Con Nutanix l’automazione made in Italy di LEAS diventa più frizzante

LEAS, azienda di riferimento nel settore dell’automazione industriale, ha scelto le soluzioni Nutanix, player dell'hybrid multicloud computing, per rinnovare la propria infrastruttura e dare maggiore impulso alla crescita dell’azienda in termini di scalabilità, prestazioni e sicurezza

Pubblicato il 18 maggio 2022

Azienda veneta che vanta mezzo secolo di successi nell’ambito della saldatura integrata a elevata automazione, con impianti industriali ad alta tecnologia e opere di meccanica ed elettronica apprezzate a livello internazionale, LEAS è da sempre attenta alla sostenibilità e all’innovazione nei propri prodotti, due principi che le hanno permesso, nel giro di poco tempo, di diventare leader di mercato. Negli ultimi anni, la crescita del business LEAS è stata ancora più evidente come sottolineato da Marco Ortolani, IT Manager di LEAS: “Due sono i fattori che hanno determinato una spinta ancora più forte: la pandemia, che ha portato a un’accelerazione in diversi comparti industriali, e la conseguente volontà dei player di investire in nuove tecnologie”.

Nel 2021, LEAS decide dunque di rinnovare la propria sede da una parte per renderla più collaborativa e dinamica e dall’altra per adottare soluzioni più agevoli anche in ambito IT. “Abbiamo deciso di non nascondere più il data center”, prosegue Ortolani, “ma al contrario di posizionarlo a vista, così da diventare un simbolo della nostra ricerca di innovazione sia per i dipendenti sia per i clienti”. LEAS decide così di rinnovare la propria infrastruttura server-storage e inizia la ricerca di un partner tecnologico in grado di incrementare le prestazioni, l’agilità e la scalabilità, rendendo più agevole, nel contempo, la gestione.

La scelta di affidarsi a Nutanix è immediata come sottolineato da Ortolani: “Abbiamo scelto la tecnologia iperconvergente di Nutanix a occhi chiusi perché si è rivelata la miglior opzione in grado di soddisfare tutte le nostre esigenze. Conoscevo le soluzioni della multinazionale e, dopo una breve fase di analisi di alternative architetturali più tradizionali di altri fornitori, abbiamo deciso di investire in Nutanix per garantire all’azienda la più ampia scalabilità dei sistemi e a me la massima semplicità di gestione”. In breve tempo LEAS ha implementato un sistema composto da tre nodi NX 8035 G7, su cui vengono trattati tutti gli applicativi aziendali ad eccezione dell’ERP.

L’installazione dei sistemi si completa in pochi mesi dal trasferimento alla nuova sede LEAS: “Rispetto alle esperienze precedenti con architetture server-storage”, afferma Ortolani, “l’implementazione di questo sistema, che ho voluto vivere in prima persona per comprenderne le caratteristiche, è stato molto più rapido e agevole”. Avere a disposizione un unico interlocutore e l’efficacia dell’hypervisor di Nutanix hanno contribuito a semplificare sensibilmente il processo e a renderlo efficiente sin da subito.

E i primi risultati non si fanno attendere: da subito si è registrato un incremento delle prestazioni, rilevato da tutti i circa 80 utenti dei sistemi aziendali. Inoltre, in pochi mesi l’IT si è reso conto che grazie a Nutanix oggi è necessario meno sforzo per la gestione dell’infrastruttura. Gli elementi che garantiscono questo risultato sono la presenza di un unico punto di interlocuzione e il taglio dei tempi di tuning e aggiornamento, lasciando spazio ad altre attività strategiche per l’azienda.

Anche la scalabilità e la sicurezza rientrano fra gli effetti diretti dell’iperconvergenza: i protection domain con snapshot automatici garantiscono la protezione dei dati aziendali, e permettono una crescita del business più sicura.

