Con IO Link anche i sensori entrano nell’era 4.0

Pubblicato il 15 novembre 2016

La prima serie di prodotti Omron con comunicazione IO-Link comprende sensori fotoelettrici, sensori di colore, sensori di prossimità e IO-Link Master.

La connessione dei sensori ai controllori attraverso la rete IO Link rende disponibili tutte le informazioni per un funzionamento stabile dei sensori stessi come ad esempio i livelli di luce incidente. Ora è possibile il monitoraggio ed il rilevamento degli errori a livello del sensore, ottenendo una riduzione del downtime e del tempo di messa a punto e facilitando la manutenzione predittiva.

Che cosa c’è di nuovo?

IO-Link, che viene specificato come standard internazionale IEC 61.131-9, è una tecnologia aperta per lo scambio di informazioni (tecnologia di interfaccia) tra il sensore/attuatore e il terminale I/O. Questa tecnologia permette di raccogliere le informazioni dal sensore/attuatore e convogliarle  tramite il master IO-Link e la rete del bus di campo, al controller. IO-Link consente la comunicazione all’interno dell’intero sistema e riduce il tempo necessario per la messa in servizio e la manutenzione.

In più, permette il rilevamento guasti per un rapido intervento, il monitoraggio delle condizioni per manutenzione predittiva e l’dentificazione del componente per riduzione delle ore uomo.

L’integrazione verticale per l’Industrial internet of things (IIoT)

Grazie alla completa trasparenza delle informazioni dalla rete I/O link fino al database SQL, la soluzione Omron permette di ottenere senza sforzi e in modo immediato l’integrazione verticale delle informazioni per l’IIoT. La connettività I/O link fornisce oltre ai dati operativi (come forniti dai sensori standard) anche dati funzionali (stato del sensore, funzionamento applicativo, informazioni diagnostiche, …) che vengono raccolti attraverso la rete EtherCAT ed inviate ad un server con un database SQL attraverso la CPU NJ-SQL (che ha questa funzionalità integrata).

L’integrazione verticale consente la scrittura e la lettura dei dati dal server ad esempio per la riconfigurazione dinamica del sensore in seguito al cambio di una ricetta operativa o di un cambio formato; non è quindi più necessario avere un altro dispositivo (tipicamente un PC) che faccia da ponte tra l’OT (Operation Technology) e l’IT (Information Technology): il controllore invia/riceve i dati direttamente dal database aumentandone notevolmente le prestazioni.

I vantaggi della soluzione sono evidenti:

– si toglie un dispositivo che deve fare esclusivamente da ponte per le informazioni tra OT e IT;

– si aumenta l’efficienza della comunicazione in quanto i dati sono già formattati dalla CPU e inviati direttamente;

– i dati risultano essere sincroni: fanno tutti riferimento allo stesso istante di tempo per tutte tecnologie gestite dalla piattaforma Sysmac (robotica, visione, safety; termoregolazione, …);

– si aumenta l’integrità del dato in quanto chi lo produce è lo stesso dispositivo che lo invia;

– si evitano perdite di dati in quanto, in caso di mancanza di connessione al database, questi vengono salvati all’interno della CPU stessa che li produce.

La tecnologia di comunicazione che raccoglie informazioni a livello del sensore

La tecnologia di comunicazione utilizza uno standard internazionale aperto, comunica lo stato ON/OF, le informazioni sul sensore e si avvale di un cavo non schermato a tre fili. Inoltre, è compatibile con sensori IO Link e sensori standard insieme e comunica la disconnessione del cavo, lo stato del sensore e le condizioni di guasto. I master e sensori possono essere scelti liberamente in base all’applicazione.

Componenti IO Link disponibili

– IO-Link Master Unit – GX-ILM08C

– IO-Link Master Unit – NX-ILM400

– Sensore fotoelettrico di tacche colorate – E3S-DCP21-IL

– Sensore fotoelettrico – E3Z-[]-IL

– Sensore di Prossimità – E2E-[]-IL

– Sensore di Prossimità resistente agli spruzzi – E2EQ-[]-IL

Mercati e applicazioni

Automotive, semiconduttori, imballaggio alimentare e delle bevande, imballaggio nel farmaceutico e packaging cosmetico.



Contenuti correlati

  • Dati: lo ‘zucchero’ del processo produttivo

    I dati sono ‘lo zucchero’, o qualcuno direbbe ‘il sale’, dell’innovazione. Dati che devono poter essere raccolti e poi analizzati per diventare informazioni, che vanno poi distribuite laddove servono, nel momento in cui servono. Qui entrano in...

  • Sensori fotoelettrici laser W12L di SICK per il rilevamento di oggetti

    Una generazione di sensori fotoelettrici laser, che ridefinisce lo stato dell’arte e fissa nuovi standard in termini di prestazione, affidabilità e facilità d’uso: questa è la nuova famiglia di prodotti W12L di SICK. Tra i numerosi tratti distintivi spicca...

  • Visibilità completa sulle reti IT e OT

    Tool hardware e software di diagnostica e monitoraggio del funzionamento di reti convergenti IT-OT, anche in un’ottica di cybersecurity Leggi l’articolo

  • Verso una nuova era della robotica

    Robot collaborativi, robot mobili e di servizio: il mondo della robotica industriale tradizionale sta cambiando, aprendo a nuove tecnologie e applicazioni. I robot al servizio dell’uomo, sempre più facili da usare, sono i protagonisti della nuova fase...

  • Verso una nuova era della robotica – versione integrale

    Robot collaborativi, robot mobili e di servizio: il mondo della robotica industriale tradizionale sta cambiando, aprendo a nuove tecnologie e applicazioni. I robot al servizio dell’uomo, sempre più facili da usare, sono i protagonisti della nuova fase di Industria 5.0....

  • Il futuro dell’industria 4.0: dall’Innovation Lab di Milano, Omron fa il punto sulla produzione flessibile

    Si è tenuto ieri, presso l’Innovation Lab di Milano, l’appuntamento di OMRON sulla Flexible Manufacturing, un’occasione per fare il punto sulle tecnologie e le soluzioni che l’azienda propone per la produzione flessibile, orientata alla risoluzione di problemi...

  • Affidabilità e precisione anche a distanza con i sensori OT300 e OT500 di Baumer

    Baumer presenta i nuovi sensori OT300 e OT500 aggiungendoli alla sua ampia gamma di sensori fotoelettrici. Questi prodotti offrono un ampio range di rilevamento (fino a 2,6 m) grazie alla tecnologia a “tempo di volo”. Indipendentemente dall’angolo...

  • Relè senza difetti grazie al monitoraggio dei dati in tempo reale

    Gli elevati standard di qualità richiesti dal settore automotive per tutti i componenti, anche per i relè, impongono scelte tecnologiche sempre più orientate all’efficacia e alla ripetibilità dei processi. Questa esigenza ha portato OMRON Automotive Electronics Italy (A.E.I.)...

  • Un nuovo logo per i rilevatori di gas

    Sensitron, azienda italiana produttrice di sistemi di rilevazione gas e parte del gruppo Halma, ha festeggiato i suoi 35 anni di attività con l’introduzione di un nuovo logo, che permetterà  di illustrare meglio gli obiettivi che l’azienda persegue e...

  • Sistemi di stoccaggio Matter più precisi e sicuri con le tecnologie Leuze

    Leuze è stata scelta da Matter per dotare la propria produzione di sistemi di movimentazione intralogistica e di stoccaggio di tecnologia di posizionamento. Leuze vanta infatti un predominio riconosciuto nello sviluppo e produzione di queste tecnologiche di altissima...

Scopri le novità scelte per te x