Progetti IT: il 53% delle aziende europee sceglie il cloud come standard

L’IT cresce nel suo nuovo ruolo di innovatore del business e abilitatore di programmi cloud. Per il 76% del campione la svolta cloud aumenta l’importanza dell’IT per il business.  

Pubblicato il 26 aprile 2017

 

ServiceNow, il system of action enterprise che permette alle aziende di lavorare in maniera veloc, presenta la ricerca “Cloud Computing Tipping Point”, dove rivela l’entrata ufficiale delle aziende nell’era cloud-first.

La ricerca ha intervistato 1850 responsabili IT di grandi aziende in tutto il mondo equamente divisi tra IT, gestione delle linee di business e DevOps, con l’obiettivo di comprendere come stanno costruendo, distribuendo e gestendo i loro servizi.

Cloud Computing Tipping Point ha incluso anche 900 aziende europee e ha svelato tre dati importanti.
1) L’era del cloud computing è arrivata

Il 53% degli intervistati ha affermato che intende scegliere il cloud – Software-as-a-Service o Platform-as-a-Service – per le nuove applicazioni di Business (52% a livello worldwide). Il 76% ha affermato che vuole effettuare questo cambiamento nei prossimi 2 anni (77% a livello worldwide).

“L’azienda cloud-first è in grado di abilitare l’agilità, velocità e scalabilità necessarie per raggiungere grandi traguardi in uno scenario di business sempre più competitivo. C’è un chiaro cambiamento in atto dal tradizionale data center computing al cloud computing, che vuole riallocare le risorse, le competenze e i budget dall’infrastruttura di back-end verso servizi orientati al Business” ha affermato Joaquin Reixa, Areas Vice President, ServiceNow Southern Central and Eastern Europe, Middle East and Africa.

2) Il DevOps guida la carica al mondo cloud-first

Il 93% degli intervistati ha affermato di essere coinvolto in progetti DevOps (94% a livello worldwide). Il 74% ritiene che la crescita del DevOps è un abilitatore della strategia cloud-first (76% a livello worldwide).
“La ricerca svela l’evoluzione del DevOps da movimento di nicchia a mainstream”, ha dichiarato Joaquin Reixa. “Il cloud e il DevOps sono cresciuti insieme”.

3) Un mondo cloud-first richiede nuove competenze IT

L’83% delle aziende che ha completato il passaggio a un modello cloud-first afferma che il proprio staff IT non aveva inizialmente le competenze necessarie (89% a livello worldwide). L’88% degli intervistati, sia a livello europeo che worldwide, ritiene che il cloud può essere un’alternativa all’impostazione tradizionale del dipartimento IT.

Nel momento in cui l’IT sembra diventare sempre più obsoleto, due dati in Europa mostrano ottimismo: Il 76% degli intervistati afferma che la svolta cloud ha aumentato l’importanza dell’IT agli occhi del business (72% a livello worldwide); il 64% degli intervistati ritiene che l’IT rimarrà rilevante in futuro (68% a livello worldwide).

“Il futuro per le aziende è cloud-first” conclude Joaquin Reixa. “Crediamo che questo rappresenti un’opportunità reale per quelle organizzazioni IT che vogliono diventare partner strategici delle aziende nella loro svolta al cloud”.

 

Il cambiamento cloud-first avrà diverse conseguenze per i dipartimenti IT:

1. La visibilità dell’IT e le previsioni dei costi potrebbero essere più difficili. Secondo i partecipanti alla ricerca, due sono le priorità nella svolta al cloud:

· Visibilità a 360 gradi (64%),

· Previsione dei costi (63%).

L’architettura IT ibrida presenta nuove sfide che l’IT non aveva ancora affrontato quando tutto avveniva all’interno del data center. Consolidare i dati di business permette all’IT di gestire più efficacemente le richieste, i costi, le risorse cloud, i progetti, la compliance e le relazioni con il business.

