CPR: tutto pronto nel mercato dei cavi

A meno di un mese dall’entrata in vigore del Regolamento CPR, con la pubblicazione della norma CEI 64-8 V4, si può dire concluso il lungo iter di preparazione del mercato. Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa di Anie relativa a questo importante cambiamento nel settore dei cavi.  

Pubblicato il 8 giugno 2017

Con la pubblicazione della norma CEI 64-8 V4 si può dire concluso il progetto CPR: tutto è pronto per il 1 luglio, data di entrata in vigore del regolamento che segnerà l’inizio di una vera e propria rivoluzione nel mondo dei cavi: i cavi installati in qualsiasi tipo di costruzione o opera di ingegneria, per il trasporto di energia o per trasmissione dati, dovranno obbligatoriamente rispondere ai requisiti essenziali di comportamento al fuoco per essere considerati sicuri.

La norma CEI 64-8 V4 indirizza in modo unico e univoco progettisti e installatori all’impiego dei nuovi cavi. Non seguire le indicazioni della 64-8 V4 porterà a sanzioni, come previsto nell’articolo di legge in studio al Parlamento che la Comunità Europea ha chiesto a tutti i paesi EU di introdurre.

La pubblicazione della 64-8 V4 è stata ritardata oltre le aspettative creando incertezza sul mercato proprio a ridosso dell’entrata in vigore definitiva della legge sull’impiego di cavi rispondenti a CPR. Ma era necessario trovare un compromesso che rispettasse i termini di legge e che permettesse a tutti gli attori della filiera di avere la possibilità di gestire al meglio questo cambiamento epocale. Con l’accordo trovato al tavolo del CEI e con forte senso di responsabilità da parte di tutte le parti coinvolte, oggi ognuno sa come procedere. I cavisti non produrranno più cavi ante-CPR per impiego in costruzioni e dal 1 luglio metteranno in commercio solo cavi CPR.

Installatori e progettisti potranno concludere i lavori già pianificati con data certa ed avviati entro il 30 giugno 2017, mentre dal 1 luglio saranno indirizzati sui nuovi cavi.

Sappiamo che ai produttori di cavi è stato richiesto un grande impegno, ma abbiamo accettato la sfida di questo cambiamento epocale con orgoglio e nella convinzione che garantire la sicurezza e la qualità dei prodotti sia la nostra missione più importante.

Un cambiamento iniziato due anni fa che ha portato le aziende a compiere significativi investimenti in ricerca e sviluppo, in collaudi e nell’impiego di materiali utilizzati, a riprova che il raggiungimento degli standard imposti dal regolamento CPR è stato un percorso non sempre facile ma il traguardo tecnologico raggiunto dalla nuova generazione di cavi è davvero alto. Nonostante gli investimenti effettuati, il costo della nuova generazione di cavi a norma CPR non impatterà in modo significativo sul prezzo totale delle costruzioni ma garantirà un inestimabile miglioramento in termini di sicurezza.

Sempre sul tema vorrei far notare che l’aumento di prezzo dei cavi a norma CPR è assolutamente marginale rispetto alla variabilità del prezzo del rame, considerando che il prezzo del metallo ha una incidenza in molti casi ben superiore all’80% sul valore complessivo del cavo.

In questi due fondamentali anni, che hanno permesso ai produttori di acquisire nuove competenze, con il risultato che oggi la quasi totalità ha già superato le prove ed ha già disponibili i cavi che verranno messi sul mercato a brevissimo, la nostra associazione Aice ha dato vita ad una campagna di comunicazione verso il mercato, ampia e strutturata. Grazie al road show “Revolution tour” insieme al CEI abbiamo incontrato in 20 città circa 20 mila persone: grossisti di materiale elettrico, installatori, progettisti e enti rappresentati. Abbiamo realizzato un documento informativo – I cavi e il Regolamento prodotti da costruzione – CPR UE 305/11 – che illustra in maniera semplice il nuovo Regolamento; tutto il materiale ufficiale AICE è riconoscibile attraverso il logo CPR Aice appositamente realizzato.

