Nuove funzionalità semplificano la configurazione e l’installazione degli azionamenti Unidrive M

Control Techniques ha potenziato la propria gamma di azionamenti universali a velocità variabile Unidrive M.

Pubblicato il 12 giugno 2017

A partire dalla metà di giugno 2017 le due gamme d’inverter Unidrive M200 e M300 firmate Control Techiniques, azienda di Nidec Industrial Automation, saranno equipaggiate di serie con un micro PLC onboard. Questo permetterà di espandere notevolmente le possibilità applicative di queste due serie di drive per motori asincroni, mantenendo invariati i prezzi di tutta la gamma da 0,25 a 110 kW (132kW per pompe e ventilatori).

Unidrive M200

La serie vanta funzionalità avanzate di networking a bus di campo, I/O aggiuntivi e un eccellente controllo del motore per applicazioni in anello aperto. Applicazioni tipiche sono trasportatori, ventilatori, pompe volumetriche e miscelatori, dove sovente le azioni sono controllate in remoto tramite comunicazione Ethernet o Fieldbus. Per soddisfare anche le macchine semplici e stand alone, è comunque disponibile una versione dell’Unidrive M200 con potenziometro rotativo sul frontale dell’inverter detta Unidrive M201.

Unidrive M300

La serie integra quanto già visto per l’Unidrive M200 con interessanti funzioni di sicurezza. È ideale per il controllo della velocità di sistemi di trasporto e taglio di materiali, lavorazione del legno e macchine utensili, compattatori e mescolatori, ossia dove è richiesta la protezione di persone o beni materiali in conformità a SIL3. Usando l’Unidrive M300 si può fare a meno di organi di sezionamento elettromeccanici esterni al drive.

PLC Onboard e Machine Control Studio

Gli inverter avranno la possibilità di eseguire un programma da 12 kB realmente fruibili per le istruzioni, senza l’ausilio di logiche esterne.

Il PLC onboard permette due task:

  • Clock: una real time task il cui intervallo d’esecuzione può essere tra 16 ms a 262 s a multipli di 16 ms. Si possono definire 10 parametri ad accesso rapido per velocizzare il tempo di lettura/scrittura del programma sviluppato.

  • Freewheeling: una background task che può essere eseguita ogni 256 ms. Il momento dell’esecuzione di questa task può variare in funzione del carico del microprocessore.

Questo piccolo PLC supporta l’uso di variabili Booleane, integer (8 bit, 16 bit e 32 bit, con e senza segno), floating point (solo 64 bit).

Per la creazione del programma è disponibile la suite di sviluppo Machine Control Studio, ambiente di sviluppo software, progettato per la gamma di azionamenti Unidrive M e basato su linguaggio di programmazione standard IEC 61131-3 e supporta:

• ST (Structured text),

• LD (Ladder diagram),

• FBD (Function block diagram),

• IL (Instruction list),

• SFC (Sequential function chart),

• CFC (Continuous Function Chart).

Machine Control Studio permette all’utente di sviluppare in semplicità il proprio programma ed ottenere comportamenti personalizzati e automazioni specifiche ad un Unidrive M200 o M300. Il programma si carica sul drive dalla porta seriale disponibile sull’inverter. Gode della varietà di librerie di funzioni già disponibili come:

  • blocchi aritmetici,
  • blocchi comparativi,
  • timer,
  • contatori,
  • multiplexer,
  • latche (autoritenuta),
  • forzatura di bit.

Con queste possibilità si intuisce che i campi applicativi possono spaziare notevolmente e sono più limitati dalla nostra conoscenza e fantasia, che dai limiti dell’inverter stesso:

  • sistemi multimotore (pompe ausiliarie, ventilatori e sistemi di riempimento o irrigazione),
  • controllo di processo con gestione autonoma anche di valvole e serrande,
  • logiche di interblocco sia funzionali che di sicurezza,
  • regolazioni master/slave,
  • posizionamenti blandi,
  • cicli di operazioni autonome al presentarsi di condizioni specifiche (es. cicli di pulizia o sblocco su

    Ciclo di pulizia standard

    pompe per acque reflue, coclee d’alimentazione o mulini di macinazione),

  • monitoraggio di sensori per controlli predittivi e programmazione manutenzioni (es. vibrazioni, intasamento filtri o limiti mini/massimi raggiunti),
  • eliminazione di schede elettroniche dedicate esterne soggette a costi di aggiornamento e certificazione.

