Collaborazione nel packaging tra Omag e Schneider Electric

Omag presenta a Interpack 2023 la confezionatrice per monodosi in stick modello CS che applica architetture di automazione Schneider Electric accompagnate da servizi digitali innovativi basati su cloud e blockchain

Pubblicato il 5 maggio 2023

Omag, azienda specializzata nelle soluzioni per il packaging in film flessibile di prodotti monodose, presenta all’edizione 2023 di Interpack, in svolgimento a Dusseldorf, Germania, dal 4 al 10 Maggio, CS/6, una confezionatrice su 6 file per monodosi in stick che ha a bordo soluzioni di automazione innovative della gamma Pac Drive Schneider Electric, accompagnate da software e servizi digitali e da credenziali di sostenibilità garantite da un processo di Life Cycle Assessment.

Omag, fondata nel 1973, propone una gamma di macchine per il confezionamento primario molto ampia, che copre ogni tipologia di soluzioni (moto continuo o intermittente, macchine verticali o orizzontali per la produzione di buste saldate su 3 e 4 lati, stick-pack e doy-pack.) e linee di confezionamento complete, anche robotizzate. L’azienda, che ha sede principale a Gradara (provincia di Pesaro e Urbino) opera su un mercato globale, con uffici commerciali e di service presenti in vari paesi del mondo,  e conta più di 130 dipendenti. I principali mercati di riferimento a cui si rivolge sono food e pharma.

La collaborazione con Schneider Electric è di lungo corso: da circa 15 anni le due aziende lavorano insieme con un approccio che va oltre il “semplice” rapporto di fornitura. Si tratta di una vera e propria partnership, che supporta Omag nello sviluppo delle soluzioni più complesse richieste dai clienti e che non si tira indietro nell’affrontare nuove sfide, sperimentando tecnologie innovative e anticipando i trend di sviluppo del settore, quali ad esempio la ricerca di una maggiore sostenibilità ambientale e la servitizzazione spinta, abilitata dalla digitalizzazione. Un impegno importante in un anno particolare per l’azienda, che compie cinquant’anni.

“Il continuo miglioramento, la ricerca della qualità in tutti i suoi aspetti, l’innovazione, l’attenzione  e la competenza che da sempre mettiamo in campo ci hanno portati a festeggiare i 50 anni di attività” afferma Roberto Filippucci, Senior Software Engineer di Omag.

Prestazioni e sostenibilità per tutto il ciclo di vita

La confezionatrice CS per prodotti liquidi, granulari e polverosi in stick-pack monodose’ è in grado di produrre simultaneamente sei bustine saldate su tre lati a velocità che arrivano fino a 100 colpi al minuto, La confezionatrice è equipaggiata con il l’architettura high performance Schneider Electric PacDrive 3, per la gestione logica PLC e Motion. Sono impiegati i motori con azionamento integrato della gamma Lexium ILM62 e gli innovativi avviatori TeSys Island, componenti elettromeccanici smart che offrono anche funzionalità per la rilevazione dei consumi energetici.

La soluzione motion pensata per questa macchina si caratterizza, oltre che per le elevate prestazioni, per la capacità di ridurre il consumo energetico.  Avere l’azionamento integrato sulla macchina, ad esempio, oltre a diminuire l’ingombro del quadro di automazione riduce anche la quantità di calore da dissipare nel quadro e quindi le esigenze di condizionamento – con la relativa richiesta di energia. L’adozione di un bus di potenza condiviso consente di sfruttare l’energia di frenata dei motori brushless per alimentare i motori che stanno accelerando, invece di disperderla. La raccolta dei dati energetici dal campo consente una indicazione attendibile del consumo istantaneo dell’impianto evitando eventuali sprechi e il monitoraggio della qualità dell’energia stessa.

Omag, con il supporto di Schneider Electric, ha fatto un percorso molto articolato ed evoluto sul tema della sostenibilità, scegliendo di realizzare un Life Cycle Assessment (LCA) su tutta la famiglia di macchine confezionatrici di cui fa parte la confezionatrice per stick che verrà esposta a Interpack.

Si tratta di una analisi completa che prende in considerazione tutti i profili di impatto ambientale della macchina, su tutto il suo ciclo di vita comprendendo l’intera filiera – dalle materie prime utilizzate per i componenti ai processi di produzione, dall’utilizzo del macchinario da parte del cliente fino alla gestione del fine vita di componenti e macchina.

Nel percorso Omag ha potuto individuare tutti i “nodi” su cui intervenire per migliorare la sostenibilità della sua offerta. Ad esempio, il reparto di progettazione meccanica è stato coinvolto per individuare nuovi criteri di design che rendano più facili processi di aggiornamento sui vari componenti della macchina. La riparazione o modernizzazione determinano un allungamento della vita dei macchinari. Si è lavorato anche per ridurre l’impatto ambientale dei trasporti; si sono adottate scelte di fornitura sulle materie prime capaci di garantire maggiore trasparenza e tracciabilità.

Omag ha scelto questo percorso di sostenibilità non soltanto per responsabilità nei confronti del pianeta, ma anche per averne un vantaggio competitivo verso il mercato sempre più sensibile alle problematiche relative ai cambiamenti climatici.

Poter offrire al cliente credenziali di sostenibilità certificate risulta un fattore differenziante e competitivo, infatti, sono sempre di più le aziende e produttori finali che hanno obiettivi ESG (Environmental, Social and Governance); tali player sul mercato globale a breve saranno soggetti all’obbligo di comunicare le informazioni di sostenibilità ambientale, sociale e governance – e chiederanno altrettanto ai loro fornitori.

