70% dell’export italiano in mano a 5 Regioni e Milano batte tutti

Secondo uno studio di Cribis la chimica ha la maggiore vocazione all’export e le aziende esportatrici hanno un indice di rischiosità commerciale più basso rispetto alla media delle imprese italiane

Pubblicato il 2 dicembre 2019

Il 70% delle aziende esportatrici è concentrato in Lombardia (29,2%), Veneto (13,7%), Emilia-Romagna (10,6%), Piemonte (8,9%) e Toscana (8,1%), da dove si esportano merci per un valore pari ai 3/4 del totale nazionale. È quanto emerge dallo Studio sulle aziende esportatrici realizzato da Cribis, società del gruppo CRIF specializzata nella business information, che ha esaminato i dati di un campione di 110.000 aziende che scambiano con l’estero beni e servizi per 400 miliardi di euro (80% circa del totale nazionale).

Meno di un’azienda piemontese su 10 (8,85%) ha relazioni commerciali con l’estero e una situazione simile è stata rilevata da Cribis in Toscana (8,05%). La quota di imprese esportatrici si riduce progressivamente in Campania (4,34%), Lazio (3,93%), Marche (3,37%), Puglia (3%) e Friuli-Venezia-Giulia (2,91%), per poi raggiungere quote inferiori all’1% in Calabria, Sardegna, Basilicata, e Valle d’Aosta.
“Milano” spiega Marco Preti, amministratore delegato Cribis “è la provincia italiana dove si concentra il maggior numero di aziende esportatrici (11%, pari al 14,8% del valore dell’export italiano), questo in virtù del fatto che ormai Milano è l’hub del commercio e dei servizi in Italia” precisa Preti. “Molto più distaccata nella classifica delle province seguono Torino (4%), Brescia (3,7%), Vicenza (3,3%) e Bergamo (3,3%)”.

In quanto partner del network di Dun & Bradstreet, Cribis è storicamente a fianco delle aziende che vogliono esportare, sia grandi realtà ma anche migliaia di PMI. “Recentemente abbiamo lanciato una nuova suite di soluzioni, Cribis Export, che supportano le PMI in tutte le fasi del percorso di internazionalizzazione: dall’autovalutazione e l’analisi dei mercati più potenziali, alla ricerca di nuovi clienti, distributori e importatori fino al monitoraggio del rischio di credito e alla consulenza operativa per l’export” afferma Preti.

L’analisi di Cribis evidenzia come in soli 15 settori produttivi si concentri il 70% del valore totale degli scambi internazionali del nostro Paese. In testa ci sono i “macchinari industriali” (14,6%), e in successione “attrezzature da trasporto” (8,4%), “prodotti alimentari” e “attrezzature elettriche ed elettroniche” (6,2% ciascuna), “metallurgia” (5,9%), “prodotti chimici” e “manufatti in metallo” (5,8% ciascuna). “Analizzando nel dettaglio i singoli settori produttivi” aggiunge Preti “abbiamo notato che la maggiore incidenza di aziende esportatrici si registra nel comparto ‘prodotti chimici’, dove più di un’azienda su tre (34,6%) ha interscambi con l’estero. A seguire ci sono i ‘macchinari industriali’ (31%) e ‘gomma e plastica’ (29,7%)”.

Secondo l’analisi, il 60% delle aziende esportatrici ha fatturati in crescita, mentre per quel che concerne la dimensione delle imprese, oltre la metà (51,5%) è costituita da microimprese, che però genera solo il 4,8% del fatturato nazionale estero. “In linea generale” conclude Preti “le aziende che esportano sono più affidabili: il 38% ha una rischiosità commerciale ‘bassa’ contro una media nazionale del 9% e solo il 6% paga i fornitori con ritardi superiori ai 30 giorni, contro una media nazionale dell’11,5%”.



Contenuti correlati

  • Tecnologie per il legno: quarto trimestre 2023 ancora in calo

    Dopo il vero e proprio boom degli ultimi anni, per il settore delle tecnologie per la trasformazione del legno e dei suoi derivati si delinea un altro trimestre negativo. È quanto emerge dal tradizionale appuntamento con l’indagine...

  • PIL Lombardo: crescita del 5,5% nel 2023; atteso un +0,6% nel 2024

    Alla fine del 2023, rispetto a prima della pandemia, il PIL della Lombardia è addirittura al +5,5% secondo le stime più recenti, grazie anche alla più veloce e robusta ripresa registrata nel biennio precedente. Il ritmo di...

  • Fase 2 del Bando Ricerca & Innova: 12 milioni di euro in palio

    Si è aperta la seconda finestra per le PMI interessate alle agevolazioni previste dalla seconda edizione del Bando Ricerca & Innova, che prevede contributi fino all’80% delle spese ammissibili e fino a 800.000 euro per investimenti in...

  • FAE Technology, perfezionata l’acquisizione di Elettronica GF

    FAE Technology– Società Benefit Innovativa che opera nel design, prototipazione, progettazione e produzione di soluzioni per il settore dell’elettronica, comunica di aver perfezionato l’acquisizione dell’intero capitale sociale di Elettronica GF, player di riferimento nella fornitura di sistemi...

  • Surplex: il mercato dei macchinari usati nel 2023 e le previsioni per il prossimo anno

    Nel 2023, l’economia europea è stata condizionata dai prezzi elevati dell’energia e da una forte inflazione. I rialzi dei tassi d’interesse da parte della BCE e l’incertezza generale della situazione economica sono stati fattori che hanno frenato...

  • Ucimu: un 2023 complessivamente in positivo e un 2024 di tenuta

    2023 ancora positivo per l’industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione che ottiene un nuovo record di produzione; si allunga così il trend favorevole che dovrebbe trovare conferma anche nel 2024. Questo, in sintesi, quanto...

  • Tecnologie del legno e del mobile a +3,5%: 2023 ancora positivo secondo Acimall

    Il preconsuntivo 2023 elaborato dall’Ufficio studi di Acimall (Italian Woodworking Technology Association) mostra una crescita del 3,5% della produzione rispetto al 2022. Nonostante, dunque, un andamento degli ordini decisamente meno soddisfacente rispetto agli ottimi dati degli anni scorsi, le...

  • Osservatorio Big data Data strategy
    Data strategy, 1 grande impresa su 5 ha raggiunto la maturità

    Il 2023 è stato l’anno della Generative AI nell’analisi dei dati e dell’applicabilità del Data Governance Act. La spesa delle aziende italiane in infrastrutture, software e servizi per la gestione e analisi dei dati cresce del +18%...

  • Nordest, una PMI su tre investe nel digitale

    Oltre un terzo delle Pmi del Nordest ha sfruttato la trasformazione digitale per affrontare e superare le crisi dell’ultimo triennio, ma c’è ancora una fetta consistente di aziende di piccole dimensioni che ritiene l’impatto delle nuove tecnologie...

  • Cosberg vince nuovamente il Premio IxI, Imprese x Innovazione

    Grande orgoglio e grande soddisfazione per la comunità di Cosberg, azienda di riferimento nella meccatronica, nella robotica e nelle soluzioni di assemblaggio con sede a Terno d’Isola (Bergamo), perché si aggiudica, per la seconda volta, il Premio...

Scopri le novità scelte per te x