Cosa aspettarsi dal futuro dell’ingegneria meccanica

La quarta rivoluzione industriale si è appena consolidata è già si parla di Industria 5.0. Ma gli ingegneri meccanici non devono lasciarsi scoraggiare dalla velocità del cambiamento, bensì abbracciarne i vantaggi e prosperare.

Pubblicato il 27 febbraio 2024

In tutto il settore manifatturiero, la digitalizzazione sta cambiando il modo in cui le aziende operano e il modo in cui tutti noi lavoriamo. L’Industria 4.0 ha rivoluzionato quasi tutti gli aspetti delle attività industriali, dotando le aziende di una quantità di dati e informazioni mai vista prima. La conoscenza è potere e le aziende di successo stanno sfruttando queste informazioni per ottimizzare ulteriormente tutte le proprie attività, migliorare la produttività e, in ultima analisi, aumentare i profitti. Per quanto riguarda gli ingegneri meccanici e i progettisti, l’alba dell’era digitale sta anche accelerando e migliorando lo sviluppo di nuovi prodotti. Possiamo utilizzare dati più precisi per analizzare e risolvere i problemi, mentre le simulazioni virtuali come i gemelli digitali consentono di progettare prototipi in modo più sicuro, efficiente ed economico che mai.

Questa velocità di cambiamento rende il futuro dell’ingegneria meccanica entusiasmante, ma cosa significano e che impatto avranno sul nostro settore tutte queste incessanti novità?

Migliorare lo sviluppo del prodotto
La prototipazione è tradizionalmente un processo che richiede molto tempo, con costi elevati e rischi significativi. Tuttavia, la digitalizzazione sta cambiando il modo in cui i prodotti meccanici vengono sviluppati, verificati e fabbricati.
L’avvento della tecnologia dei gemelli digitali (digital twin) rappresenta una trasformazione per lo sviluppo di nuovi prodotti. Può supportare un’ampia gamma di aspetti ingegneristici, dalla definizione del prodotto alla validazione fino al rilascio per la produzione in serie. Le informazioni ottenute dai gemelli digitali possono essere utili durante la progettazione e per l’evoluzione dei prodotti basata sui dati. In questo modo, la tecnologia dei gemelli digitali rappresenta un percorso più rapido ed economico verso il mercato per introdurre prodotti nuovi e aggiornati. In molti casi, la velocità di commercializzazione può essere fondamentale per il successo.

La capacità di creare, perfezionare e persino ridefinire un prodotto utilizzando il suo gemello digitale prima della prototipazione fisica può quindi rappresentare un reale vantaggio competitivo. È un processo virtualmente privo di rischi, più rapido e molto meno costoso. È inoltre possibile prendere decisioni molto più informate e sicure su quando è il momento di procedere con la realizzazione di prototipo fisico.

I nuovi prodotti richiedono di investire in formazione per la forza lavoro, che si tratti della costruzione, della vendita o dell’assistenza di una nuova macchina. I gemelli digitali possono dare vita a un nuovo prodotto in un modo che i dati CAD tradizionali, i disegni tecnici o le schede tecniche dei prodotti non possono fare, fornendo una guida visiva di più semplice comprensione per i colleghi.

Supportare nuove industrie

Mentre il mondo digitale offre infinite opportunità e possibilità, nel mondo reale l’umanità sta affrontando alcune sfide significative. L’ingegneria meccanica ci sta aiutando ad affrontare molti aspetti di questi problemi, sia che si tratti di aumentare le dimensioni e l’efficienza delle turbine eoliche o di accelerare la transizione verso i veicoli elettrici (EV).

In molti casi, l’elettrificazione di veicoli, attrezzature e macchinari richiede cambiamenti significativi rispetto ai progetti esistenti, oppure un approccio completamente nuovo partendo “da zero”.ne Gli ingegneri meccanici svolgono un ruolo chiave nel settore automobilistico, occupandosi tipicamente degli aspetti operativi critici dei veicoli elettrici, dalla sicurezza alle prestazioni.

