Da Pavia arriva un modello per prevedere gli attacchi terroristici

Dall’analisi storica e dei big data i ricercatori dell’Università di Pavia - Laboratorio di data science hanno elaborato un algoritmo per prevenire gli attacchi terroristici: il tutto è stato presentato al Dipartimento delle informazioni per la sicurezza della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Pubblicato il 7 giugno 2017

Un team del Laboratorio di data science (RIDS – Res Institute for Data Science) dell’Università di Pavia, coordinato dalla professoressa Silvia Figini, ha presentato lo scorso 5 giugno a Roma al Dipartimento delle informazioni per la sicurezza della Presidenza del Consiglio dei Ministri una ricerca finalizzata all’elaborazione di modelli di rischio basata sull’analisi dei dati in grado di prevedere eventi terroristici.

Il lavoro svolto all’interno del Laboratorio presenta modelli descrittivi e inferenziali per la previsione di attacchi terroristici attraverso un’analisi della serie storica di dati a disposizione opportunamente integrati con dati esterni quantitativi e qualitativi. L’idea è che, partendo da una mappatura storico-geografica degli attentati a livello globale e incrociando queste informazioni con indici specifici e altri attinti dal traffico web e dai social network, si possa arrivare a sviluppare un algoritmo in grado di prevedere dove sarà il prossimo attacco.

La metodologia deriva inoltre early warning e key risk indicator capaci di identificare aree di rischio e fornisce previsioni running time con una accuratezza del 90% rispetto all’accadimento di un possibile attacco. L’implementazione dei modelli predittivi e descrittivi potrebbe consentire ai responsabili della sicurezza di pianificare azioni in modo opportuno e ottimale per contenere i danni di un possibile attacco. Lo studio ha portato allo sviluppo di modelli di previsione dinamici innovativi in un contesto di big data analytics per migliorare, sfruttando tutte le tipologie di dati disponibili, l’accuratezza della previsione.

I ricercatori hanno fissato come punto di partenza gli attentati dell’11 settembre 2001. Da allora ci sono state più di 83.000 azioni in 158 Paesi riconducibili a 1.098 gruppi terroristici differenti che hanno fatto circa 192.000 morti. L’algoritmo consente di tener conto di dati quantitativi, qualitativi, strutturati e non strutturati per ottimizzare la capacità predittiva e può ipotizzare dove sarà il prossimo attacco.
I modelli messi a punto potranno essere ulteriormente migliorati con l’integrazione di dati riservati e possono essere di interesse per i dipartimenti nazionali e internazionali di intelligence e in generale per la sicurezza e sono pronti per essere integrati nei processi.



Contenuti correlati

  • Trend Micro promossa da NSS Labs per le soluzioni TX Series

    NSS Labs certifica che le soluzioni Trend Micro TX Series raggiungono il 99,6% di efficacia nei test per i sistemi di prevenzione delle intrusioni di prossima generazione. In seguito ai test 2017 NSS Labs Next Generation Intrusion...

  • Exoskeleton Suits: uomo e macchina diventano un unicum in Ford

    Le componenti robotiche indossabili offrono agli utenti la possibilità di sollevare e manovrare più facilmente oggetti pesanti. E ora, per la prima volta, sono stati integrati in una catena di montaggio di veicoli in movimento. Gli exoskeleton suits,...

  • ICS Forum: di sicurezza non si parla mai abbastanza…

    “La cyber security è un fattore di sviluppo, un asset critico per fare bene business, un servizio fondamentale per chi vuole investire in Italia”: questa frase di Stefano Panzieri, docente dell’Università degli Studi Roma Tre, riassume perfettamente quanto emerso...

  • Obiettivo cybersecurity futuristica in un mondo frammentato

    Riportiamo di seguito l’intervento di Mark McLaughlin, CEO di Palo Alto Networks Il tema del World Economic Forum di quest’anno, “Creare un futuro condiviso in un mondo frammentato”, è particolarmente adatto per noi che ci dedichiamo a...

  • Report di F-Secure sull’IoT

    L’Internet of Things (IoT) che conosciamo oggi rappresenta una minaccia considerevole per i consumatori a causa di regolamenti inadeguati sulla sicurezza e privacy: è quanto affermano gli esperti intervistati dal Cyber Security Research Institute per il nuovo...

  • Le aziende non sono pronte per il GDPR

    Il Data Protection Regulation entrerà ufficialmente in vigore il 25 maggio 2018, ma le aziende sembrano non essere ancora pronte. Questo è il dato principale che emerge dall’ultima ricerca Trend Micro, leader globale nelle soluzioni di sicurezza...

  • La crittografia Blurry Box di Wibu-Systems nominata prodotto dell’anno dalla rivista Electronic Products

    Wibu-Systems, noto fornitore di soluzioni tecnologiche innovative nel mercato globale della distribuzione di licenze software protette, ha vinto uno dei dodici premi ‘Prodotto dell’Anno’ assegnati dalla rivista Electronic Products grazie al proprio metodo crittografico Blurry Box. I redattori...

  • La modernità in un metrò

    HMS e Rockwell Automation hanno fornito soluzioni intelligenti per la linea 5 della metropolitana di Guangzhou, con un sistema BAS Leggi l’articolo

  • Parcheggiare facile con i servodrive

    I drive specializzati per sistemi di trasporto senza conducente di Elmo Motion Control possono essere impiegati per manovre complesse come quelle necessarie per parcheggiare un’auto in spazi ristretti Leggi l’articolo

  • Reti intelligenti per la città

    Smart city, smart mobility e dintorni: dove il digitale prende corpo in una serie di infrastrutture tali da rendere più efficienti i sistemi complessi di gestione dei servizi presenti nelle città Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x