Progetti IT: il 53% delle aziende europee sceglie il cloud come standard

L’IT cresce nel suo nuovo ruolo di innovatore del business e abilitatore di programmi cloud. Per il 76% del campione la svolta cloud aumenta l’importanza dell’IT per il business.  

Pubblicato il 26 aprile 2017

 

ServiceNow, il system of action enterprise che permette alle aziende di lavorare in maniera veloc, presenta la ricerca “Cloud Computing Tipping Point”, dove rivela l’entrata ufficiale delle aziende nell’era cloud-first.

La ricerca ha intervistato 1850 responsabili IT di grandi aziende in tutto il mondo equamente divisi tra IT, gestione delle linee di business e DevOps, con l’obiettivo di comprendere come stanno costruendo, distribuendo e gestendo i loro servizi.

Cloud Computing Tipping Point ha incluso anche 900 aziende europee e ha svelato tre dati importanti.
1) L’era del cloud computing è arrivata

Il 53% degli intervistati ha affermato che intende scegliere il cloud – Software-as-a-Service o Platform-as-a-Service – per le nuove applicazioni di Business (52% a livello worldwide). Il 76% ha affermato che vuole effettuare questo cambiamento nei prossimi 2 anni (77% a livello worldwide).

“L’azienda cloud-first è in grado di abilitare l’agilità, velocità e scalabilità necessarie per raggiungere grandi traguardi in uno scenario di business sempre più competitivo. C’è un chiaro cambiamento in atto dal tradizionale data center computing al cloud computing, che vuole riallocare le risorse, le competenze e i budget dall’infrastruttura di back-end verso servizi orientati al Business” ha affermato Joaquin Reixa, Areas Vice President, ServiceNow Southern Central and Eastern Europe, Middle East and Africa.

2) Il DevOps guida la carica al mondo cloud-first

Il 93% degli intervistati ha affermato di essere coinvolto in progetti DevOps (94% a livello worldwide). Il 74% ritiene che la crescita del DevOps è un abilitatore della strategia cloud-first (76% a livello worldwide).
“La ricerca svela l’evoluzione del DevOps da movimento di nicchia a mainstream”, ha dichiarato Joaquin Reixa. “Il cloud e il DevOps sono cresciuti insieme”.

3) Un mondo cloud-first richiede nuove competenze IT

L’83% delle aziende che ha completato il passaggio a un modello cloud-first afferma che il proprio staff IT non aveva inizialmente le competenze necessarie (89% a livello worldwide). L’88% degli intervistati, sia a livello europeo che worldwide, ritiene che il cloud può essere un’alternativa all’impostazione tradizionale del dipartimento IT.

Nel momento in cui l’IT sembra diventare sempre più obsoleto, due dati in Europa mostrano ottimismo: Il 76% degli intervistati afferma che la svolta cloud ha aumentato l’importanza dell’IT agli occhi del business (72% a livello worldwide); il 64% degli intervistati ritiene che l’IT rimarrà rilevante in futuro (68% a livello worldwide).

“Il futuro per le aziende è cloud-first” conclude Joaquin Reixa. “Crediamo che questo rappresenti un’opportunità reale per quelle organizzazioni IT che vogliono diventare partner strategici delle aziende nella loro svolta al cloud”.

 

Il cambiamento cloud-first avrà diverse conseguenze per i dipartimenti IT:

1. La visibilità dell’IT e le previsioni dei costi potrebbero essere più difficili. Secondo i partecipanti alla ricerca, due sono le priorità nella svolta al cloud:

· Visibilità a 360 gradi (64%),

· Previsione dei costi (63%).

L’architettura IT ibrida presenta nuove sfide che l’IT non aveva ancora affrontato quando tutto avveniva all’interno del data center. Consolidare i dati di business permette all’IT di gestire più efficacemente le richieste, i costi, le risorse cloud, i progetti, la compliance e le relazioni con il business.

