Da Pavia arriva un modello per prevedere gli attacchi terroristici

Dall’analisi storica e dei big data i ricercatori dell’Università di Pavia - Laboratorio di data science hanno elaborato un algoritmo per prevenire gli attacchi terroristici: il tutto è stato presentato al Dipartimento delle informazioni per la sicurezza della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Pubblicato il 7 giugno 2017

Un team del Laboratorio di data science (RIDS – Res Institute for Data Science) dell’Università di Pavia, coordinato dalla professoressa Silvia Figini, ha presentato lo scorso 5 giugno a Roma al Dipartimento delle informazioni per la sicurezza della Presidenza del Consiglio dei Ministri una ricerca finalizzata all’elaborazione di modelli di rischio basata sull’analisi dei dati in grado di prevedere eventi terroristici.

Il lavoro svolto all’interno del Laboratorio presenta modelli descrittivi e inferenziali per la previsione di attacchi terroristici attraverso un’analisi della serie storica di dati a disposizione opportunamente integrati con dati esterni quantitativi e qualitativi. L’idea è che, partendo da una mappatura storico-geografica degli attentati a livello globale e incrociando queste informazioni con indici specifici e altri attinti dal traffico web e dai social network, si possa arrivare a sviluppare un algoritmo in grado di prevedere dove sarà il prossimo attacco.

La metodologia deriva inoltre early warning e key risk indicator capaci di identificare aree di rischio e fornisce previsioni running time con una accuratezza del 90% rispetto all’accadimento di un possibile attacco. L’implementazione dei modelli predittivi e descrittivi potrebbe consentire ai responsabili della sicurezza di pianificare azioni in modo opportuno e ottimale per contenere i danni di un possibile attacco. Lo studio ha portato allo sviluppo di modelli di previsione dinamici innovativi in un contesto di big data analytics per migliorare, sfruttando tutte le tipologie di dati disponibili, l’accuratezza della previsione.

I ricercatori hanno fissato come punto di partenza gli attentati dell’11 settembre 2001. Da allora ci sono state più di 83.000 azioni in 158 Paesi riconducibili a 1.098 gruppi terroristici differenti che hanno fatto circa 192.000 morti. L’algoritmo consente di tener conto di dati quantitativi, qualitativi, strutturati e non strutturati per ottimizzare la capacità predittiva e può ipotizzare dove sarà il prossimo attacco.
I modelli messi a punto potranno essere ulteriormente migliorati con l’integrazione di dati riservati e possono essere di interesse per i dipartimenti nazionali e internazionali di intelligence e in generale per la sicurezza e sono pronti per essere integrati nei processi.



Contenuti correlati

  • Reti intelligenti per la città

    Smart city, smart mobility e dintorni: dove il digitale prende corpo in una serie di infrastrutture tali da rendere più efficienti i sistemi complessi di gestione dei servizi presenti nelle città Leggi l’articolo

  • Automation Fair 2017: la Cyber Security

    In occasione di Automation Fair 2017 abbiamo intervistato Sherman Joshua, Connected Services Portfolio Manager di Rockwell Automation, sul tema della cyber security.  Parlando infatti di Connected Enterprise, Connected Production, Connected Services, non poteva mancare un focus particolare...

  • Le nuove tecnologie brevettate da Kaspersky Lab aiutano le aziende a combattere gli attacchi da remoto

    I criminali informatici controllano a distanza i computer delle vittime per svolgere di nascosto attività dannose, spesso raggiungendo attraverso canali di comunicazione criptati i server di comando e controllo. Una volta installati sul computer dell’utente, gli strumenti...

  • Automation Fair 2017: le novità all’Innovation Booth

    Durante Automation Fair 2017 abbiamo intervistato John Pritchard, Strategic Business Development Manager di Rockwell Automation, sulle novità presentate da Rockwell Automation all’Innovation Booth: come ogni anni qui vengono presentate infatti le tecnologie alle quali la multinazionale sta...

  • Delta: soluzioni intelligenti a risparmio energetico

    Delta, azienda che opera a livello mondiale nelle soluzioni Power e di gestione termica, durante la fiera Sicurezza ha presentato il proprio ampio portafoglio di soluzioni intelligenti a risparmio energetico per supportare la creazione di edifici intelligenti, sicuri ed...

  • Productronica: si alza l’asticella per la produzione elettronica

    Dove va l’industria elettronica? A questa domanda ha risposto Productronica, in scena dal 14 al 17 novembre 2017 nel centro fieristico di Monaco di Baviera: 1.200 espositori da 42 Paesi hanno presentato le loro novità nel campo...

  • Automation Fair 2017: il futuro è…. immaginazione

    Si è appena conclusa a Houston la 26ᵃ edizione di Automation Fair, evento globale che Rockwell Automation organizza annualmente negli Stati Uniti per fare il punto su tecnologia e ‘vision’, nuove ‘prospettive’, trend e innovazione di prodotto....

  • L’industria italiana della sicurezza: innovazione e integrazione tecnologica guidano la crescita

    L’industria italiana fornitrice di tecnologie per la sicurezza e automazione edifici rappresentata in Anie Sicurezza – espressione a fine 2016 di un fatturato totale aggregato pari 2,3 miliardi di euro – costituisce un comparto di eccellenza all’interno del...

  • Bad Rabbit: nuova ondata ransomware in Europa

    Nelle scorse settimane un nuovo ransomware denominato Bad Rabbit ha colpito Russia, Ucraina, Turchia, Germania, Bulgaria, USA e Giappone. Russia e Ucraina hanno subito l’attacco maggiore, poiché l’infezione è partita da alcuni siti web di notizie russi...

  • Parte oggi Codemotion Milan 2017: Trend Micro presente!

    Trend Micro è presente a Codemotion Milan 2017, la più grande conferenza tecnica d’Europa rivolta a tutti i software developer, giunta alla quinta edizione. Si tratta della manifestazione dedicata al codice e alle idee innovative tecnologiche e...

Scopri le novità scelte per te x