Il settore delle corse funge tipicamente da banco di prova per l’innovazione automobilistica e ciò vale sia per i veicoli elettrici che per quelli a motore termico. Un ottimo esempio è la fornitura di componenti da parte di norelem per il Rennschmiede Pforzheim EV, il team di Formula Student dell’Università tedesca di Pforzheim. La Formula Student vede squadre di studenti di tutto il mondo progettare e costruire una nuova auto da corsa stile formula per competere in vari eventi.

La norelem ACADEMY supporta il team con componenti standard per lo sviluppo della sua auto da corsa completamente elettrica, “Sapphire”, tra cui viti a spallamento, dadi esagonali e teste articolate con cuscinetti scorrevoli.

Le viti a spallamento di norelem garantiscono un accoppiamento sicuro per il collegamento tra il telaio del veicolo e la struttura. Le viti a spallamento sono montate nei fori di montaggio e fissate con un dado esagonale con frenafiletti in poliammide. Le viti a spallamento, le teste articolate e i dadi esagonali sono anch’essi componenti fondamentali della leva a squadra (bell crank). In questo caso, le viti a spallamento sono utilizzate per il posizionamento preciso sulla leva a squadra, mentre le teste articolate servono per la regolazione della corsa e come connettori tra lo stabilizzatore e la manovella della squadra. In questo modo si compensa l’irregolarità del terreno sulla pista e si riduce la resistenza al rollio del veicolo.

Industria 5.0
Si aspetta una vita per una nuova rivoluzione industriale, poi ne arrivano due in un colpo solo! Tuttavia, gli ingegneri meccanici non devono temere l’Industria 5.0, poiché si tratta di una naturale evoluzione della precedente. Industria 4.0 è stata una rivoluzione tecno-centrica. Si è concentrata sullo sfruttamento di nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale, l’automazione e l’Internet delle cose. Industria 5.0 si baserà ancora su questo, ma sarà una rivoluzione umano-centrica, che metterà le persone al primo posto: le sue priorità sono la sostenibilità, il benessere dei lavoratori e la resilienza delle imprese.

Cosa significa in pratica? Gli elementi incentrati sull’uomo includono la tecnologia per aumentare la produttività e la sicurezza: pensiamo agli esoscheletri, alla realtà aumentata e virtuale, ai dispositivi indossabili e ai co-bot. La sostenibilità si concentra sulla riduzione del consumo di risorse – un aspetto positivo anche per l’economia – e sull’adozione dei principi dell’economia circolare: produrre, usare, riutilizzare e riciclare. Infine, la resilienza si concentra su aree come le fabbriche modulari e gestite a distanza, il monitoraggio dei rischi in tempo reale e persino lo sviluppo di nuovi materiali.

L’ingegneria meccanica tocca, in varia misura, quasi tutti questi elementi e svolgerà un ruolo chiave per poterne sfruttare appieno i vantaggi. Sempre più spesso i giovani desiderano lavorare per aziende orientate al valore, che pongono le esigenze delle persone e dei luoghi come priorità rispetto al profitto. Abbracciare l’Industria 5.0 sarà quindi fondamentale anche per l’assunzione del personale e la sua fidelizzazione.

l ruolo dei componenti standard in un futuro digitale

In mezzo a tutti questi discorsi sul cambiamento, una cosa rimane costante: il valore dei componenti standard nell’ingegneria meccanica. Visto che l’utilizzo di componenti standard è un metodo collaudato per lo sviluppo di prodotti efficaci, perché reinventare la ruota quando si passa al digitale? Collaborate con partner che rendono disponibili gratuitamente le versioni digitali dei loro componenti standard, consentendo di adottare un approccio che valorizza l’ingegneria open-source. norelem offre file CAD 2D e 3D dei suoi componenti, scaricabili dal sito web, per facilitare la creazione di prototipi digitali di alta qualità.

Tuttavia, se volete davvero facilitare il passaggio a un approccio digitale, cercate un partner che vada oltre la fornitura dei file. La norelem ACADEMY ne è un ottimo esempio, in quanto funge da enorme centro di conoscenza online e da biblioteca di risorse per i componenti.