2. La crescita DevOps significa che una parte maggiore dell’azienda avrà un ruolo all’interno dell’IT. I team IT vedranno crescere i loro progetti di applicazioni di business e dovranno garantire allo stesso tempo la compliance e la sicurezza

3. Una proliferazione del cloud. Implementare un numero sempre maggiore di policy di cloud management diventerà critico. Le aziende dovranno accordarsi con più vendor e questo significa che il Service Integration and Management (SIAM) e la gestione dei vendor sarà sempre più importante. Un contratto stipulato con un vendor potrebbe non essere appropriato per un altro.

 

 



Contenuti correlati

  • Tech Boys and Girls

    La dottoressa Simona Boninelli, classe 1973, laureata in fisica all’Università degli Studi di Catania, è una ricercatrice del CNR. È strano, ma confrontandomi con i ricercatori che hanno deciso di lavorare qui in Italia, non mi aspettavo...

  • ServiceNow si integra con SAP SuccessFactors Employee Central

    In occasione della HR Technology Conference & Expo, organizzata a Las Vegas dal 10 al 13 ottobre, ServiceNow ha annunciato la disponibilità di una nuova integrazione di prodotto con SAP SuccessFactors Employee Central, che aiuta i clienti...

  • Il mercato Cloud in Italia sfiora i 2 miliardi di € nel 2017 +18% rispetto al 2016

    Il mercato Cloud in Italia continua il proprio processo di crescita: per il 2017 si stima un incremento del 18% negli ultimi 12 mesi, che lo porterà a raggiungere un valore di 1,978 miliardi di Euro. In...

  • Il futuro del settore IT

    Quattro forze indeboliscono oggi l’IT, rallentando o addirittura impedendo il suo successo in azienda. Queste quattro forze sono: una sempre maggior pressione a dover fare di più con meno, la crescente difficoltà dell’IT nel quantificare il proprio...

  • Servizi di cloud security aperti e scalabili con IBM Bluemix e Fortinet

    Fortinet annuncia l’integrazione delle appliance virtuali di FortiGate all’interno delle soluzioni IBM Cloud for VMware. Disponibili a partire dall’ultimo trimestre di quest’anno sul portale IBM Cloud, consentiranno di eseguire workload su IBM Bluemix in tutta sicurezza, grazie...

  • Moxa, Microsoft e OPC Foundation insieme per lo sviluppo di MC-1121

    Moxa ha collaborato con Microsoft e OPC Foundation nello sviluppo di MC-1121, un gateway IoT per applicazioni industriali che integra un modulo OPC UA Publisher. Utilizzando il sistema operativo Windows 10 IoT e OPC UA Publisher, il...

  • Tech Boys and Girls

    La professoressa Isodiana Crupi è di origine calabrese, ma a 18 anni, alla fine del liceo classico, lascia il suo paese d’origine per iscriversi a Ingegneria Elettronica all’Università di Messina… Leggi l’articolo

  • I servizi che ‘piovono’ dal cloud – Parte I

    Alimentati dalla quantità di dati raccolti grazie alle tecnologie IIoT (Industrial Internet of Things), sono moltissimi i servizi che le aziende possono sfruttare per ottimizzare internamente prodotto, processo e innovazione ed evolvere il rapporto con clienti e...

  • Acquisizione e integrazione dei dati in ottica 4.0

    I dati sono fondamentali per l’efficienza produttiva, ma vanno gestiti. Il cloud offre non solo capacità di calcolo e di virtualizzazione aggiuntive, ma anche un’ampia offerta di app e servizi integrabili nei sistemi locali Leggi l’articolo

  • Integrazione dei dati per applicazioni IoT e Industria 4.0

    È disponibile la nuova versione della suite dataFeed OPC di Softing con connettore Rest e supporto per i database NoSQL. Il connettore Rest, presentato quest’anno in versione beta alla fiera di Hannover, consente di integrare i dati provenienti dalle...

Scopri le novità scelte per te x