2. La crescita DevOps significa che una parte maggiore dell’azienda avrà un ruolo all’interno dell’IT. I team IT vedranno crescere i loro progetti di applicazioni di business e dovranno garantire allo stesso tempo la compliance e la sicurezza

3. Una proliferazione del cloud. Implementare un numero sempre maggiore di policy di cloud management diventerà critico. Le aziende dovranno accordarsi con più vendor e questo significa che il Service Integration and Management (SIAM) e la gestione dei vendor sarà sempre più importante. Un contratto stipulato con un vendor potrebbe non essere appropriato per un altro.

 

 



Contenuti correlati

  • Al via il programma Wildix Cloud Program for Reseller

    Wildix, multinazionale italiana specializzata in soluzioni di Unified Communications e prodotti VoIP, ha dato il via al progetto Wildix Cloud Program for Reseller. Iniziativa rivolta a coloro che vogliono vendere attraverso il cloud soluzioni di UC&C (Unified...

  • 4ward si aggiudica il Microsoft Partner of the Year Awards

    In occasione di Inspire, l’annuale conferenza dedicata ai Partner Microsoft di tutto il mondo, che si è tenuta a Washington D.C. (9-13 luglio), alla presenza di più di 17.000 partner, Microsoft ha premiato i vincitori dell’edizione 2017...

  • Un libro attraverso le 18 tecnologie di Industria 4.0

    Incentivi a parte, quando parliamo di Industria 4.0 volgiamo il pensiero ai concetti di digitalizzazione e innovazione applicate al processo produttivo. Queste espressioni sono però in molti casi generiche e poco significative. Da questa constatazione è nata...

  • Sensore ambientale multifunzione Omron per sistemi IoT

    Omron Electronic Components Europe ha rilasciato un sensore ambientale multifunzione che consente ai progettisti di monitorare sette parametri utilizzando un unico modulo estremamente semplice da integrare. Progettato appositamente per i sistemi IoT autonomi, il nuovo sensore Omron...

  • Nuovo Chief Technical Officer per Juniper Networks

    Juniper Networks, esperto in tecnologia a supporto di reti automatizzate, scalabili e sicure, ha nominato Bikash Koley nuovo Chief Technical Officer. Koley risponderà direttamente al Chief Executive Officer Rami Rahim e avrà la responsabilità di definire la...

  • HPE si allea a Microsoft nel Cloud28+

    Hewlett Packard Enterprise ha sottoscritto un’alleanza go-to-market con Microsoft attraverso Cloud28+, la open community focalizzata a incrementare l’adozione del cloud a livello enterprise. Microsoft entra così a far parte di Cloud 28+, una iniziativa guidata e supportata...

  • Falcone cresce in ServiceNow. L’area del Mediterraneo è sua

    Rodolfo Falcone è il nuovo Mediterranean Area Vice President and Italian Country Leader di ServiceNow. Falcone si occuperà di consolidare e sviluppare l’azienda e le sue strategie nell’area del mediterraneo e in Italia, ritenuta una Country fondamentale...

  • Tech Boys and Girls

    Sarà la familiarità con la ‘nostra’ terra di Sicilia, oppure il feeling che oramai ho stabilito con i giovani ricercatori italiani, ma l’incontro in videochiamata con la dottoressa Ilenia Tinnirello mi ha riempito di gioia oltre che...

  • Da Riverbed una soluzione completa di Digital Experience Management

    Riverbed Technology introduce la nuova versione di SteelCentral, la soluzione più completa e integrata di Digital Experience Management del mercato. Le aziende proseguono con gli investimenti in iniziative digitali e la loro capacità di misurare e controllare...

  • SAP, nuove soluzioni per l’Internet of Things

    SAP ha annunciato nuove soluzioni per l’Internet of Things (IoT). Parte del sistema di innovazione digitale SAP Leonardo, queste soluzioni IoT fanno leva sulle più moderne evoluzioni di Big Data e analytics, sulla capacità di connettere persone,...

Scopri le novità scelte per te x