Wenglor a Interpack 2017

Pubblicato il 30 marzo 2017

Dal 4 al 10 maggio prossimi, parte dello staff della filiale italiana di Wenglor si trasferirà a Dusseldorf per mettere le proprie competenze a disposizione dei visitatori di Interpack, la più importante manifestazione internazionale dedicata a tecnologie, processi e materiali per la filiera del packaging.

Wenglor sarà presente (Padiglione 8 – Stand A45) con tutte le principali famiglie di sensori 1D, 2D e 3D che in molti casi incorporano brevetti esclusivi messi a punto dal suo reparto R&D interno. La gamma delle soluzioni comprende oltre 4.000 prodotti, che sfruttano le potenzialità offerte dalle più svariate tecnologie, tra cui l’optoelettronica, gli ultrasuoni e l’induttiva, oltre a soluzioni specifiche per l’image acquisition, il 2D/3D, la lettura bar code e la safety.

Le soluzioni wenglor nascono con caratteristiche di intelligenza, integrabilità e apertura verso tutti i più importanti standard di comunicazione – tra cui IO-Link, Profinet, Ethernet/IP, EtherCat – che di fatto le rendono “Industry 4.0 ready”. Ne sono un esempio i sensori della serie weCat 2D/3D, una famiglia composta da oltre 70 modelli che utilizzano la tecnologia laser per la misurazione di oggetti a 360°, il controllo della posizione e l’ispezione superficiale ad alta precisione, operazioni che possono essere condotte indipendentemente dalle caratteristiche di lucentezza, colore e consistenza dell’oggetto. Questi sensori trovano un campo di applicazione ideale in settori come il processo e il packaging farmaceutico e/o alimentare.

Anche il nuovo sensore reflex U1KT001 per il tasteggio diretto a ultrasuoni trova ampie possibilità di impiego nei settori tipici del packaging e del processo alimentare: ad esempio per misurazioni di livello (fluidi e/o merci sfuse), il controllo della freccia di flessione per la regolazione dell’alimentazione del materiale, il controllo della presenza ecc. I tasteggi diretti U1KT001 con uscita digitale si caratterizzano per un grado di protezione IP68, che li rende idonei per impieghi in condizioni critiche, in presenza di pulviscolo, sabbia e acqua. Caratterizzati da un ingombro di 32x16x12 mm, offrono prestazioni eccezionali. Con un campo di misura variabile che va da 30 a 400 mm, i sensori U1KT001 dispongono di due uscite di commutazione indipendenti, che possono essere configurate tramite IO-Link o mediante funzione Teach-In wenglor in corrispondenza di due punti specifici (set-point) per la rilevazione di fluidi e/o oggetti che possono essere opachi, trasparenti o riflettenti.



Contenuti correlati

  • Baumer espande il portafoglio sensori con la famiglia FlexFlow

    Baumer ha espanso il suo portafoglio di sensori per il processo con la sua famiglia di sensori di flusso e temperatura FlexFlow. Basata sul principio di misura calorimetrico, la famiglia FlexFlow può monitorare sia la velocità di...

  • Il neo Vice Presidente Federmeccanica Fabio Tarozzi: “Il mio impegno per i produttori emiliani di macchine”

    Nuovo prestigioso incarico in ambito confindustriale per il Past President di Acimac Fabio Tarozzi, che è stato di recente eletto Vice Presidente di Federmeccanica, la Federazione Sindacale dell’Industria Metalmeccanica Italiana che associa circa 16.000 imprese con 800.000 addetti. Tarozzi...

  • Sensori Omron compatibili con IO-Link

    La nuova gamma di sensori compatibili con IO-Link Omron comprende fotosensori through-beam, retroriflettenti e a riflessione diffusa, sensori di tacche a colori, sensori di prossimità standard e resistenti agli schizzi. Tutte le tipologie sono disponibili con connettori...

  • Sondaggio Aster sulle competenze dell’era 4.0

    Stampa 3d, realtà aumentata e robotica sono, in ordine di importanza, le competenze tecniche più rilevanti per chi lavora nell’industria 4.0. È quanto emerge dalle interviste fatte a imprese, startup, laboratori di ricerca, enti di formazione e...

  • Un nuovo centro TE Connectivity per motori e mercati specifici

    TE Connectivity (TE), dopo l’acquisizione nel settembre 2016 del gruppo Intercontec, ha costituito un centro di eccellenza globale per la connettività nei motori. In questo centro, la società proseguirà nello sviluppo di nuovi prodotti e nel miglioramento...

  • Coval: ecco la ventosa che manipola le confezioni in FlowPack

    Coval alza il sipario sulla ventosa Serie FPC come Flow Pack Cup adatta alla manipolazione delle confezioni in FlowPack. Rivoluzione tecnica per il mondo del packaging in costante sviluppo, l’imballaggio in FlowPack presenta un contatto alimentare diretto,...

  • Modulo software weQubeVision con funzioni di pattern matching

    Presentato in anteprima mondiale a Interpack di Dusseldorf, il nuovo modulo software weQubeVision amplia ulteriormente le prestazioni dei sistemi di visione di wenglor che, oltre alle funzioni attualmente fornite dai moduli weQubeVision Standard, weQubeDecode e weQubeOCR, ora...

  • Packaging: riprende la corsa delle tecnologie Made in Italy – Parte II

    I costruttori italiani di macchine automatiche per il settore del packaging rafforzano la loro leadership mondiale. Sentiamo le parole del presidente di Ucima e di alcune aziende protagoniste 398Panorama-II parte

  • OptoForce agevola il senso del tatto ai robot nelle industrie

    OptoForce presenta quattro nuovi moduli applicativi per i suoi sensori di forza/coppia multiassiali che consentono ad aziende che operano nell’industria, nel settore degli imballaggi, dei dispositivi elettronici e medicali di introdurre il senso del tatto nei propri...

  • SAVE 2017, soluzioni Industry 4.0 per processo e manufacturing

    Il 18 e 19 ottobre a Veronafiere è in programma l’undicesima edizione di SAVE, Mostra convegno dedicata alle Soluzioni e Applicazioni Verticali di Automazione, Strumentazione, Sensori, l’appuntamento verticale più atteso del settore.Dopo gli ottimi risultati del 2016,...

Scopri le novità scelte per te x