Per Abb la ripresa è arrivata

Ordini in crescita e fatturato stabile per Gruppo Abb, con investimenti a completamento del portafoglio prodotti - su tutti l’acquisizione di Baldor - consentono di guardare al 2011 con fiducia. In Italia al primo posto automazione ed energia

Pubblicato il 18 febbraio 2011

Di Franco Canna

Il Gruppo Abb ha reso noti i risultati finanziari registrati nell’ultimo trimestre 2010 e nell’intero anno. Complessivamente gli ordini hanno fatto registrare una crescita (+6% in dollari), mentre il fatturato è in lieve calo (-1% per un totale di 31.589 milioni di dollari). Perdono, in termini di ricavi, le divisioni Power Products (-9%) e Process Automation (-5%, ma ordini in crescita del 10%), mentre fanno registrare una crescita, sia negli ordini sia nel fatturato, le altre tre divisioni: Discrete Automation & Motion, che ha visto crescere gli ordini del 25% e il fatturato del 4%; Low Voltage Products (+15% ordini, +12% fatturato) e Power Systems (+1%% ordini, +4% fatturato). Dal punto di vista geografico, Europa e Asia restano i mercati principali del Gruppo.

Joe Hogan, Ceo di Abb, ha sottolineato i fattori positivi dell’ultimo trimestre e dell’anno, focalizzandosi in particolar modo sul ritorno alla crescita “organica”, sul buon risultato operativo, sul completamento del programma di riduzione dei costi (in due anni sono stati risparmiati 3 miliardi di dollari e un nuovo programma da un miliardo è stato già lanciato per il 2011) e sugli importanti investimenti – oltre 6,5 miliardi di dollari – per l’acquisizione di Ventyx, K-Tek e soprattutto Baldor. Ventyx è una software company che offre soluzioni in ambito Energia; K-Tek costruisce strumentazione per il controllo di processo; Baldor motori e azionamenti elettrici, con una forte penetrazione nel mercato nordamericano. Hogan ha anche sottolineato come, nonostante le acquisizioni, il flusso di cassa sia buono e sia stato proposto un aumento dei dividendi per gli azionisti.

Molto positivo l’ultimo trimestre dell’anno, con ordini complessivamente in aumento del 18% e ricavi del 6%. Hanno fatto registrare una significativa crescita quattro divisioni su cinque: Discrete Automation & Motion (ordini +34% e fatturato +14%), Low Voltage Products (ordini +14% e fatturato +16%), Power Systems (ordini +40% e fatturato +10%) e Process Automation (ordini 25% e fatturato +4%). In rosso solo la Power Products (ordini -5% e fatturato -6%). Dal punto di vista geografico, le aree in cui si sono registrati i migliori risultati in termini di acquisizione di ordini sono l’Europa (+37% in valuta locale) e l’America (+22%), mentre una lieve riduzione è stata registrata in Asia (-5%). Dell’8% la crescita degli ordini nei mercati Medio Oriente e Africa. Molto bene, in particolare, la Germania, mentre sono calati gli ordini da India e Cina, dove però per il 2011 è prevista una crescita trainata dagli investimenti per l’efficienza energetica e la green economy.

Per quanto riguarda il nostro Paese, nel 2010 ABB Italia ha registrato ricavi per 2.462 milioni di euro, in aumento del 16% rispetto all’anno precedente, mentre gli ordini hanno fatto registrare una leggera flessione (-2% a quota 2.242 milioni di euro).  La redditività è aumentata e la percentuale di export sui ricavi si è attestata al 56%. I dipendenti totali in Italia al 31 dicembre 2010 sono 5.550 di cui 5.368 permanenti. Il contributo ai ricavi delle cinque divisioni operative di ABB SpA è il seguente: Low Voltage Products 30%, Process Automation 25%, Discrete Automation & Motion 13%, Power Products 24%, Power Systems 8%. Nel commentare i risultati di ABB Italia, Barbara Frei (in foto), che nel luglio del 2010 ha assunto il ruolo di Country Manager e Amministratore Delegato di ABB SpA, ha dichiarato: “ll 2010 è stato caratterizzato da ricavi in crescita e ordini sostanzialmente stabili. Abbiamo anche mantenuto alti gli investimenti in ricerca e svliluppo, che nel 2010 hanno rappresentato il 2,3% del fatturato”.

