Come minimizzare la manutenzione di un riduttore

Secondo uno studio condotto da Oneserve, i tempi di inattività non pianificati dei macchinari costano agli operatori del settore manifatturiero tra 67.000 e 560.000 Euro all’anno. Questa cifra è sbalorditiva, ma ci sono metodi che consentirebbero di evitarlo. Marek Lukaszczyk, responsabile marketing europeo del produttore di motori e drive WEG, spiega come la selezione del riduttore possa ridurre i tempi di inattività e come minimizzare gli interventi di manutenzione.

Pubblicato il 19 febbraio 2021

Come componenti industriali tra i più importanti, gli ingranaggi forniscono le sequenze di movimento che garantiscono un funzionamento regolare delle macchine e dei sistemi nelle linee di produzione. Tuttavia, il guasto di un motoriduttore può bloccare l’intero sistema. 

La manutenzione del riduttore è fondamentale per evitare tempi di inattività. È inoltre un componente importante dei costi per il ciclo di vita di un riduttore. Fortunatamente, i costi di manutenzione sono generalmente bassi se si seleziona con attenzione il riduttore. Infatti, se un gruppo ingranaggi è robusto e affidabile, la sua stabilità operativa garantisce la disponibilità complessiva del sistema e può non richiedere manutenzione. Quindi, come possono gli operatori dell’impianto ridurre al minimo la manutenzione del riduttore? 

Geometria
Per i riduttori, l’aspetto più importante è una geometria ottimale degli ingranaggi. Sebbene l’alta qualità dei componenti abbia un ruolo fondamentale per fare sì che un riduttore sia esente da manutenzione, è assicurare il corretto posizionamento dei suoi componenti che può ridurre la necessità di sostituzioni. 

Ad esempio, la lavorazione precisa degli ingranaggi a basso attrito che vengono utilizzati nei moduli a ingranaggi di nuova concezione della gamma di riduttori WEG determina basse velocità periferiche e minori perdite per attrito. 

Queste perdite per attrito vengono ridotte ottimizzando la geometria degli ingranaggi, aumentando così anche l’efficienza. Questo perché l’applicazione precisa del lubrificante comporta minori perdite da spruzzi, riducendo nel contempo anche il consumo di lubrificante. In primo luogo, ciò significa ridurre le necessità di lubrificante e di interventi di sostituzione dello stesso, sempre che ciò sia necessario. 

Lubrificazione
La geometria dell’alloggiamento degli ingranaggi può avere un ruolo positivo anche nella durata del lubrificante, poiché un alloggiamento con una superficie maggiore riduce l’ossidazione sul limite di potenza termica. 

Per la lubrificazione, un’elevata ossidazione significa una maggiore densità del liquido, che può causare rallentamenti o addirittura guasti del riduttore. Il tasso di ossidazione viene accelerato dalle alte temperature, dall’acqua, dagli acidi e dai catalizzatori come il rame, pertanto l’utilizzo e la salvaguardia di lubrificanti di alta qualità sono essenziali per evitare una maggiore ossidazione. 

I motoriduttori WG20 di WEG riducono l’ossidazione utilizzando un alloggiamento ingranaggi chiuso per coppie nominali fino a 600 Nm. Questo design impedisce la contaminazione dell’olio dall’esterno, garantendo quindi bassi livelli di ossidazione e rallentando notevolmente l’invecchiamento del lubrificante. 

I tempi di inattività non pianificati dei macchinari costano agli operatori del settore manifatturiero tra le 67.000 e le 560.000 Euro all’anno, ma tali costi possono essere evitati con un’approfondita manutenzione delle apparecchiature e selezionando componenti che ne richiedano poca, come la gamma di riduttori WG20. La geometria progettata con competenza e i metodi di lubrificazione intelligenti consentono di minimizzare la manutenzione 

WEG ha pubblicato una guida gratuita alla manutenzione dei riduttori: What Maintenance Staff need to know about Geared Motors (cose da sapere per i manutentori di un motoriduttore).



