Obiettivo cybersecurity futuristica in un mondo frammentato

Pubblicato il 31 gennaio 2018

Riportiamo di seguito l’intervento di Mark McLaughlin, CEO di Palo Alto Networks

Il tema del World Economic Forum di quest’anno, “Creare un futuro condiviso in un mondo frammentato”, è particolarmente adatto per noi che ci dedichiamo a proteggere il modo in cui viviamo nell’era digitale. Una delle dichiarazioni della missione è “invitare i leader di tutti gli ambiti a sviluppare una narrativa condivisa per migliorare lo stato del mondo”. Cruciale per qualunque narrativa condivisa volta a migliorare il mondo, è il riconoscimento del ruolo centrale svolto dalle tecnologie digitali nell’abilitare la quarta rivoluzione industriale – tema chiave degli ultimi due incontri annuali. Con la tecnologia digitale possiamo cambiare il mondo, ma solo se riusciremo a fare in modo che le persone che si avvalgono e traggono vantaggio dalla nostra innovazione ed invenzioni, possano ritenere il mondo digitale che creiamo sicuro e meritevole della loro fiducia.

Ottenere quel livello di fiducia richiede che ci focalizziamo sulla Cybersecurity, come riconosciuto dal World Economic Forum, con il lancio formale del nuovo Global Centre for Cybersecurity, a Davos quest’anno. A tal fine, dobbiamo approcciare questo tema come impegno condiviso, unendo le risorse critiche di tutto il mondo e muovendoci con urgenza e determinazione. L’importanza della missione e l’incredibile sforzo che richiederà – focalizzando le nostre energie su tecnologia, scienza, formazione, business e diplomazia – sono paragonabili al percorso che ha portato l’uomo sulla luna negli anni ‘60.

Nel 1962, il Presidente John F. Kennedy dichiarò di voler portare l’uomo sulla Luna entro la fine del decennio. Questo obiettivo è stato sin da subito condiviso da tutti, sia nel settore pubblico che privato. Il Presidente Kennedy era certo che riunire tutti intorno a un unico scopo chiaramente articolato – entro un certo termine – avrebbe portato a vantaggi tangibili, misurabili e duraturi. Oggi ci troviamo in una simile posizione. La promessa dell’era digitale, e la minaccia esistenziale che la cybersecurity pone a tale promessa, richiede che ci dedichiamo a un impegno comparabile. Propongo quindi un “Cybersecurity Moonshot” con un obiettivo semplice ma potente: rendere Internet sicura entro 10 anni. Per farlo, dobbiamo superare gli scetticismi legati alle difficoltà e ai tempi contenuti. Dobbiamo riconoscere la realtà: sono tempi straordinari che richiedono misure straordinarie. Se non ci impegneremo a fondo per raggiungere questo obiettivo, le enormi aspirazioni che abbiamo per l’era digitale potrebbero essere ritardate o addirittura deferite.

Condividere questa vision è un elemento importante del nostro ruolo a Davos. E’ cruciale che i leader in ambito business, government ed education riconoscano che una narrativa condivisa per curare un mondo in frantumi deve integrare la cybersecurity. E’ altrettanto importante che ci avvaliamo della nostra posizione di leadership per incoraggiare le organizzazioni di tutte le discipline a giocare un ruolo attivo nel supportare l’iniziativa Cybersecurity Moonshot. Tra i temi da affrontare e discutere a Davos:

  1. Processi – rendere reale la condivisione automatica delle informazioni. Tale condivisione è fondamentale per un futuro comune. Un modo per farlo è la condivisione automatica di intelligence sulle minacce cyber a livello globale. Unendo le forze possiamo proteggere e rafforzare le difese della nostra società digitale, per il bene di tutti.
  2. Tecnologia – liberare l’innovazione della sicurezza. Nessuna tecnologia da sola può risolvere tutte le sfide di sicurezza. Invece, è necessario integrarne diverse per creare un ecosistema più esteso e globale che offra l’automazione necessaria per prevenire in modo proattivo gli attacchi.
  3. Persone – dare luogo a una società cybersecurity-conscious. Dobbiamo tutti impegnarci a creare una coscienza condivisa sui temi della cybersecurity, avvalendoci di partnership che promuovano la formazione e la creazione di una forza lavoro dedicata alla sicurezza.

