Quanto vale la formazione tecnica? Intervista a Valerio Ricciardelli di Festo CTE

Pubblicato il 15 giugno 2016

La formazione tecnico-professionale è un fattore chiave per aziende, professionisti, manager e lavoratori. Al tempo stesso è lo strumento di crescita su cui poggiano i percorsi di studio, aggiornamento e riqualificazione. La quarta rivoluzione industriale alle porte sta ridisegnando prodotti, servizi e modelli educativi. La sfida per il nostro sistema industriale ed economico è enorme. Ne abbiamo discusso con Valerio Ricciardelli, presidente di Festo CTE, una delle più importanti realtà internazionali nella consulenza e nella formazione in ambito industriale, oltre che primo provider mondiale per i sistemi e le metodologie di apprendimento per la meccatronica.

Valerio Ricciardelli - Presidente e AD Festo CTE

Valerio Ricciardelli – Presidente e AD Festo CTE

In che modo la cultura tecnica può sostenere la crescita delle aziende e delle persone?
L’Italia è ancora il secondo Paese manifatturiero in Europa, dopo la Germania, dove l’istruzione tecnica, secondo quanto scritto recentemente da Romano Prodi e da me ampiamente condiviso e argomentato, è in “coma” mettendo a rischio nel prossimo futuro la sopravvivenza delle nostre aziende dei settori industriali.
Allora va da sé che la prima ricetta per sostenere la crescita delle nostre aziende è di poter disporre di quelle competenze distintive, oggi mancanti, che si possono acquisire solamente con una istruzione tecnica qualificata sia secondaria che terziaria.

Cosa serve al nostro Paese per ridurre la disoccupazione giovanile e al contempo evitare che ogni anno decine di migliaia di giovani laureati in discipline tecniche e scientifiche vadano a lavorare all’estero?
Creare nuovi tecnici, con le competenze necessarie alle aziende più pronte per competere nei mercati internazionali e quindi quelle orientate all’export, che fan parte prevalentemente del settore del machinery: troverebbero immediata occupazione. Nello stesso tempo riportare al centro dei dibattiti politici l’importanza dell’istruzione tecnica, ridando dignità alle scuole tecniche ed investendo nelle loro infrastrutture laboratoriali. Fare un piano straordinario di no formal education post diploma, finanziata dal FSE ma fatta realizzare da società di formazione private con comprovata esperienza internazionale nel settore.

Quali nuovi modelli formativi e organizzativi sono necessari per sostenere la competizione internazionale, il Made in Italy manifatturiero e l’avvento di Industry 4.0?
Sono un sostenitore, anche per una esperienza trentennale e per essermi occupato di Industry 3.0, della necessità di costruire dei percorsi di formazione applicata superiore, di durata non superiore ad un anno, ispirati ad un modello di dual education innovativo(non la riproposizione del modello duale tedesco). Va assolutamente superato il modello organizzativo degli ITS, ormai dichiarato fallito, che poggia in gran parte su complessità burocratiche. Le iniziative formative devono essere promosse, affidate e accreditate agli istituti o a società di formazione con le caratteristiche sopra citate.

Che tipo di professionalità e competenze tecniche saranno richieste nei prossimi anni?
Da più parti si sostiene che servono professionalità medium tech e medium-high tech con competenze generali rivolte all’area della meccatronica e in particolare alla componentistica intelligente. Nello stesso tempo sono necessarie ulteriori competenze per dare seguito a processi di innovazione incrementale, integrate dalle ormai tradizionali soft skills. Gli ambienti di maggior riferimento sono da un lato il contesto internazionale dove operano maggiormente le nostre imprese più attive e più pronte alla crescita e dall’altro il dover spesso operare, per le stesse, in una supply chain allargata.

Dialogando

il blog di Armando Martin

Dialogando è il blog che Armando Martin cura per Automazione Plus. In questo spazio l'autore proporrà interviste, dialoghi, riflessioni e scambi di opinioni con i protagonisti del mondo dell'industria, dell'innovazione e della ricerca. Se qualcuno di questi post vi ha incuriosito e volete parlarne con l'autore o con altre persone, potete farlo sul Gruppo di Discussione di Automazione e Strumentazione su LinkedIn e a breve sulla pagina facebook dedicata a queste conversazioni.

Per commentare devi autenticarti:



Contenuti correlati

  • schneider electric sostenibilità italia programma
    I progetti di sostenibilità di Schneider Electric in Italia

    Schneider Electric ha reso pubblici i tre impegni specifici per l’Italia, che si aggiungono agli 11 impegni di Sostenibilità già definiti a livello globale nella Strategia di Sostenibilità del Gruppo Schneider Electric. L’inserimento di obiettivi locali per...

  • La supply chain e il settore fashion: tavola rotonda in attesa di Intralogistica Italia

    Si è parla to di supply chain e fashion durante la tavola rotonda tenutasi ieri alla presenza di oltre 130 aziende, dal titolo “L’innovazione tecnologica nella logistica di magazzino del settore fashion”, organizzata come evento di avvicinamento...

  • Intervista Stecam-SMC

    La Redazione di Automazione Oggi ha intervistato Martina Sarandria, sales engineer di SMC, azienda che opera nel settore della pneumatica, e Stefano Segri, general manager di Stecam, cliente di SMC che opera nell’ambito dell’automazione.  

  • AR e AI: rivoluzione per l’industria e non solo

    Maggiore efficienza nella produzione, riduzione dei costi di trasferta, maggiori competenze del personale on site guidato da tecnici in remoto, maggiore sicurezza dei dipendenti. Molteplici i vantaggi di queste tecnologie applicate alla produzione industriale Leggi l’articolo

  • Innovare e digitalizzare: Asem c’è

    L’importanza strategica del software per soddisfare le esigenze di IIoT e Industry 4.0 Leggi l’articolo

  • Competenza e personalizzazione: SEW-Eurodrive punta su un network qualificato e certificato per un supporto rapido e competente

    Proporre soluzioni performanti, su misura e fortemente personalizzate è il focus delle realtà che progettano e implementano tecnologie e sistemi di automazione, volti allo sviluppo del concetto di Industria 4.0 e Smart Factory. Oggi, per essere ancora...

  • SDProget propone un aiuto concreto alle scuole

    Affinché gli studenti siano sempre allineati alle esigenze del mondo del lavoro, SDProget Industrial Software propone il Kit Scuola: un pacchetto dei suoi principali software CAD pensato appositamente per scuole e Università   Con l’obiettivo di favorire...

  • Covid-19: le imprese sono corse ai ripari con la digitalizzazione
    Covid-19: le imprese sono corse ai ripari con la digitalizzazione

    Nuovi fornitori e corsa alla digitalizzazione. Così hanno reagito le aziende alla pandemia da Covid-19. È quanto emerge dall’ultima indagine Viewpoint di DNV, ente di certificazione, sulla resilienza delle supply chain, che ha coinvolto 1.142 imprese a livello...

  • Sensoristica smart

    Sensori di ogni tipo e sempre più dotati di intelligenza sono oggi in grado di rilevare i dati più diversi: temperatura, vibrazione, umidità, cicli ecc., in modo da trasformarli in informazioni utili a una gestione ottimale degli...

  • ‘I Primi Passi nel Cloud’: programma di formazione per le PMI sul cloud

    Amazon presenta “I Primi Passi nel Cloud”, il nuovo percorso di formazione, in collaborazione con Amazon Web Services (AWS), che arricchisce il programma Accelera con Amazon, il percorso di formazione gratuito per accelerare la crescita e la...

Scopri le novità scelte per te x