La fisica regala alla robotica i nanosensori quantistici

Pubblicato il 11 marzo 2016

In un mondo sempre più interconnesso, dove la raccolta e il trasferimento di dati diventa un fattore cruciale per sfruttare tutte le enormi potenzialità dei nuovi sistemi di comunicazione, il ruolo dei sensori diventa determinante e strategico. Incrociando poi questo trend con la diffusione delle nanotecnologie, ecco che acquistano interesse i nanosensori e tutte le innovazioni che li riguardano; fino a quelle, a prima vista esotiche e lontane dagli interessi industriali, relative ai nanosensori quantistici che recentemente sono stati oggetto di importanti scoperte e significativi risultati da parte di un gruppo di scienziati del CNR.

I nanosensori sono quei sensori in grado di trasportare informazioni dal mondo nanometrico al mondo macroscopico; tra queste informazioni ci sono quelle connesse alle proprietà magnetiche delle nanoparticelle: dalle molecole, agli atomi freddi, ai singoli elettroni. Sono tutti ambiti dominati dalle leggi della fisica quantistica, con le sue difficoltà, alcune ancora irrisolte, e con le sue stranezze, come il celebre effetto tunnel, che prevede che una particella possa attraversare una barriera energetica pur non avendo l’energia necessaria: come se una palla potesse passare attraverso un muro senza scavalcarlo.

Quello che i ricercatori dell’Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti (Isasi-CNR) hanno realizzato sono dei nanosensori quantistici ultrasensibili in grado di rilevare il momento magnetico di pochi singoli atomi. Si tratta di nano dispositivi superconduttori a interferenza quantistica, meglio conosciuti come nano-SQUIDs (acronimo di nano Superconducting QUuantum Interference Devices), in grado di misurare flussi magnetici un milione di volte più piccoli di quello prodotto dal campo magnetico terrestre, consentendo la misura del magnetismo della materia a livello dei singoli atomi o di piccole aggregazioni di essi.

“I nanoSQUIDs” spiegano i ricercatori del CNR “sono tipicamente costituiti da un anello superconduttore submicrometrico dotato di due costrizioni nanometriche. Quelli realizzati presso Isasi-Cnr presentano una struttura più complessa, basata su nano-giunzioni tunnel tridimensionali su un sandwich nanometrico di due superconduttori separati da uno sottilissimo strato di materiale isolante (1 nm), che si traduce in una maggiore sensibilità e affidabilità del dispositivo. In questo modo è stato possibile ottenere nanosensori capaci di misurare localmente campi magnetici così piccoli da apprezzare addirittura quello prodotto dai singoli elettroni”.

I nanoSQUIDs si candidano a essere un potente strumento d’indagine scientifica sui nano-oggetti magnetici, con particolari applicazioni in biomedicina, dove potranno diventare un prezioso strumento capace di misurare il campo magnetico associato all’attività elettrica del singolo neurone. Ma sono di grande interesse anche per alcune tematiche chiave della scienza dei materiali e della fisica dello stato solido e per altre stimolanti applicazioni che possono arrivare fino al livello industriale, quali la computazione quantistica, la rivelazione di singolo fotone e la nanoelettronica.

In figura: Nanosensore a effetto tunnel (fonte Isasi-CNR)

Periscopio

il blog di Mario Gargantini

Periscopio è un blog pensato per chi vuole guardare oltre i confini tradizionali della propria disciplina. Nel complesso scenario attuale le interconnessioni assumono un ruolo sempre più importante e spesso risultano decisive nel favorire e promuovere lo sviluppo di singoli settori. Questo blog si propone di segnalare o rilanciare notizie, esempi, situazioni relative a mondi diversi da quello dell’automazione che è interessante esplorare e con i quali i protagonisti dell’automazione possono e dovrebbero utilmente interagire. L’autore punterà l’obiettivo sia sulle fasi a monte che su quelle a valle dei sistemi di controllo alla ricerca sia di idee per soluzioni innovative che di nuovi ambiti applicativi.

Per commentare devi autenticarti:



Contenuti correlati

  • Automazione su scala nanometrica

    Le nanotecnologie contano già varie applicazioni in uso in vari settori ma è difficile quantificare il valore attuale del loro mercato per vari fattori, vediamo quali… Leggi l’articolo

  • Sensori: intervista a prof. Luciano De Sio, Università La Sapienza

    Automazione Oggi intervista il prof. Luciano De Sio, ricercatore all’Università La Sapienza di Roma, group leader di un gruppo di ricerca giovane e fortemente motivato, che si occupa dello sviluppo di dispositivi nanotecnologici per applicazioni nel campo...

  • sensori nems stampa 3d
    Sensori sempre più miniaturizzati e multifunzionali stampati in 3D

    I dispositivi micro-elettro-meccanici (Mems) sono caratterizzati dall’integrazione di componenti elettriche e meccaniche su scala micrometrica. Tutti noi ne facciamo uso in continuazione: solo nel nostro telefono cellulare ci sono almeno una decina di Mems che regolano diverse...

  • Mouser Spotlight: tecnologie per sensori

    Mouser Electronics ha creato una serie di contenuti sul proprio sito web incentrati sulla tecnologia per sensori, che mette in luce le più recenti soluzioni e le risorse per sensori offerte dai più importanti produttori al mondo....

  • IA e AR cambiano il mondo della manutenzione predittiva

    Nella manutenzione industriale il passaggio dall’approccio reattivo a quello proattivo è in pieno svolgimento e mostra tutti i suoi vantaggi grazie anche al crescente utilizzo delle tecnologie digitali, in particolare dell’Intelligenza Artificiale e della Realtà Aumentata. Processi...

  • Leuze, soluzioni di sicurezza complesse spiegate a Verona al SAVE

    Non solamente componenti, ma soluzioni complete costituite da sensori, dalla conoscenza approfondita del mercato e delle sue esigenze in contesti applicativi vari e definiti. Questo, in sintesi, il concetto che Leuze, tra i principali fornitori di sensori di...

  • L’interpretazione contemporanea della pietra naturale

    Grazie ai sensori di Vega l’azienda italiana Santa Margherita pianifica al meglio il rifornimento di materie prime per la realizzazione dei suoi piani di lavoro in marmo e quarzo Leggi l’articolo

  • Packaging: quattro applicazioni di rilevamento con materiale trasparente

    Il costruttore di macchine per il packaging e per il biomedicale ha a disposizione diversi sensori e tecnologie per il rilevamento con materiale trasparente: film, confezione, provetta e blister. 1) La subminiatura a tasteggio convergente EX-14 in...

  • Turck Banner Italia rafforza la propria struttura in linea con le richieste dei clienti

    Turck Banner Italia ha da poco festeggiato i suoi vent’anni sul mercato italiano dando alla sua struttura commerciale una profilazione perfettamente adeguata alle attuali esigenze della sua clientela. Non più solo una filiale di vendita, ma una solida...

  • Un sensore radar per le materie prime dell’industria cosmetica

    Nell’industria farmaceutica e cosmetica spesso si è poco propensi a sostituire sensori esistenti con un altro principio di misura, in quanto il dispendio per la nuova omologazione spesso è molto più elevato del costo del sensore. L’esempio...

Scopri le novità scelte per te x