Rapporto Akamai sulla sicurezza in Internet

Pubblicato il 17 maggio 2017

La piattaforma cloud di content delivery Akamai Technologies, composta da oltre 230 mila server, ha pubblicato il Rapporto sullo stato di Internet Q1 2017 – Security. Il rapporto fornisce l’analisi dell’attuale panorama delle minacce e della sicurezza sul cloud, nonché informazioni sulle tendenze degli attacchi.

“Quello che emerge dall’analisi dei dati del primo trimestre del 2017 è che i rischi continuano ed evolvono rapidamente”, commenta Martin McKeay, Senior Security Advocate e Senior Editor del Rapporto sulla Sicurezza di Akamai. “I casi di utilizzo di botnet come Mirai continuano a mutare e crescere, così come il processo di integrazione delle vulnerabilità Internet of Things nella struttura del malware e delle botnet DDoS da parte degli autori degli attacchi. È riduttivo pensare che Mirai sia l’unica minaccia. Con il rilascio del codice sorgente, qualsiasi aspetto di Mirai può essere incorporato in altre botnet. Anche senza l’aggiunta delle funzionalità Mirai, è stato dimostrato che famiglie di botnet come BillGates, elknot e XOR sono andate incontro a mutazioni per trarre vantaggio dall’evoluzione del panorama”.

Secondo il rapporto, gli attacchi DNS Water Torture Mirai, un flood query DNS incluso nel malware Mirai, hanno colpito i clienti Akamai nel settore dei servizi finanziari. Gran parte dei server DNS interessati ha ricevuto query con frequenza regolare durante gli attacchi, a eccezione di un attacco osservato il 15 gennaio 2017, in cui uno dei tre server DNS ha ricevuto 14 Mbps di traffico generato dall’attacco.

Gli attacchi possono provocare interruzioni Denial of Service esaurendo le risorse del dominio di destinazione durante la ricerca di una grande quantità di nomi di dominio generati in modo casuale. Gli attacchi di riflessione continuano a costituire il più ampio numero di vettori di attacco DDoS e hanno rappresentato il 57% di tutti gli attacchi mitigati nel Q1 2017, nell’ambito dei quali i riflettori SSDP (Simple Service Discovery Protocol) si sono rivelati la principale origine degli attacchi.

Gli Stati Uniti sono rimasti il principale paese di origine per gli attacchi alle applicazioni web, mostrando un ulteriore aumento significativo su base annuale del 57% rispetto al Q1 2016.

I tre principali vettori di attacco utilizzati contro le applicazioni web nel Q1 2017 sono stati SQLi, LFI e XSS. I Paesi Bassi, al secondo posto nella classifica dei principali paesi di origine degli attacchi alle applicazioni web durante il primo trimestre 2017, sono scesi al 13% rispetto al 17% del trimestre precedente, ma rimanendo un’origine importante del traffico generato dagli attacchi e mantenendo una percentuale di attacchi notevole per un paese di soli 17 milioni di abitanti.

UDP fragment, DNS e NTP rimangono nelle prime tre posizioni fra i vettori di attacco DDoS. Anche gli attacchi Reserved Protocol flood e Connection flood rientrano nell’elenco dei vettori di attacco durante il primo trimestre 2017.

I tre vettori di attacco più frequenti nel trimestre in esame (Q1 2017) su base settimanale sono stati ACK, CHARGEN e DNS. È stato rilevato che il nuovo vettore di attacco di riflessione CLDAP (Connectionless Lightweight Directory Access Protocol) individuato è stato in grado di produrre attacchi DDoS paragonabili agli attacchi di riflessione DNS in gran parte superiori a 1 Gbps.



Contenuti correlati

  • La modernità in un metrò

    HMS e Rockwell Automation hanno fornito soluzioni intelligenti per la linea 5 della metropolitana di Guangzhou, con un sistema BAS Leggi l’articolo

  • Parcheggiare facile con i servodrive

    I drive specializzati per sistemi di trasporto senza conducente di Elmo Motion Control possono essere impiegati per manovre complesse come quelle necessarie per parcheggiare un’auto in spazi ristretti Leggi l’articolo

  • Reti intelligenti per la città

    Smart city, smart mobility e dintorni: dove il digitale prende corpo in una serie di infrastrutture tali da rendere più efficienti i sistemi complessi di gestione dei servizi presenti nelle città Leggi l’articolo

  • Automation Fair 2017: la Cyber Security

    In occasione di Automation Fair 2017 abbiamo intervistato Sherman Joshua, Connected Services Portfolio Manager di Rockwell Automation, sul tema della cyber security.  Parlando infatti di Connected Enterprise, Connected Production, Connected Services, non poteva mancare un focus particolare...

  • Le nuove tecnologie brevettate da Kaspersky Lab aiutano le aziende a combattere gli attacchi da remoto

    I criminali informatici controllano a distanza i computer delle vittime per svolgere di nascosto attività dannose, spesso raggiungendo attraverso canali di comunicazione criptati i server di comando e controllo. Una volta installati sul computer dell’utente, gli strumenti...

  • Delta: soluzioni intelligenti a risparmio energetico

    Delta, azienda che opera a livello mondiale nelle soluzioni Power e di gestione termica, durante la fiera Sicurezza ha presentato il proprio ampio portafoglio di soluzioni intelligenti a risparmio energetico per supportare la creazione di edifici intelligenti, sicuri ed...

  • L’industria italiana della sicurezza: innovazione e integrazione tecnologica guidano la crescita

    L’industria italiana fornitrice di tecnologie per la sicurezza e automazione edifici rappresentata in Anie Sicurezza – espressione a fine 2016 di un fatturato totale aggregato pari 2,3 miliardi di euro – costituisce un comparto di eccellenza all’interno del...

  • Bad Rabbit: nuova ondata ransomware in Europa

    Nelle scorse settimane un nuovo ransomware denominato Bad Rabbit ha colpito Russia, Ucraina, Turchia, Germania, Bulgaria, USA e Giappone. Russia e Ucraina hanno subito l’attacco maggiore, poiché l’infezione è partita da alcuni siti web di notizie russi...

  • Parte oggi Codemotion Milan 2017: Trend Micro presente!

    Trend Micro è presente a Codemotion Milan 2017, la più grande conferenza tecnica d’Europa rivolta a tutti i software developer, giunta alla quinta edizione. Si tratta della manifestazione dedicata al codice e alle idee innovative tecnologiche e...

  • Un approccio modulare alle funzioni di sicurezza

    Diversi accorgimenti hardware e software hanno reso ancora più efficaci i moduli di sicurezza configurabili proposti da Schneider Electric. I dispositivi della serie Preventa XPS MCM permettono di implementare le funzioni di sicurezza per macchinari in movimento...

Scopri le novità scelte per te x