Ca’ delle Alzaie, la smart home sostenibile con tecnologia BTicino

Pubblicato il 19 aprile 2022
Cà delle Alzaie BTicino

Ca’ delle Alzaie è l’ultimo intervento residenziale firmato da Stefano Boeri Architetti in Italia. Il progetto, sviluppato a Treviso, si inserisce nell’ambito della ricerca sulla forestazione urbana, attività iniziata a Milano da Stefano Boeri con il Bosco Verticale, dove trovano spazio indagine scientifica, urbanistica e progettazione architettonica. Divenuta un punto di riferimento internazionale per chiunque cerchi una risposta concreta ai problemi legati al cambiamento climatico in ambito urbano, ha rappresentato uno dei punti fermi per lo sviluppatore del progetto, Cazzaro Costruzioni, impresa che opera nel campo dell’edilizia da oltre cinquant’anni, con l’obiettivo di proporre al mercato soluzioni d’avanguardia volte a migliorare la qualità abitativa degli edifici e a ridurre l’impatto ambientale.

Ca’ delle Alzaie nasce dal recupero di un’area ex produttiva di circa 11.000 mq, a pochi passi dal centro storico di Treviso e si affaccia sul fiume Sile. L’obiettivo era sviluppare un intervento in cui gli edifici avrebbero dialogato strettamente con la natura circostante, nel rispetto dei vincoli paesaggistici, ma con un focus importante su tecnologia, design e benessere abitativo.

È questo il contesto in cui si è inserita BTicino, occupandosi sia della realizzazione dell’impianto elettrico che della domotica hardware e estetica, fornendo anche supporto commerciale e tecnico.

“Ci fa davvero piacere aver potuto esser parte di questo importante intervento, portato avanti da un’impresa di costruzione di assoluto livello e firmato da uno studio di progettazione così prestigioso.” ha affermato Silvio Terraneo – Responsabile Vendite e Sviluppo Business Real Estate di BTicino, che ha proseguito: “In sviluppi immobiliari di questo livello risulta fondamentale creare la massima collaborazione fra tutti gli attori coinvolti nel processo. Una collaborazione che parte dallo studio e dalla progettazione preliminare, fino alla definizione di cosa inserire all’interno dei singoli appartamenti. Il nostro obiettivo è quello di essere un partner ideale per quelle realtà che vogliono realizzare costruzioni ad alto tasso tecnologico e con un importante livello di personalizzazione.”

Per quanto riguarda l’estetica, all’interno dei cinquantotto appartamenti è stata scelta la linea BTicino Living Now, per la sua estrema pulizia del disegno e per il rigore delle geometrie. Finiture bianche o nere, una forma unica e distintiva, dotata di una perfetta planarità della superficie e di un perfetto allineamento tra i vari elementi del punto luce. Una sintesi di bellezza, funzionalità e tecnologia che trasforma l’interruttore in una vera e propria interfaccia di comando. L’accensione o lo spegnimento della luce, l’automazione delle tapparelle, avvengono premendo qualsiasi punto della superficie dei tasti che, una volta azionati, ritornano in posizione restando sempre perfettamente allineati. Con BTicino Living Now l’interruttore si trasforma così in un’interfaccia che si apre alla user experience di ogni persona che vive la casa.

A Ca’ delle Alzaie sono stati inseriti i videocitofoni connessi, con home touch da sette pollici e comandi vocali Amazon Alexa. In ogni appartamento sono presenti sistemi per la gestione dei carichi e la visualizzazione consumi, termoregolazione per sistemi a pavimento e canalizzati, antifurto IP e integrazioni con sistemi meccanici di terze parti tramite driver manager.

Trovano spazio anche un web server per la connessione remota, quadri elettrici e flatwall completi di interruttori di protezione e salvavita. Nelle zone comuni sono state poi previste batterie tampone e sganciatori di emergenza, gruppi di continuità elettrica per pompe, prese di ricarica per autoveicoli e un sistema per la diffusione sonora digitale.

Ca’ delle Alzaie si compone di tre fabbricati di sette piani, in classe energetica A4 Nzeb, dotati di una piastra seminterrata in cui sono stati realizzati ampi garage, che si presenta in copertura come uno spazio verde, con un prato fiorito, arbusti e alberature. La scelta di un fronte discontinuo garantisce un elevato livello di privacy degli spazi interni ed evita il formarsi di una barriera visiva tra i tre differenti corpi. Ogni piano ospita due o tre appartamenti, di diverso taglio, in cui le zone giorno sono collocate a sud, verso il fiume, mentre le zone notte sono rivolte a nord. Le facciate principali a sud e nord di tutti gli edifici sono attrezzate per ospitare alberature e grandi arbusti.

“Abbiamo affrontato questo progetto con grande entusiasmo e con la consapevolezza di trovarci di fronte a un intervento complesso.” ha dichiarato Mauro Cazzaro – Titolare della Cazzaro Costruzioni, “I lavori, partendo dalle opere di bonifica, sono durati circa due anni. Volevamo creare un equilibrio tra contenitore e contenuto, un teatro verde che seguisse il corso delle stagioni e della Natura. Per il progetto architettonico abbiamo voluto una firma dell’architettura internazionale; anche nella scelta dei partner abbiamo cercato qualità, affidabilità e competenza, così da poter offrire ai nostri clienti abitazioni totalmente in linea con le loro aspettative. Dal punto di vista tecnologico siamo partiti dalla platea fluttuante, posta alla base degli edifici, su cui poggia una scatola molto rigida che garantisce un alto livello di sicurezza sismica e ha permesso una notevole rapidità di costruzione. Ca’ delle Alzaie rappresentava per noi una sfida, che sentiamo d’aver vinto.”

