Casazza (Eplan): l’ufficio tecnico deve funzionare come una squadra di calcio affiatata

Pubblicato il 11 novembre 2014

“Il motivo per il quale vi abbiamo riunito qui oggi non è vendervi il nostro prodotto, perché l’avete già acquistato, ma di utilizzare gli strumenti Eplan al massimo delle loro possibilità, per standardizzare e integrare finalmente anche i dati meccatronici nel processo di progettazione multidisciplinare integrata della vostra azienda“.

È questo uno dei messaggi che Stefano Casazza, Country Manager di Eplan Software & Service, ha rivolto agli intervenuti alla seconda edizione di Eplan Engineering Conference, tenutosi nel mese di ottobre 2014 presso l’AuditoriumVerdi di Hotel Parma & Congressi.

Di fronte a una platea di 220 ingegneri, tecnici e progettisti, Casazza ha aperto i lavori con il filmato di presentazione del Gruppo Friedhelm LOH, del quale Eplan fa parte insieme a Rittal (armadi elettrici, distribuzione di potenza, climatizzazione, infrastrutture IT), Stahlo (lavorazione dell’acciaio), LKH (lavorazione della plastica) e Kiesling (automazione per la produzione di quadri elettrici), alle quali si aggiunge Loh Services, che gestisce i servizi operativi per tutto il gruppo. Il gruppo oggi copre oltre 100 Paesi, con 60 filiali dirette, 14 siti produttivi e 11.500 addetti, con una capacità produttiva di 15 mila armadi al giorno, oltre 95 mila installazioni attive e 1.500 brevetti registrati.

Oggi, il collo di bottiglia dell’ufficio tecnico è il progettista elettrico o l’ingegnere dell’automazione che si trova a operare su una parte meccanica già definita, con inevitabili mal di pancia,” ha affermato Casazza. “Dopo la standardizzazione della progettazione meccanica grazie all’adozione diffusa del 3D, ora è necessario fare lo stesso percorso nell’ufficio di progettazione elettrica. Come avviene in ambito CAD, prima di generare lo schema elettrico di un progetto è indispensabile avere la BOM, la distinta base di tutta la parte elettrica. La collaborazione fra meccanici ed elettricisti deve quindi cominciare più a monte, parallelizzando tutti i processi di sviluppo meccatronico”.
Nella visione proposta da Casazza, l’ufficio tecnico deve lavorare come una squadra di calcio affiatata e ben organizzata, capace di far girare velocemente il pallone (cioè le informazioni) senza che tutti siano costretti a rincorrerlo.

Gli strumenti a vostra disposizione hanno tutte le potenzialità e le funzionalità necessarie, ma la tecnologia da sola non basta,” ha concluso Casazza. “Sono le persone e le metodologie a fare la differenza. La standardizzazione e l’integrazione dei dati meccatronici possono produrre benefici sostanziali, concreti e misurabili: uniformità della codifica, del cartiglio e della numerazione dei fili, abbattimento degli errori di progettazione e costruzione, riduzione dei codici di prodotto e del magazzino, uniformità della documentazione e della qualità progettuale, e distribuzione omogenea dell’informazione”.



Contenuti correlati

  • Da “meccanica” a “meccatronica”, e il fatturato ‘vola’

    Investimenti in trasformazione e crescita aziendale, risorse umane e macchinari. È questa la chiave del successo di P.P. Inox, storica azienda meccatronica specializzata nella lavorazione dell’inox. Chiara Cormanni e il padre Claudio, fondatore dell’azienda che nel 2020...

  • AAA neolaureato cercasi: in aumento le offerte di primo impiego su Linkedin

    Quali sono i profili di laureati al primo impiego più richiesti dalle aziende? Un quadro piuttosto preciso emerge dalla ricerca condotta da Linkedin, alla prima edizione per l’Italia, e dedicata ai settori industriali e le regioni dove...

  • Tecnologie innovative nella produzione e nell’assemblaggio

    Sistemi di produzione flessibili e soluzioni su misura per automatizzare i processi industriali nel campo dell’assemblaggio: si parla di automazione avanzata, robotica, additive manufacturing e soluzioni di trasporto intelligente. Nuovi paradigmi produttivi di forte discontinuità rispetto al...

  • Formazione tecnica superiore: Mitsubishi Electric collabora con ITS Prime

    È in corso un profondo cambiamento del tessuto occupazionale italiano, contrassegnato da un fabbisogno sempre più elevato di profili con competenze tecniche specializzate, necessari alle aziende per promuovere i processi di innovazione in corso. In questo contesto...

  • Uno strumento versatile per studiare la meccatronica

    Per il test e lo studio di sistemi elettronici, Yokogawa ha introdotto un oscilloscopio di nuova generazione a segnali misti con l’opzione per quattro od otto canali analogici. Connettendo due strumenti, diventa possibile farli lavorare insieme, ottenendo...

  • CSC Bearing e Mondial: una collaborazione duratura

    In linea con il principio della ‘soddisfazione del cliente attraverso la qualità’, Mondial ha concluso un accordo di partnership con il produttore di cuscinetti super precisi CSC Bearing. le società intendono mantenere ed espandere la cooperazione, poiché l’attenzione al...

  • Mondial: sempre uno sguardo al futuro

    Il Gruppo Mondial, una delle più importanti realtà italiane nel settore delle trasmissioni di potenza, oggi sempre più volto a fornire soluzioni di meccatronica per applicazioni innovative, ha acquisito il controllo di Smart Factory, start-up innovativa italiana altamente specializzata...

  • NiRoTech Owl smart production Hong Kong
    La smart production a Hong Kong grazie ad un imprenditore italiano

    La NiRoTech di Roberto Leone firma la nuova linea Owl per prodotti hi-tech. I suoi robot combinano intelligenza artificiale, controllo, visione a 360°, flessibilità e agilità di movimento, Internet of Things, interfaccia uomo-macchina, raccolta dati real time...

  • Soluzioni di robotica mobile AutomationWare

    AutomationWare ha fatto della modularità la caratteristica principale delle sue soluzioni di robotica, sia a livello hardware che software, senza dimenticare sicurezza, facilità di integrazione e di utilizzo, caratteristiche fondamentali per la robotica collaborativa attuale e futura....

  • Non c’è rinascita industriale senza ingegneri

    Agli inizi era stato definito Piano Nazionale Industria 4.0 – modificato poi in Impresa 4.0 e diventato poi Transizione 4.0 – il piano da 24 miliardi per l’economia italiana varato per dare nuovo impulso alla politica industriale...

Scopri le novità scelte per te x