I vantaggi di una digitalizzazione spinta: dalla servitizzazione alla blockchain

La digitalizzazione oggi offre ai costruttori di macchine la possibilità creare nuovi modelli di business, con nuove offerte di servizi che consentono di accompagnare il cliente nel tempo, aiutandolo a ottimizzare le performance delle sue confezionatrici, a migliorare i processi di manutenzione e a supportare il personale nell’operatività. Per questo Omag ha scelto di adottare le soluzioni che Schneider Electric offre per abilitare la servitizzazione.

Attraverso soluzioni cloud per il monitoraggio delle macchine, le informazioni provenienti dalla confezionatrice CS sono rese disponibili in cloud per azioni di analisi, monitoraggio, diagnostica da remoto. Scalando questo approccio sul parco macchine installato, Omag può realizzare un concetto di “control room” completo, che permette di tenere sotto controllo in modo centralizzato “flotte” di macchinari installati ovunque nel mondo ed anche di coadiuvare le attività manutentive sul campo con l’intervento di un esperto da remoto.

Sulla confezionatrice CS, Schneider Electric e Omag hanno fatto un ulteriore passo in avanti nel percorso di servitizzazione, scegliendo di memorizzare e storicizzare i dati inviati nel cloud dalle macchine su una piattaforma blockchain, che garantisce tracciabilità, inviolabilità in un ambiente protetto che dal 2019 ha validità legale nel nostro paese. Si pongono così le basi per abilitare l’offerta di servizi certificati e validati rivolti al cliente sanciti da smart contract basati su tecnologie a registri distribuiti (Block Chain), con piena tracciabilità di tutto ciò che avviene nell’ambito dei servizi pattuiti.

Nello stand di Omag a Interpack 2023 è presente anche un’altra macchina, specifica per il mercato farmaceutico, che confeziona in bustine saldate su 4 lati con tecnologia di termosaldatura a piastre. Entrambe le confezionatrici hanno le stesse architetture di automazione e anche su quest’ultima è possibile replicare l’integrazione di servizi digitali evoluti di cui viene data dimostrazione per la CS.



Contenuti correlati

  • Dal cloud all’edge computing, i benefici per la fabbrica

    Monitoraggio e gestione degli asset industriali in tempo reale diventano cruciali per le organizzazioni che puntano a migliorare l’efficienza operativa e a ottimizzare i costi. Leggi l’articolo

  • Affidarsi alla simulazione

    Specializzata nel risolvere qualsiasi esigenza degli operatori del settore del packaging e produttrice italiana di macchinari industriali, Ronchi Mario ha scelto Simcenter Amesim per migliorare le proprie prestazioni Nel settore del packaging, il successo degli operatori è...

  • Trattamenti galvanici più sostenibili

    Il produttore di impianti galvanici Omig e Schneider Electric hanno firmato una collaborazione che ha come obiettivo quello di rendere il processo di galvanizzazione il meno inquinante possibile Omig è nata nel 1959 nella provincia lombarda di...

  • Sostenibile e intelligente, ecco la manifattura del futuro secondo Schneider Electric

    Green & smart: la manifattura 5.0 secondo Schneider Electric deve seguire queste due direttrici, puntando su soluzioni di digitalizzazione, automazione ed elettrificazione che la multinazionale è in grado di fornire in 4 ambiti strategici: industria, edifici, infrastrutture...

  • Le potenzialità dell’Industrial IoT

    Fra i rischi legati alla sicurezza e alla privacy dei dati, ma non solo, e i vantaggi offerti dall’IIoT-Industrial Internet of Things, in termini di efficientamento e sostenibilità, solo per citarne alcuni, vediamo i consigli degli esperti...

  • Schneider Electric EcoStruxure Automation Expert
    Le novità Schneider Electric viste ad Hannover Messe, con l’automazione come driver per la sostenibilità

    Schneider Electric ha mostrato ad Hannover Messe le più rilevanti novità della sua offerta in varie aree tra cui il software industriale, l’Intelligenza Artificiale, i Digital Twin. Tutte queste soluzioni sono state presentate in uno spazio dedicato...

  • Cambio al vertice: nuovo presidente e AD per Schneider Electric Italia

    Nuova nomina in Schneider Electric: Davide Zardo, veneziano, classe 1970, laureato in Ingegneria Meccanica, dal 1° giugno 2024 sarà il nuovo Presidente e AD per l’Italia. Entrato in Schneider Electric nel dicembre 2010 a seguito dell’acquisizione di...

  • Innovazioni e tendenze nelle misure di processo

    I nuovi scenari della sensoristica sono guidati soprattutto dalle innovazioni tecnologiche e dalla rivoluzione digitale. Questi fattori consentono di monitorare i processi in modo più flessibile, economico e preciso, sfruttando appieno le potenzialità derivanti da un vasto...

  • Schneider Electric Materialize
    Schneider Electric avvia Materialize, un programma per la decarbonizzazione dell’industria mineraria

    Schneider Electric ha presentato in occasione del suo recente Innovation Summit il programma di decarbonizzazione della supply chain Materialize, che si rivolge alle aziende del settore estrattivo e delle risorse naturali (MMM: Mining, Minerals & Materials) per...

  • Appuntamento ad All4pack Emballage Paris 2024

    Il settore del packaging è al centro delle sfide del settore in termini di circolarità e di decarbonizzazione. Oggi deve affrontare molteplici sfide: ambientali, economiche, logistiche e, naturalmente, normative, con le leggi Agec e sul clima e...

Scopri le novità scelte per te x