Una rivoluzione chiamata BIM (Building Information Modeling)

In Italia sarà obbligatoria dal 2019: è la prima piattaforma in grado di ottimizzare i processi di costruzione attraverso rappresentazioni virtuali

Pubblicato il 22 novembre 2017

Accelerazione dei processi di progettazione, ottimizzazione delle fasi di gestione, taglio dei costi e delle tempistiche di realizzazione, creazione di nuove figure professionali: il Building Information Modeling (BIM) si prepara a rivoluzionare il settore delle costruzioni. Sarà obbligatorio in Italia a partire dal 2019 ma in Europa è già stato adottato nel Regno Unito, Germania e Francia. Chi non si adegua ai nuovi standard rischia di essere tagliato fuori dal mercato.

Questi sono alcuni dei risultati dello studio di Roland Berger “Turning point for the Construction Industry – The disruptive impact of Building Information Modeling (BIM)” (Roland_Berger_Building_Information_Modeling_2017) basato su un sondaggio
realizzato su scala europea intervistando i principali protagonisti del mercato edile.

BIM ai raggi X
Ma che cos’è il BIM? Building Information Modeling (BIM) è una piattaforma in grado di raccogliere tutti i dati relativi a un edificio e di riprodurne una rappresentazione digitale completa. Consentendo a tutti coloro che partecipano alla sua costruzione di compiere un viaggio virtuale nella struttura già in fase di pianificazione e progettazione. Con il vantaggio di potere apportare modifiche o correggere eventuali errori in tempo reale. Inoltre, il BIM permette alle imprese coinvolte di ottimizzare le decisioni sui materiali necessari per la realizzazione del progetto stesso e in definitiva di ridurre gli sprechi.

Cosa dice la Legge?
In Italia sarà obbligatorio dal 2019 ma solo per i progetti dal valore superiore ai 100 milioni di euro. Tale soglia verrà progressivamente abbassata con l’obiettivo di arrivare entro il 2022 a una copertura totale per quel che concerne i nuovi edifici. Tradizionalmente, l’approvazione dei piani di costruzione, il calcolo dei costi e il coordinamento dei lavori vengono pianificati in diverse fasi della progettazione. Con il BIM, invece, tutto questo viene combinato in un’unica piattaforma, accelerando i processi di coordinamento e ottimizzando i tempi e costi di realizzazione.

Boom del mercato
I vantaggi della nuova tecnologia si riflettono anche nei numeri: come riportato dal Transparency Market Research il mercato delle applicazioni BIM quadruplicherà tra il 2014 e il 2022 passando da 2,7 a circa 11,5 miliardi di dollari a livello mondiale. L’evoluzione del processo di digitalizzazione costringerà i player del settore a rivedere e rinnovare i propri modelli di business. Il BIM, infatti, darà agli architetti e ai progettisti, la capacità di decidere quali fornitori di servizi e quali materiali utilizzare. Le scelte sui materiali e sui prodotti cominceranno molto prima, già nel processo di costruzione, e questo avrà un impatto anche sui fornitori stessi di materiali che vedranno ridursi la loro influenza decisionale.



Contenuti correlati

  • Legno: 2018 positivo che invita a sciogliere i nodi del futuro

    Anche quest’anno Acimall (Associazione confindustriale dei costruttori italiani macchine ed accessori per la lavorazione del legno) si sente di dire che “… il barometro per le macchine e gli impianti per la lavorazione del legno e l’industria del mobile continua...

  • Il futuro della stampa 3D secondo Roland Berger

    Le tecniche di metal 3D printing potrebbero essere «the next big thing» dell’industria manifatturiera. A dirlo è Roland Berger nello studio «Advancements in metal 3D printing – Beyond powder bed – Additive manufacturing on the brink of...

  • Cresce il mercato della smart home, Italia in prima linea per l’adozione di sistemi intelligenti

    L’arrivo in Italia dei grandi Over The Top (OTT) con gli smart home speaker Google Home e Amazon Echo rivoluziona il mercato della casa connessa, che raggiunge un valore di 380 milioni di euro nel 2018, in...

  • Altair a Forum Software Industriale 2019

    Video intervista di Automazione Oggi a Paolo Masera, Director Industry Sales di Altair, in occasione del Forum Software Industriale 2019.

  • Dassault Systèmes a Forum Software Industriale 2019

    Video intervista di Automazione Oggi a Chiara Bogo, Marketing Director EuroMed di DS – Dassault Systèmes, in occasione del Forum Software Industriale 2019.

  • SDProget a Forum Software Industriale 2019

    Video intervista di Automazione Oggi a Ivano Toffoletti, Managing Director di SDProget, in occasione del Forum Software Industriale 2019.

  • E-commerce e digitalizzazione dei consumatori: l’impatto sul packaging

    Con un fatturato di 7,2 miliardi di euro nel 2017 (fonte Ucima), il settore dei costruttori italiani di macchine automatiche per il confezionamento e l’imballaggio è uno dei comparti industriali italiani in continua crescita e la Cina...

  • Forum Software Industriale – Modalità collaborativa in real time

    Come società di progettazione per conto di numerosi cantieri navali, Naos ha sempre saputo che, per realizzare progetti di alta qualità, è necessario snellire il processo di progettazione e adottare un approccio integrato. Ecco il perché della scelta della piattaforma 3DExperience...

  • Il valore della prevenzione

    Il ‘Predictive Maintenance Radar’, realizzato dalla società di consulenza strategica Roland Berger e ideato ad hoc per il mondo dell’industria, permette di azzerare (o quasi) gli imprevisti e creare nuove fonti di reddito Leggi l’articolo

  • Macchine packaging ancora in crescita nel 2018

    Non accenna a fermarsi la crescita dei costruttori italiani di macchine per il packaging. Secondo i dati pre-consuntivi del Centro Studi di Ucima (Unione Costruttori Italiani Macchine Automatiche per il confezionamento e l’imballaggio), anche nel 2018 il...

Scopri le novità scelte per te x