Il team di progetto di Stefano Boeri Architetti è stato guidato dall’architetto Marco Giorgio, Direttore e Partner di Stefano Boeri Architetti, affiancato nella progettazione del verde dall’agronoma paesaggista Laura Gatti. Quattrocento nuovi arbusti a basso fusto e centoventi nuovi alberi in facciata, due ettari di verde tra verticale e orizzontale che si prevede produrranno circa tre tonnellate di ossigeno ogni anno. Nella scelta delle piante da inserire, proprio nell’ottica di un assoluto rispetto del luogo, sono state seguite anche le linee guida indicate dal Parco del Sile, che hanno portato a individuare piante autoctone, non in conflitto tra loro e che non presentassero allergeni.

L’appartamento è stato firmato da A|N Studio – Nicole Masetti e Antonio Lancellotti. La scelta di materiali naturali come il rovere e le pietre naturali, i toni caldi e le tinte di cuoio e lini utilizzati per gli arredi, ha contribuito a dare un senso di serena tranquillità in quello che i designer, nonché proprietari dell’appartamento, amano definire il loro santuario privato immerso nella natura. La scelta di utilizzare marmorini per rifinire le pareti dona un effetto materico alle superfici, creando una atmosfera calda e accogliente. La maggior parte degli arredi sono stati progettati da A|N Studio, avvalendosi dell’aiuto di artigiani locali, ma è l’aggiunta di alcuni pezzi di antiquariato e di modernariato, a rendere più profondo e ricco l’ambiente minimale, studiato in linea con i canoni dell’architettura contemporanea.

 



Contenuti correlati

  • Hannover Messe 2023: la via per un’industria a impatto ambientale zero

    Le grandi sfide che il mondo deve fronteggiare oggi, quali il cambiamento climatico, la crisi energetica e le interruzioni delle catene di approvvigionamento, hanno tutte una caratteristica in comune: richiedono soluzioni high-tech innovative. Ecco perché ad Hannover...

  • Digitalizzazione, sostenibilità e innovazione, chiavi del futuro secondo Gruppo IMQ

    Si è tenuto questa mattina a Bollate, alle porte di Milano, l’evento “Together Toward Future”, durante il quale Antonella Scaglia, Amministratore Delegato di IMQ Group, ha illustrato alla platea, composta da stampa tecnica, stakeholder e clienti, la...

  • Mirai, la nuova sede Mitsubishi

    Il presidente e ceo Shunji Kurita di Mitsubishi Electric Europe insieme a Mario Poltronieri, presidente della filiale italiana di Mitsubishi Electric hanno inaugurato i nuovi uffici italiani all’interno dell’Energy Park di Vimercate pensati per supportare al meglio...

  • Grande successo per la ventesima edizione di AMB

    La ventesima edizione di AMB, Fiera internazionale per la lavorazione dei metalli ha registrato un’atmosfera stimolante nei padiglioni e tra gli operatori del settore. Per 5 giorni il quartiere fieristico di Stoccarda ha visto passare 64.298 visitatori e 1.238 espositori...

  • Online il nuovo portale Professionisti BTicino

    Da un paio di giorni è online il nuovo portale BTicino, dedicato ai professionisti. Un progetto pensato per rispondere in modo esaustivo, immediato e puntuale a tutte le esigenze dei clienti, in cui troveranno spazio non solo prodotti...

  • Altair digital twin
    Digital Twin, la tecnologia che piace alle aziende fa il botto

    Altair ha reso noti i risultati di un’indagine internazionale indipendente che conferma un’impennata nell’adozione della tecnologia digital twin a livello mondiale. L’indagine, condotta su oltre 2.000 professionisti, ha misurato in che modo le organizzazioni – in tutti...

  • Un futuro tra sostenibilità e ‘automazione universale’

    Alla più recente edizione della fiera di Hannover, Schneider ha illustrato la propria visione sul futuro dell’industria, necessariamente proiettato verso un modello di sviluppo sostenibile, basato al 100% su tecnologia digitale ed energia elettrica. Anche l’automazione industriale...

  • Un successo che parte dalla flessibilità

    SEW-Eurodrive, grazie al proprio servizio di mappatura con soluzioni di consignment stock, è riuscita ad azzerare i costi di fermo impianto di Laurieri, garantendo efficientamento, flessibilità, sostenibilità Leggi l’articolo

  • Il punto di vista di Bosch Rexroth sulla sostenibilità

    Si può essere davvero green quando si parla di produzione industriale? Secondo Bosch Rexroth sì, non solo perché tutte le sue sedi sono carbon-neutral, ma anche perché offre prodotti e soluzioni sostenibili per il mondo dell’automazione. Per...

  • Il futuro intelligente dell’agricoltura

    Che si tratti di computer quantistici, di turismo spaziale o di tecnologie basate sull’idrogeno, l’avanguardia tecnologica si concentra su argomenti in continua evoluzione. Stranamente, quello spesso trascurato è proprio il settore più importante: l’agricoltura. Questo nonostante sia stata in...

Scopri le novità scelte per te x