Contenuti correlati

  • ProgettistaPiù 2023: Automazione in Acqua

    La Redazione di Automazione Oggi propone il 25 gennaio 2023, nell’ambito della seconda edizione del convegno in streaming ProgettistaPiù, frutto della sinergia tra Quine e TraceParts, una mattinata, dalle 9.30 alle 12.30, dedicata al tema “L’Automazione nei 4.elementi: ARIA. ACQUA. TERRA. FUOCO.“ La sessione dedicata all’Acqua, intitolata Acqua: “scoprire” il mare...

  • ProgettistaPiù 2023: l’Automazione nell’Aria

    La Redazione di Automazione Oggi propone il 25 gennaio 2023, nell’ambito della seconda edizione del convegno in streaming ProgettistaPiù, frutto della sinergia tra Quine e TraceParts, una mattinata, dalle 9.30 alle 12.30, dedicata al tema “L’Automazione nei 4.elementi: ARIA. ACQUA. TERRA. FUOCO.“...

  • Sew-Eurodrive migliora l’efficienza di di Nazari Automazioni con la sua tecnologia

    Azienda Italiana nata sul finire degli anni Novanta dalla passione per l’innovazione, Nazari Automazioni, con headquarters a Verzuolo (CN), sviluppa e realizza progetti e sistemi di automazione industriale, con proposte “chiavi in mano” in grado di garantire...

  • Cybersecurity per l’OT nel 2023: è tempo di passare ai fatti

    Ormai è universalmente noto che le operations che non sono in grado di sostenere tempi prolungati di inattività fisica, come le infrastrutture critiche, l’industria produttiva o le strutture iperconnesse, rappresentano bersagli particolarmente redditizi per i criminali informatici....

  • Le parole chiave per il 2023: Metaverso Industriale, AR/MR, AI e lavoro ibrido sono i trending topic secondo TeamViewer

    Prediction #1: Metaverso Industriale La digitalizzazione del lavoro è stato un tema centrale negli ultimi decenni, ma la digitalizzazione dei processi dei lavoratori cosiddetti frontline (o in prima linea), che si stima costituiscano circa l’80% della forza...

  • L’innovativo gateway AS-Interface 3

    L’interfaccia AS-i si è affermata da tempo come soluzione semplice ed economica per l’integrazione di sensori e attuatori sul campo. Ma da quasi 20 anni non sono state apportate modifiche a uno dei componenti più importanti del...

  • Il nuovo sensore di visione 3D per bracci robotici di Omron

    I sensori FH-SMD di Omron possono essere montati su un robot per riconoscere le parti (sfuse) posizionate in modo casuale in tre dimensioni, offrendo assemblaggio con ingombro ridotto e operazioni di ispezione e pick & place difficili...

  • RFID o bar code?

    Ricordate quasi 20 anni fa? Quando c’era un’atmosfera positiva e la tecnologia RFID stava vivendo un boom? L’RFID (Radio Frequency Identification) non è una tecnologia nuova. La fisica che ne è alla base è stata sviluppata all’inizio...

  • Da Softing una soluzione per l’integrazione dei dati CNC Fanuc nel Siemens Industrial Edge

    I prodotti software basati su Docker della famiglia edgePlug di Softing collegano i controller alle applicazioni del Siemens Industrial Edge, una piattaforma di edge computing aperta e direttamente implementabile. Il nuovo edgePlug Fanuc CNC può essere utilizzato per...

  • La nuova piattaforma Manufacturing Excellence di Honeywell

    Honeywell presenta la piattaforma Manufacturing Excellence, che fornisce una visualizzazione della produzione end-to-end in tempo reale e dashboard per molteplici utenti, dagli operatori al management, linee temporali delle unità di processo, status dettagliati delle apparecchiature e trend...

Scopri le novità scelte per te x