A fronte di una stabilità nella percentuale di ricavi legati alle attività di export, ABB Italia registra una crescita complessiva di circa il 15% sul mercato italiano, con un consolidamento nel comparto delle energie rinnovabili – primo tra tutti il settore del solare che ha generato rilevanti opportunità per tutte le divisioni, sia per quanto riguarda la fornitura di prodotti e servizi specifici, che per la realizzazione di impianti. “Continuiamo a vedere nell’automazione e nell’energia i trend che hanno guidato il nostro 2010 e che prevediamo possano rafforzare ulteriormente per il 2011 le nostre attività di breve e medio periodo”, ha commentato Frei. “Oltre a questi cardini, l’attività che ci vede protagonisti sul mercato italiano è certamente l’efficienza energetica, tema sul quale stiamo concentrando la nostra attenzione e attivando partnership importanti, tra le quali quella con ABI Energia, il Consorzio per l’ottimizzazione della gestione e dell’utilizzo dell’energia in banca - al fine di individuare le principali soluzioni tecniche, gestionali e organizzative a maggior valore economico per la riduzione dei consumi di energia. Il nostro lavoro si è concretizzato - oltre che nell’applicazione dei nostri prodotti e sistemi – in strumenti e processi di analisi delle performance energetiche in ambito industriale, infrastrutturale, del terziario e delle utilities, in grado di consentire ai nostri interlocutori di individuare priorità di intervento e ritorno degli investimenti in efficienza energetica. Un percorso che stiamo realizzando con successo con grandi aziende, ma anche con la piccola e media industria”.

Barbara Frey non ha escluso operazioni di acquisizione anche nel nostro mercato nel corso del 2011.

Gruppo ABB: www.abb.it



Contenuti correlati

  • Le aziende che fanno più pubblicità dell’anno scorso risparmiano (parecchio) sulle tasse

    Buone notizie per le aziende che investono in pubblicità. In particolare per quelle che hanno intenzione di puntare su questa forma di comunicazione in misura maggiore rispetto a quanto fatto lo scorso anno. Per loro sono previsti interessanti...

  • Festo: inaugurato l’hub logistico automatico di Cincinnati

    Inaugurazione avvenuta lo scorso 14 ottobre del nuovo hub logistico Festo di Mason, Cincinnati, dove l’azienda ha trasferito il Regional Service Center per i Paesi Nafta. Con un investimento di 60 milioni di $, il centro si...

  • Start-up: una su 100 ce la fa…

    Solo l’1% delle idee d’impresa innovative riesce ad arrivare a un primo finanziamento per avviare l’attività. È quanto è emerso al convegno ‘Capitali Coraggiosi’ promosso a Bologna da IAG (Italian Angels for Growth), il principale network di...

  • La crescita traina un primo forte semestre per Danfoss

    Dopo avere chiuso positivamente il primo trimestre, il Gruppo Danfoss riprende la tendenza anche nel secondo trimestre, con un primo semestre complessivamente molto positivo, una top-line in aumento ed un significativo miglioramento dei guadagni. Nella prima metà...

  • Era digitale: l’industria italiana torna competitiva ma è ancora zoppa

    L’Italia, dal 2015, ha ripreso a investire in Ict e continuerà a farlo nel prossimo triennio. Questo è un dato che indica solo l’inizio di un percorso e le previsioni di crescita fino al 2018 confermano. In...

  • Risultati PTC secondo trimestre 2016

    PTC ha comunicato i risultati finanziari del secondo trimestre dell’anno fiscale 2016, conclusosi il 2 aprile, che si è chiuso con ricavi GAAP (principi di contabilità generalmente accettati) che hanno toccato quota 273 milioni di dollari. I ricavi...

  • Context: Italia ignora i vantaggi della smart home ma nel futuro investirà

    Italia ancora indietro sulla casa intelligente. Secondo un recente sondaggio condotto da Context su un campione di 2500 consumatori in Francia, Regno Unito, Germania, Spagna e Italia rivela che il nostro Paese non è ancora realmente pronto ma...

  • 2015 in crescita per Siemens Italia, che guarda ora alla ‘digitalizzazione’

    Siemens Italia ‘incassa’ un +2% di fatturato rispetto all’anno precedente, per un totale di 1.773 milioni di euro, e un significativo +8% nell’ordinato, chiudendo così l’esercizio fiscale 2015 con risultati in crescita che, in un periodo ancora di crisi,...

  • Lenze: record di fatturato e incremento della redditività

    Nell’anno finanziario 2014-2015 (dal 1 maggio 2014 al 30 aprile 2015) il gruppo Lenze ha realizzato il record storico di fatturato, pari a 634,1 milioni di euro. Questo rinnovato incremento di circa il 4% rispetto al fatturato dell’anno...

  • Universal Robots, i robot collaborativi continuano a crescere

    Universal Robots, l’azienda danese produttrice di robot collaborativi, ha registrato una notevole crescita dei risultati annuali 2014, appena pubblicati. Il fatturato è cresciuto del 70%, raggiungendo quasi 30 milioni di euro, con un profitto più che raddoppiato pari a...

Scopri le novità scelte per te x