Per questa grande rivoluzione IMQ  – l’ente italiano leader nel settore della valutazione della conformità e certificazione di prodotto e di sistemi di qualità e di gestione aziendali – ha sviluppato un nuovo marchio Euro Fire Performance che, oltre a garantire le caratteristiche obbligatorie di prestazione al fuoco con la marcatura CE – come stabilito dal Regolamento CPR – garantisce anche tutte le altre caratteristiche del cavo meccaniche, chimiche ed elettriche e il controllo di processo di fabbrica come previsto dal CPR e la sorveglianza sulla produzione dei cavi stessi, attraverso i controlli sui prodotti effettuati da IMQ. Questa scelta ha dimostrato ancora una volta come il comparto dei cavi, anche a fronte di un aggravio economico, voglia tutelare, tramite un organismo di parte terza, gli utilizzatori finali, innalzando sempre più il livello qualitativo e di sicurezza dei propri prodotti.

 

 



Contenuti correlati

  • Tecnologie elettroniche per la sicurezza dell’uomo: ciclo di webinar da Anie

    Digitalizzazione, connettività e tecnologie innovative aprono numerose opportunità alle imprese con l’offerta di nuove esperienze, servizi e prodotti ai clienti e l’incremento dell’efficienza dei processi aziendali, dei prodotti e della comunicazione. L’uomo e la tecnologia interagiscono e...

  • L’industria non si ferma

    Le aziende dell’automazione affiliate ad Anie si adeguano al nuovo DPCM e garantiscono l’operatività. In una breve intervista Giuliano Busetto, presidente dell’associazione confindustriale, commenta l’eccezionale situazione dell’industria e del Paese. Il decreto non prevede, la sospensione delle...

  • Tecnologia: pietra angolare per il Paese

    L’industria tecnologica continua a fare da traino all’economia del Paese, è quanto riportato dal presidente Anie, Giuliano Busetto alla conferenza annuale Leggi l’articolo

  • Forum Telecontrollo 2019: il valore del dato è al centro

    Forum Telecontrollo 2019 si terrà in una sola giornata, a Firenze, il 23 ottobre 2019. L’evento promosso dal Gruppo Telecontrollo Supervisione e Automazione delle Reti di Anie Automazione e organizzato da Messe Frankfurt Italia, porrà al centro...

  • L’industria tecnologica italiana traina la crescita del Sistema Paese e incide per il 3% sul PIL

    L’industria tecnologica italiana, espressione di Federazione ANIE, una delle più importanti organizzazioni Confindustriali che rappresenta i 4 mercati strategici per l’Italia (industria, building, energia e infrastrutture-trasporti), anche in un anno caratterizzato da una forte incertezza politica ed...

  • Festo al Forum Meccatronica per parlare di digitalizzazione

    L’approccio multidisciplinare al fenomeno della digitalizzazione, il nuovo ruolo giocato dai player dell’automazione e della meccatronica e dai produttori di tecnologia al servizio dell’industria, le sfide della trasformazione delle fabbriche in ottica 4.0. Sono solo alcuni dei...

  • Nuovo Comitato Tecnico Scientifico per lo Smart Metering Group di Anie CSI

    Lo Smart Metering Group, che all’interno dell’Associazione ANIE CSI di Federazione ANIE si occupa di promuovere le tecnologie statiche di misura, divulgandone gli aspetti tecnico-scientifici e quelli operativi e normativi, ha annunciato oggi la nascita del Comitato...

  • L’industria tecnologica acceleratore economico del paese

    L’industria tecnologica italiana, secondo i dati presentati da Federazione Anie, continua a registrare performance in crescita: nel 2017 Anie ha registrato un fatturato aggregato di 78 miliardi di euro (58 miliardi per l’Elettrotecnica e l’Elettronica e 20...

  • Africa: la nuova frontiera da esplorare secondo i dati Anie

    L’industria delle tecnologie italiane continua a guardare alla internazionalizzazione come leva strategica di sviluppo e si affaccia all’Africa, area emergente dalle interessanti opportunità per le imprese italiane: è quanto emerso all’‘Open Day’ di Anie Confindustria, il tradizionale...

  • Filippo Girardi nuovo presidente di Anie CSI

    Filippo Girardi è il nuovo Presidente di Anie CSI, l’Associazione che all’interno di Anie Confindustria, rappresenta l’industria dei componenti e sistemi per impianti, per il biennio 2017-2019. Aderiscono ad Anie CSI oltre 90 aziende che rappresentano l’85%...

Scopri le novità scelte per te x