La cybersecurity non è un tema nuovo, anzi, è stato uno degli argomenti centrali del World Economic Forum Annual Meeting degli ultimi due anni. Ma, ora che entriamo nel 2018, l’importanza della sicurezza informatica non è mai stata così prominente. La nostra vision e speranze, sono gli obiettivi che i nostri avversari vogliono colpire. Solo unendo le forze e impegnandoci attivamente nella creazione di un ecosistema sicuro possiamo superare questa sfida. E’ fondamentale che cogliamo l’occasione e accettiamo con passione e vigore la sfida del ‘cybersecurity-moonshot”. Sarà molto stimolante e una grande opportunità poter discutere la nostra visione con tutte quelle organizzazioni che la condividono.



Contenuti correlati

  • Il ruolo ‘malevolo’ dell’intelligenza artificiale

    In linea con il report intitolato ‘The Malicious Use of Artificial Intelligence’, a cura di un gruppo di ricercatori delle università di Cambridge, Oxford e Yale, Dave Palmer, Director of Technology di Darktrace, mette in guardia sui...

  • Vodafone testa un sistema IoT di monitoraggio e sicurezza per droni

    Vodafone ha incominciato la sperimentazione del primo sistema al mondo per il controllo e la sicurezza del traffico dei droni. L’approccio pionieristico di Vodafone utilizza la tecnologia innovativa Internet of Things (IoT) 4G per proteggere gli aeromobili...

  • Ransomware: il backup dei dati non basta a proteggere le aziende

    Pur ritenendo di essere totalmente protetti e non vulnerabili, quando si parla di sicurezza informatica bisogna comprendere che in realtà si è attaccabili da più fronti. Per non perdere i dati in caso di attacco informatico, la...

  • Gli UPS Masterys di Socomec sono sempre più smart

    Il più recente sviluppo della continua innovazione Socomec combina la collaudata e comprovata tecnologia degli UPS Masterys con le tecnologie “smart” per offrire prestazioni ineguagliabili in termini di affidabilità e livello di servizio. Equipaggiato per le “Smart...

  • I nuovi robot collaborativi Mitsubishi Electric

    A SPS IPC Drives dal 28 al 30 novembre 2017 a Norimberga, Mitsubishi Electric ha organizzato una dimostrazione live in ambiente Industry 4.0 e ha introdotto il nuovo robot collaborativo, che consente all’operatore di lavorare a stretto...

  • Trend Micro promossa da NSS Labs per le soluzioni TX Series

    NSS Labs certifica che le soluzioni Trend Micro TX Series raggiungono il 99,6% di efficacia nei test per i sistemi di prevenzione delle intrusioni di prossima generazione. In seguito ai test 2017 NSS Labs Next Generation Intrusion...

  • Kaspersky Lab alla conferenza Itasec

    Kaspersky Lab ha partecipato in qualità di Gold Sponsor a Itasec, la conferenza annuale italiana sulla sicurezza informatica organizzata dal Laboratorio Nazionale di Cybersecurity del Cini. Nell’occasione, gli esperti di sicurezza della società hanno presentato un’analisi dell’attuale...

  • Chip Ethernet SoC con gigabit physical layer e connettività CC-Link IE

    CC-Link Partner Association (CLPA) ha annunciato l’apertura di nuove possibilità di mercato da parte di Renesas Electronics Corporation, un fornitore di primo livello di soluzioni avanzate per semiconduttori che si sta aprendo a nuove opportunità di mercato...

  • Al via il Smart Connected Assembly Roadshow

    È partito ieri da Torino lo Smart Connected Assembly Roadshow. Per Atlas Copco è l’occasione per mostrare le sue più innovative soluzioni di assemblaggio sviluppate in partnership con i più grandi OEM. Un’occasione da non perdere per...

  • Exoskeleton Suits: uomo e macchina diventano un unicum in Ford

    Le componenti robotiche indossabili offrono agli utenti la possibilità di sollevare e manovrare più facilmente oggetti pesanti. E ora, per la prima volta, sono stati integrati in una catena di montaggio di veicoli in movimento. Gli exoskeleton suits,...

Scopri le novità scelte per te x