LEAS conta di crescere ulteriormente nel corso dei prossimi cinque anni e di portare sempre maggiore scalabilità e flessibilità. E nei progetti futuri è inclusa anche Nutanix: è prevista infatti l’acquisizione di una nuova soluzione PLM (Product lifecycle Management), creata anch’essa su sistemi iperconvergenti. “Nonostante la nostra infrastruttura sia tutta on-premise”, conclude Ortolani, “pensiamo col tempo di sfruttare l’apertura di Nutanix verso il cloud, cominciando magari con l’implementazione di un sistema di disaster recovery, che ci consentirebbe di fare un ulteriore passo nella direzione della sicurezza e della continuità di business”.



Contenuti correlati

  • Identità digitale

    Il concetto di identità digitale può essere applicato sia alle persone, sia alle macchine. Nelle applicazioni industriali tipicamente si utilizzano entrambe le tipologie, più o meno consapevolmente Leggi l’articolo

  • Più sicurezza dai guasti

    Basf ha rinnovato la sottostazione elettrica del suo impianto di Beaumont, in Texas, grazie all’aiuto di Schneider Electric Leggi l’articolo

  • Specializzato o meglio integrato?

    La sicurezza informatica sta acquisendo importanza sempre maggiore a causa delle crescenti minacce e dei requisiti normativi. In questo contesto vanno presi in considerazione sia l’ambiente IT sia l’ambiente dei sistemi di controllo industriale (ICS), ovvero uffici...

  • Real Time Hyperautomation: nasce Honu

    Il board direzionale di Archiva Group annuncia la fusione tra Robotiqe Srl e Honu Srl e completa la proposta del team di aziende con l’iper-automazione dei processi. La “nuova” Honu, unisce sotto un unico marchio le competenze...

  • Ansible Red Hat
    Il ruolo fondamentale dell’automazione in un mondo sempre più complesso

    Gli ultimi anni hanno dimostrato che le imprese vogliono che applicazioni, dati e risorse si trovino ovunque abbia più senso per il loro business e per i loro modelli operativi, il che significa poter eseguire l’automazione ovunque....

  • Competenze e tecnologia, un binomio inscindibile

    La difficoltà di reperire personale qualificato e la necessità di trattenere in azienda le migliori  competenze spingono sempre più aziende a investire in formazione e in nuove tecnologie al fine di mantenere la loro competitività. Si tratta di due trend che, in ambito...

  • Cybersecurity e convergenza IT/OT, le specificità del mercato farmaceutico

    Dall’arresto della filiera produttiva al furto di dati sanitari sensibili, fino alla manomissione di servizi pubblici primari, una cosa è certa: la continua evoluzione delle minacce digitali coinvolge sempre più i sistemi OT, con impatti devastanti sia...

  • A SPS Italia 2022 parliamo di cybersecurity con Stormshield

    A SPS Italia 2022 Automazione Oggi ha intervistato Davide Pala, pre-sales engineer di Stormshield. Automazione Oggi: Qual è lo stato normativo attuale in tema di cybersecurity industriale? Quali sono le conseguenze di questa situazione, quali misure e migliorie sarebbero...

  • Nayaki Nayyar Ivanti
    Mantenere l’equilibrio tra lavoro e vita privata: consigli per l’IT

    Di Nayaki Nayyar, President and Chief Product Officer di Ivanti Tutti sappiamo bene come la pandemia abbia costretto la maggior parte dei dipendenti ad abbandonare l’ufficio, forzando i team IT ad abilitare il novo ambiente di lavoro...

  • OPC UA, TSN, 5G: i protocolli dell’industria di domani

    La spinta verso l’interoperabilità e la connettività estesa tra macchine ha portato al rafforzamento di nuovi standard di comunicazione. Tecnologie convergenti come OPC UA e TSN, unite alla diffusione iniziale delle reti 5G, determinano una nuova frontiera...

Scopri le novità scelte per te x

  • Identità digitale

    Il concetto di identità digitale può essere applicato sia alle persone, sia alle macchine. Nelle applicazioni industriali...

  • Più sicurezza dai guasti

    Basf ha rinnovato la sottostazione elettrica del suo impianto di Beaumont, in Texas, grazie all’aiuto di Schneider...