Torna in Italia il workshop IO-Link con una formula rinnovata

Pubblicato il 11 luglio 2017

Dopo i successi a Kilometro Rosso (BG) e Piacenza Expo (PC), torna in Italia con un’unica tappa l’IO-Link User Workshop, la giornata congressuale volta, attraverso interventi teorici e pratici, a fornire tutte le risposte ai quesiti sulla tecnologia IO-Link. L’evento si terrà il prossimo 11 ottobre presso il Centro Congressi Lingotto di Torino.

Quest’anno presenterà una formula rinnovata: dopo una sessione plenaria introduttiva che vedrà una panoramica completa sulla tecnologia, seguirà la possibilità per gli ospiti di scegliere il workshop più adatto alle proprie esigenze. Vi saranno, infatti, due diverse sessioni di workshop: una orientata allo sviluppo della tecnologia, l’altra orientata ai vantaggi di utilizzo della tecnologia.

Nella parte dedicata allo sviluppo della tecnologia verrà illustrato passo dopo passo come configurare un sistema IO-Link e parametrizzare diversi IO-Link Device. Verrà, inoltre, spiegato come configurare un sistema IO-Link con relativa integrazione e programmazione del PLC e verrà reso evidente come sia facile, grazie ad IO-Link, sostituire un dispositivo con sistema in esercizio.

Nella sessione relativa ai vantaggi di utilizzo della tecnologia, invece, verrà illustrata la struttura di diagnostica per device e master IO-Link, verranno evidenziati i vantaggi derivanti dalla trasparenza dei dati rilevati da IO-Link e, infine, attraverso un’installazione dimostrativa verranno presentati i diversi percorsi dei flussi di dati e le possibili elaborazioni e valorizzazioni partendo dai requisiti di Industria 4.0.

Ad accompagnare la parte congressuale vi sarà un’area espositiva con costruttori leader di attuatori, sensori e sistemi di controllo che presenteranno la proprie soluzioni IO-Link interoperabili.

O-Link è la tecnologia IO standardizzata (IEC 61131-9) per comunicare con sensori e attuatori. La comunicazione punto a punto ad alte prestazioni è basata sul principio noto da tempo del collegamento a 3 conduttori per sensori e attuatori e non necessita di materiale di cablaggio con requisiti aggiuntivi. Non è un bus di campo, ma rappresenta l’evoluzione della tecnologia di collegamento comprovata finora utilizzata per sensori e attuatori. In qualità di tecnologia aperta per il livello inferiore dei dispositivi di campo, crea un valore aggiunto e permette a costruttori di macchine, integratori di sistemi e operatori di impianti di elaborare nuove soluzioni.
La partecipazione al workshop è gratuita, previa registrazione e fino ad esaurimento posti.
Per vedere l’agenda dell’evento, le aziende partner ed iscriversi: www.iolinkworkshop.it.



Contenuti correlati

  • SKF, l’evoluzione dei moderni sistemi lineari vuole nuovi attuatori

    SKF ha presentato a Stoccarda alla fiera Motek 2017 una nuova serie di attuatori che rappresenta l’evoluzione dei moderni sistemi lineari. I moduli principali che definiscono l’attuatore sono l’unità lineare, il riduttore, l’adattatore motore, il motore elettrico...

  • Baumer: interruttori di livello LBFH e LBFI con IO-Link disponibili

    Gli interruttori di livello LBFH e LBFI con IO-Link e omologazione ATEX sono disponibili. Lo annuncia Baumer in una nota. L’interfaccia IO-Link permette all’utente di automatizzare la configurazione dei sensori. L’omologazione ATEX consente di utilizzare le barriere...

  • ‘Build your future’ a scuola con Adecco e Siemens

    Il progetto di Alternanza Scuola Lavoro ‘Build your Future’, frutto della collaborazione tra Siemens e Adecco, porterà in più di 30 scuole italiane percorsi di orientamento e formazione volti allo sviluppo di competenze tecniche e di soft...

  • Festo ha ospitato a Varignana alcune tra le esperienze I4.0 più riuscite

    Le esperienze tecnologiche, i casi applicativi e le prospettive in termini di nuovi business model che già si affacciano all’orizzonte con una portata decisamente rivoluzionaria. Il mondo dell’industria italiana, dai produttori di tecnologia agli OEM agli end...

  • Da qui al 2030: i 4 trend futuri secondo Roland Berger

    Fondata nel 1967 in Germania, Roland Berger conta oggi 50 uffici in 34 Paesi con più di 2.400 consulenti e circa 220 partner. Sono più di 1.000 i clienti internazionali presenti in tutti i principali mercati. Il...

  • Nel terzo trimestre crescita record delle tecnologie per il legno

    “Molto bene!”. Ecco come possiamo riassumere l’andamento delle tecnologie per la lavorazione del legno e l’industria del mobile alla luce dei risultati della tradizionale indagine congiunturale. I dati elaborati dall’Ufficio studi Acimall, l’associazione confindustriale che rappresenta le...

  • ABB e Università di Genova, premio alle tesi su Digitalizzazione e Smart Cities

    La digitalizzazione attraverso l’Internet of Things nell’industria della generazione di energia e Smart grids e smart cities. Questi i temi dei due Premi di Laurea intitolati alla memoria dell’ingegner GB Ferrari, istituiti da ABB presso l’Università degli...

  • A Sew-Eurodrive il premio Class “The best Industry 4.0 in Italy”

    Sew-Eurodrive è stata premiata al convegno “Motore Italia: come far decollare le PMI”, organizzato da Class Editori presso la Borsa Italiana, Palazzo Mezzanotte, a Milano con il diploma “The best Industry 4.0 in Italy”. Giunta alla terza...

  • Binomio Industria 4.0 e formazione: MecSpe rilancia la sfida

    La Legge di Bilancio 2018 si appresta a varare il secondo capitolo del Piano Industria 4.0. Oltre alla riconferma dei bonus per i super-ammortamenti dei macchinari, seppur più bassi (dal 140% al 130%), ma soprattutto dell’iper-ammortamento, mantenuto...

  • Tappa a Brescia per i laboratori Mecspe Fabbrica Digitale

    Il progetto “Laboratori Mecspe Fabbrica Digitale, la via italiana per l’industria 4.0” fa tappa oggi a Brescia, dove, grazie ai numerosi interventi e case aziendali, vengono raccolti dati e informazioni utili per capire il processo di trasformazione...

Scopri le novità scelte per te x