Whitepaper Eaton: progettare un’interazione uomo-macchina orientata all’utente

Il whitepaper di Eaton è pensato per supportare i progettisti nello studio e nello sviluppo di concetti operativi orientati all’utente in ambiente industriale

Pubblicato il 4 settembre 2017

Controllare gli ambienti di produzione sta diventando sempre più complesso. Macchine con interfacce non intuitive allungano i tempi di apprendimento per gli utilizzatori e rallentano i processi, con un conseguente incremento dei costi correlati. Sia le nuove leve, sia i lavoratori più esperti si trovano ad affrontare le difficoltà create dai design dei sistemi di comando e controllo attuali, ricercando sempre più soluzioni di interazione più intuitive e che possano sostenere la crescita aziendale.

Per fare luce su questo tema, Eaton, azienda attiva nella fornitura di soluzioni all’avanguardia studiate per aiutare i clienti a gestire in maniera efficace l’energia elettrica, idraulica e meccanica, ha pubblicato un whitepaper dal titolo ‘Progettare e sviluppare sistemi di controllo che soddisfino le reali esigenze degli utilizzatori’. Gli autori, Simon Sittig, Christian Brecher e Markus Obdenbusch del laboratorio macchine utensili WZL presso il politecnico RWTH di Aquisgrana, nel documento prendono in esame i punti di forza e di debolezza dei sistemi operativi attualmente in uso e tracciano linee guida e consigli utili per uno sviluppo moderno e orientato all’utente. Numerosi anche gli aspetti pratici trattati dagli autori nel documento al fine di supportare concretamente i professionisti convolti nello sviluppo di prodotto. Per esempio, se la struttura di un menu è pensata per distribuire le informazioni in numerose finestre di dialogo, questo non farà che rallentare i tempi di esecuzione. Diversamente, l’approccio descritto nel whitepaper consiglia di attuare un ridimensionamento delle informazioni visualizzate in base all’attività svolta dall’utilizzatore, assegnando un profilo a ogni tipo di lavoro e mostrando, in questo modo, solo le informazioni rilevanti per un certo profilo.

È l’uomo a interagire con la macchina pertanto i fattori più importanti da tenere in considerazione nella progettazione di questi dispositivi sono, senza dubbio, il profilo dell’utente e la facilità d’uso. Uno degli elementi chiave individuati dagli autori del whitepaper risiede proprio nella semplicità di accesso alle informazioni, in quanto la propensione all’utilizzo di un sistema cresce proporzionalmente alla facilità di rintracciare e personalizzare una funzione.

Ci sono, poi, aspetti inerenti la progettazione e il comfort dell’utente, come i display touchscreen utilizzabili indossando i guanti, che costituiscono ulteriori fattori cruciali per il raggiungimento di un alto livello di accettazione da parte degli utilizzatori.
Questo whitepaper sottolinea l’importanza di progettare sistemi in grado di fornire risposte pratiche alle esigenze degli utenti in termini di accesso alle informazioni e della loro gestione.

Il software Galileo di Eaton si concentra proprio nella soluzione di queste problematiche, permettendo di sviluppare interfacce utente nuove e intuitive. Il sistema offre, infatti, un’ampia gamma di grafici e funzioni pronte all’uso oltre a template per la gestione degli utenti. Ciò è realizzabile anche sfruttando i dispositivi mobili: tablet e smartwatch vengono già ampiamente utilizzati in ambienti industriale. Ne sono un esempio gli smartwatch impiegati per segnalare allarmi ai dipendenti.

Lo sviluppo di Industria 4.0 non farà che incrementare questa esigenza in quanto in un ecosistema dove tutto è connesso sarà fondamentale comunicare e rendere le informazioni accessibili e complete. Inoltre, l’infrastruttura cloud rende possibile integrare questo scenario fornendo l’accesso a fornitori esterni negli opportuni processi. In questo caso è fondamentale concentrarsi su alti livelli di integrazione dei dati e su interfacce e protocolli per il trasferimento dei dati di tipo standard.

Per scaricare gratuitamente il whitepaper visitare il sito: Eaton.com/it/HMI.



Contenuti correlati

  • Ecco come ‘Industria 4.0’ migliora l’industria di processo

    L’industria di processo può cogliere pienamente i vantaggi derivanti dalle tecnologie dell’Industria 4.0, vista in una prima accezione più orientata verso l’industria manifatturiera. Il riferimento è un sistema di monitoraggio delle prestazioni di loop di controllo, sviluppato...

  • La vera bellezza è nel sistema!

    Le macchine di alto valore si riconoscono grazie al loro design. Non sorprende pertanto che i costruttori di macchine stiano prestando sempre maggiore attenzione alla loro gradevolezza. Per offrire una maggiore scelta in questo ambito, oltre alla...

  • PLC e Pac nell’era dell’Industria 4.0

    La linea di confine tra i Pac e PLC è continuamente ridefinita in termini di connettività di rete, costi, software e tipi di impiego. Recentemente la diffusione dell’Internet of Things e dei paradigmi di Industria 4.0 ha...

  • Africa: la nuova frontiera da esplorare secondo i dati Anie

    L’industria delle tecnologie italiane continua a guardare alla internazionalizzazione come leva strategica di sviluppo e si affaccia all’Africa, area emergente dalle interessanti opportunità per le imprese italiane: è quanto emerso all’‘Open Day’ di Anie Confindustria, il tradizionale...

  • Formazione: quali sono le competenze 4.0? – Parte I

    Quali abilità occorrono a chi opererà domani nelle aziende 4.0? Come si stanno attrezzando le nostre realtà e quali sono oggi le maggiori sfide? Leggi l’articolo

  • Verso la rinascita dell’industria plastica

    Con una produzione globale che ha superato i 300 milioni di tonnellate metriche all’anno, l’industria della plastica continua a essere una delle più rilevanti a livello globale; con l’attuazione dei processi dell’Industria 4.0 e il crescente impiego...

  • Trasmecam: efficienza e professionalità al servizio dell’automazione industriale

    Trasmecam, azienda di Marcianise (CE) attiva sin dal 1918, è tra le aziende leader nella fornitura di articoli destinati al settore degli organi di trasmissione meccanica, trasporti interni, sollevamento, motorizzazioni e azionamenti. Nata inizialmente come negozio di...

  • La robotica concentra la sua offerta ad Hannover Messe 2018

    ABB, Epson, Kawasaki, Kuka, Mitsubishi, Schunk, Stäubli, Universal Robots, Franka Emika o Yaskawa – l’elenco delle aziende iscritte ad Hannover Messe 2018 è praticamente il “Who is Who” del settore della robotica. All’insegna del tema conduttore della...

  • SKF, l’evoluzione dei moderni sistemi lineari vuole nuovi attuatori

    SKF ha presentato a Stoccarda alla fiera Motek 2017 una nuova serie di attuatori che rappresenta l’evoluzione dei moderni sistemi lineari. I moduli principali che definiscono l’attuatore sono l’unità lineare, il riduttore, l’adattatore motore, il motore elettrico...

  • Baumer: interruttori di livello LBFH e LBFI con IO-Link disponibili

    Gli interruttori di livello LBFH e LBFI con IO-Link e omologazione ATEX sono disponibili. Lo annuncia Baumer in una nota. L’interfaccia IO-Link permette all’utente di automatizzare la configurazione dei sensori. L’omologazione ATEX consente di utilizzare le barriere...

Scopri le novità scelte per te x