A completamento dell’offerta troviamo la serie Unidrive M100, con potenze sino a 7,5kW e disponibile anche nella versione M101 ideale per processi d’automazione semplici come nastri trasportatori, ventilatori e pompe, Unidrive M101 assicura una configurazione e un’installazione estremamente rapida con un potenziometro integrato per ulteriori controlli su parametri ed impostazioni.

Messa in servizio sempre più facile

Infine Control Techniques ha anche creato una nuova risorsa per supportare un processo semplificato di configurazione e di installazione, che aiuterà anche gli utenti privi di esperienza a mettere in funzione i propri azionamenti nel giro di pochi minuti.

Visitando il sito www.drive-setup.com è ora possibile accedere ad una quantità di risorse finalizzate ad assistere gli utenti alle prime armi di Unidrive M101, M200 & M300. Queste includono video, guide passo-passo e contatti per il supporto, tutti nello stesso sito.

Le nuove risorse supportano la filosofia di Control Techniques sui propri azionamenti universali Unidrive M. Gli azionamenti sono progettati specificamente per rendere le configurazioni il più possibile semplici e rapide, anche per utenti privi di conoscenze specialistiche.



Contenuti correlati

  • Edge Global Supply completa l’acquisizione di Technology BSA

    Edge Global Supply ha acquisito Technology BSA SpA (BSA) alla fine di luglio 2017. BSA è distributore di automazione e meccatronica con sede centrale nella Regione Piemonte. Fondata nel 1997 da Fabio e Mauro Biamino, BSA ha...

  • Con la a500Z, Makino potenzia la famiglia di centri di lavoro a 5 assi

    Makino ha annunciato l’ultima novità della sua famiglia di centri di lavoro a 5 assi, la a500Z e lo ha fatto durante la conferenza stampa annuale tenutasi a Kirchheim unter Teck. Secondo quanto riferito dalla società, il nuovo...

  • Commander ID 300: inverter integrato per motori IMfinity di Leroy Somer

    Frutto del know-how nel campo della velocità variabile elettronica e della lunga esperienza di Leroy-Somer nella fabbricazione di motori elettrici, Commander ID300 è un nuovo inverter integrato ottimizzato per il pilotaggio dei motori asincroni IMfinity. Questo sistema...

  • Libertà di movimento per le reti industriali

    I sistemi wireless industriali offrono nuove possibilità in quanto soluzioni versatili ed efficienti nel campo dell’automazione. Con Wireless Lan o Bluetooth, le costose canalette per i cavi vengono sostituite da una moderna tecnologia wireless e le utenze...

  • Dalla UE via libera all’acquisizione di B&R da parte di ABB

    B&R è ora il centro di competenza globale di ABB per quanto riguarda l’automazione di macchina e di fabbrica. Dopo l’approvazione da parte delle autorità garanti della concorrenza dell’Unione Europea, l’acquisizione è divenuta giuridicamente effettiva il 6...

  • L’automazione vola sulla spinta ‘4.0’ – Parte II

    Per il quarto anno consecutivo il comparto Automazione rappresentato in Anie mostra un andamento positivo e gli incentivi del Piano Industria 4.0 fanno ben sperare per il prossimo futuro, così ha riferito Fabrizio Scovenna, presidente Anie Automazione, presentando l’Osservatorio...

  • Universal Robots+ si aggiudica il riconoscimento Best of 2017 assegnato da Industriepries

    La giuria di Industriepries, prestigioso premio assegnato in Germania alle soluzioni industriali innovative in grado di combinare vantaggi economici e tecnologici a benefici sociali e ambientali, ha conferito a Universal Robots+, la piattaforma online che offre accessori...

  • Aventics si aggiudica Vector Horizon Technology

    Vector Horizon Technology (VHtek) è un’azienda statunitense con sede a Bowling Green, Kentucky, che si occupa dell’attività di gestione, progettazione, ricerca, sviluppo, prototipazione di prodotti e applicazioni nell’azionamento elettromeccanico ed elettro-idraulico principalmente per l’uso su medio-grandi motori....

  • I robot “vivono” più a lungo con Lapp

    Otto milioni di cicli (o dieci se tutto procede correttamente) e poi arrivano il primo fermo macchina o interventi di manutenzione per la maggior parte dei robot industriali. Questo succede perché i cavi si usurano quando vengono...

  • Hima nomina Stefan Basenach direttore della nuova divisione “Process”

    Stefan Basenach ha studiato cibernetica all’università di Stoccarda. Successivamente ha lavorato per 24 anni come ingegnere presso l’ABB il gruppo svizzero operante nel campo dell’automazione. Dopo un avvio come ingegnere nel comparto dei sistemi di controllo delle...

Scopri le novità scelte per te x