanguardia per i propri clienti”, ha concluso Volta.

“In Pekat crediamo che strumenti quali l’intelligenza artificiale e la machine vision migliorino l’efficienza dei processi nei più svariati ambiti industriali, con vantaggi estremamente rilevanti per i clienti. L’automazione, attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale, della computer vision e del machine learning, renderà il mondo migliore e più veloce. La nostra tecnologia è indipendente dagli ambiti applicativi e consente processi autonomi nei diversi settori, dalla produzione al trasporto e logistica, fino al retail”, ha affermato il fondatore e CEO di Pekat, Petr Smid. “Siamo orgogliosi di unire le nostre forze a quelle di Datalogic per ampliare il business a livello mondiale”.

Dettagli della transazione
Il controvalore dell’operazione ammonta a 16 milioni di euro per l’intero capitale, oggi in capo ad una pluralità di azionisti in maggioranza costituiti dal fondatore e dai dipendenti dell’azienda, che entreranno a far parte del Gruppo Datalogic. Il prezzo di acquisto è interamente pagato con le disponibilità esistenti dell’acquirente, senza necessità di ricorrere a ulteriori fonti di finanziamento esterne. Una parte del prezzo d’acquisto sarà depositato in escrow e svincolato in un periodo di tempo concordato al verificarsi di determinate condizioni.



Contenuti correlati

  • E4 Federico Pinca HPC
    Cybersicurezza nazionale, l’HPC avrà un ruolo chiave

    Federico Pinca, HPC Architect di E4 Computer Engineering, spiega come il calcolo ad alte prestazioni possa giocare un ruolo importante in tema di innovazione e sicurezza Noi che siamo nativi digitali (nati negli anni ‘80) almeno una...

  • Nuova versione del software MiR per prestazioni più fluide, intelligenti e veloci degli AMR

    Mobile Industrial Robots (MiR) presenta una nuova versione del software che consente ai suoi robot mobili autonomi (AMR) di essere più robusti e scalabili e veloci. Inoltre, i robot saranno dotati di integrazione con altri sistemi e...

  • Dassault Systèmes e BMW Group insieme per la progettazione di stampi per la carrozzeria

    • Le due aziende hanno analizzato come ottimizzare il processo di definizione dei pezzi di lamiera stampata utilizzabili e il processo di progettazione degli stampi con le applicazioni CATIA • L’obiettivo era quello di guidare l’utente attraverso...

  • Come scegliere il controllore edge industriale

    Cosa costituisce un vero e proprio controllore edge industriale? Si descrivono qui i fattori chiave che gli utenti dovrebbero prendere in considerazione quando utilizzano tali dispositivi Leggi l’articolo

  • Una difesa efficace

    Un sistema Siem per il monitoraggio centralizzato dei sistemi di sicurezza cyber, fisici e cyber-fisici Leggi l’articolo

  • Una pizza 4.0

    Le soluzioni smart di Eaton hanno reso la linea di produzione delle pizze fresche di Megic Pizza più sicura ed efficiente, sfruttando al meglio i vantaggi della digitalizzazione Leggi l’articolo

  • Keb Automation acquisisce il controllo di Brusatori Motori Elettrici

    Trascorsi poco più di 3 anni di proficua collaborazione tra i soci Brusatori, noto player nel campo dei motori elettrici, e KEB Automation, l’assemblea dei soci di Brusatori Srl si è riunita per definire la nuova governance, a...

  • La friulana Molo17 apre una filiale in California

    MOLO17, software house pordenonese guidata da Daniele Angeli (in foto), specializzata in mobilizzazione dei dati, sbarca negli Stati Uniti con l’apertura di una sussidiaria in California, a Cupertino, nella Santa Clara Valley, famosa, perché proprio lì, si trova...

  • Competenze e tecnologia, un binomio inscindibile

    La difficoltà di reperire personale qualificato e la necessità di trattenere in azienda le migliori  competenze spingono sempre più aziende a investire in formazione e in nuove tecnologie al fine di mantenere la loro competitività. Si tratta di due trend che, in ambito...

  • Wibu-Systems vince il suo secondo German Innovation Award con AxProtector Javascript

    Wibu-Systems, ha vinto il German Innovation Award 2022 con AxProtector JavaScript. La giuria ha scelto di premiare questo sofisticato software di protezione, in riconoscimento della sua capacità innovativa di crittografare e concedere in licenza le applicazioni native...

Scopri le novità scelte per te x