Da Pavia arriva un modello per prevedere gli attacchi terroristici

Dall’analisi storica e dei big data i ricercatori dell’Università di Pavia - Laboratorio di data science hanno elaborato un algoritmo per prevenire gli attacchi terroristici: il tutto è stato presentato al Dipartimento delle informazioni per la sicurezza della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Pubblicato il 7 giugno 2017

Un team del Laboratorio di data science (RIDS – Res Institute for Data Science) dell’Università di Pavia, coordinato dalla professoressa Silvia Figini, ha presentato lo scorso 5 giugno a Roma al Dipartimento delle informazioni per la sicurezza della Presidenza del Consiglio dei Ministri una ricerca finalizzata all’elaborazione di modelli di rischio basata sull’analisi dei dati in grado di prevedere eventi terroristici.

Il lavoro svolto all’interno del Laboratorio presenta modelli descrittivi e inferenziali per la previsione di attacchi terroristici attraverso un’analisi della serie storica di dati a disposizione opportunamente integrati con dati esterni quantitativi e qualitativi. L’idea è che, partendo da una mappatura storico-geografica degli attentati a livello globale e incrociando queste informazioni con indici specifici e altri attinti dal traffico web e dai social network, si possa arrivare a sviluppare un algoritmo in grado di prevedere dove sarà il prossimo attacco.

La metodologia deriva inoltre early warning e key risk indicator capaci di identificare aree di rischio e fornisce previsioni running time con una accuratezza del 90% rispetto all’accadimento di un possibile attacco. L’implementazione dei modelli predittivi e descrittivi potrebbe consentire ai responsabili della sicurezza di pianificare azioni in modo opportuno e ottimale per contenere i danni di un possibile attacco. Lo studio ha portato allo sviluppo di modelli di previsione dinamici innovativi in un contesto di big data analytics per migliorare, sfruttando tutte le tipologie di dati disponibili, l’accuratezza della previsione.

I ricercatori hanno fissato come punto di partenza gli attentati dell’11 settembre 2001. Da allora ci sono state più di 83.000 azioni in 158 Paesi riconducibili a 1.098 gruppi terroristici differenti che hanno fatto circa 192.000 morti. L’algoritmo consente di tener conto di dati quantitativi, qualitativi, strutturati e non strutturati per ottimizzare la capacità predittiva e può ipotizzare dove sarà il prossimo attacco.
I modelli messi a punto potranno essere ulteriormente migliorati con l’integrazione di dati riservati e possono essere di interesse per i dipartimenti nazionali e internazionali di intelligence e in generale per la sicurezza e sono pronti per essere integrati nei processi.



Contenuti correlati

  • Un libro attraverso le 18 tecnologie di Industria 4.0

    Incentivi a parte, quando parliamo di Industria 4.0 volgiamo il pensiero ai concetti di digitalizzazione e innovazione applicate al processo produttivo. Queste espressioni sono però in molti casi generiche e poco significative. Da questa constatazione è nata...

  • Pulsante di arresto di emergenza compatto Serie 61 da EAO

    EAO, azienda esperta nella produzione di sistemi HMI (Human Machine Interfaces), intuitivi e affidabili, fornisce elementi di controllo di sicurezza straordinariamente compatti, robusti e affidabili. Il pulsante di arresto di emergenza compatto della Serie 61 è particolarmente...

  • SAP, nuove soluzioni per l’Internet of Things

    SAP ha annunciato nuove soluzioni per l’Internet of Things (IoT). Parte del sistema di innovazione digitale SAP Leonardo, queste soluzioni IoT fanno leva sulle più moderne evoluzioni di Big Data e analytics, sulla capacità di connettere persone,...

  • Dal cloud ai nuovi modelli di business: creare valore

    L’Industry 4.0 e i big data mostrano nuove possibilità per le aziende di produzione e allo stesso tempo gettano le basi per modelli di business dalle prospettive promettenti. In questo contesto è ancora più importante proteggere al...

  • Big Data: chiave tecnologica per la produzione efficiente

    Con Big Data s’intende una raccolta di dati di grande dimensione, la cui voluminosità e la cui complessità è tale da non poter essere trattata con i classici strumenti informatici e di tradizionale analisi dei dati. Intendiamo...

  • Pacchetto Lenze per l’analisi e l’utilizzo dei Big Data

    Gli ingegneri meccanici e di sistemi che si affidano alla tecnologia di automazione Lenze possono ora disporre di servizi per dati online facilmente. Lenze ha unito le sue forze con quelle dello specialista di IoT ei3 per offrire...

  • Dai Big Data ai clienti: l’innovazione Bofrost nella vendita porta a porta

    I Big Data come formidabile strumento conoscenza del cliente per andare incontro alle sue esigenze. Bofrost, l’azienda friulana che trent’anni fa ha portato in Italia il concetto allora rivoluzionario di vendita diretta di specialità surgelate, innova il...

  • Cybersecurity: attacco hacker in corso

    Negli ultimi giorni le notizie sugli attacchi informatici subiti da aziende e privati sono sempre più frequenti, portando all’onore delle cronache il tema della cybersecurity. Basti pensare al recente attacco al sito del Ministero degli Esteri italiano,...

  • Robot industriali: saranno sicuri?

    I robot industriali possono essere compromessi, alterando in maniera decisiva la normale funzionalità dei sistemi industriali e minando la sicurezza del personale e dei consumatori finali. Questo è il dato che emerge dall’ultima ricerca realizzata in collaborazione...

  • SPS Italia 2017 – Intervista a Giovanni Gatto di Sick

    Giovanni Gatto, managing director di Sick, a SPS Italia 2017 di Parma parla ad Automazione Oggi di service, consulenza e sicurezza.

Scopri le novità scelte per te x