I componenti standard sono stati la base dell’ingegneria meccanica per secoli. E sarà così anche quando il nostro futuro digitale diventerà realtà, con i componenti elettromeccanici che supporteranno le industrie alla guida della rivoluzione, dai veicoli elettrici alla robotica e oltre.



Contenuti correlati

  • Monitoraggio e analytics per un cambio di passo nella manifattura

    La digitalizzazione ha rivoluzionato il modo in cui le aziende operano sul mercato, generando crescenti opportunità per identificare, creare e sfruttare nuovi tipi di business model, soluzioni e servizi, anche nel contesto di settori tradizionali e consolidati...

  • SICK partecipa all’edizione 2024 di SPS Italia con tante novità sulla sensoristica

    Soluzioni personalizzate per un futuro su misura. Da qui parte SICK a SPS Italia, la fiera sulla tecnologia e l’innovazione diventata un punto di riferimento per il comparto manifatturiero italiano. Appuntamento a Fiere di Parma, dal 28 al...

  • Commend: comunicazioni efficienti a prova di “rumore” e “sicurezza”

    Quando il rumore aumenta, le comunicazioni devono essere ancora più chiare. Lo sa bene Commend Italia, specialista in sistemi di comunicazione e sicurezza, che ha collaborato con il Gruppo Pittini, produttore europeo specializzato in acciai lunghi per l’edilizia...

  • Schneider Electric presenta EcoStruxure Secure Connect

    Schneider Electric va incontro alle crescenti esigenze di cybersecurity in ambito industriale proponendo EcoStruxure Secure Connect. Nel settore dell’automazione industriale, stiamo assistendo a un aumento significativo di macchine installate e connesse, per le quali la cybersecurity rappresenta un requisito fondamentale. Da...

  • NSK partecipa allo sviluppo di una mano robotica altamente personalizzabile

    NSK e il Centro Aerospaziale Tedesco (DLR, Deutsches Zentrum für Luft- und Raumfahrt) stanno sviluppando una mano robotica che aiuterà ad automatizzare attività manuali, in particolare nell’industria dei servizi. Il concetto ruota attorno a una mano robotica...

  • CC-Link IE TSN: quali vantaggi offre?

    Alle soglie dell’Industria 5.0, sempre più interconnessa e guidata dai dati, le reti industriali assumono un ruolo ancora più centrale per garantire uno scambio efficiente di dati. Per supportare al meglio la convergenza OT-IT, garantendo l’interoperabilità fra asset...

  • Il futuro prossimo dell’automazione

    La sempre più rapida evoluzione dei mercati internazionali richiede una chiara identificazione delle principali tendenze che influenzeranno e plasmeranno l’automazione industriale nel 2024 e oltre. Omron condivide sei previsioni per il prossimo futuro. Leggi l’articolo

  • Hyper-light Carbon: il nuovo materiale con cui Prosilas migliora la stampa 3D

    Gli sviluppi più interessanti nell’ambito dell’additive manufacturing riguardano i materiali, che sono gli elementi in grado di conferire caratteristiche uniche ai manufatti: robustezza, leggerezza, qualità superficiale… Con oltre 20 anni di esperienza nel settore della stampa 3D,...

  • Seneca presenta un webinar su Industria 5.0 e Transizione 5.0

    La domanda nasce spontanea: come nasce  e perché se ne parla dal momento che Industria 4.0 non è ancora del tutto implementata? In effetti questa è un’obiezione piuttosto comune. Non dobbiamo guardare a Industria 5.0 come a...

  • ABB Italia vince il premio Assolombarda Awards nella categoria “Responsabilità e Cultura”

    Lo scorso 14 marzo 2024, ABB Italia ha ottenuto il riconoscimento Assolombarda Awards nella categoria “Responsabilità e Cultura”. Questo premio celebra le aziende che si sono distinte per il loro impegno nell’ambito dell’education, con particolare attenzione alla...

Scopri le novità scelte per te x