Nuove barriere fotoelettriche a forcella in esecuzione igienica

La serie InoxSens di wenglor si amplia con una nuova serie di sensori laser conforme alle regolamentazioni FDA e dotata di certificazione Ecolab. Oltre che in ambito farmaceutico e alimentare, i nuovi sensori possono essere impiegati in molti altri settori per operazioni di controllo qualità sui più disparati materiali, anche trasparenti come vetro e plastica.

Pubblicato il 13 settembre 2017

 

Grazie alla custodia realizzata in acciaio inox anticorrosione, alla certificazione Ecolab e alla piena conformità alle normative statunitensi FDA (Food and Drug Administration), i nuovi sensori laser a forcella serie P1HJ00X di Wenglor si dimostrano una soluzione efficace per impieghi in ambienti che richiedono elevati standard di pulizia, come in ambito farmaceutico e alimentare. I sensori dispongono di forcelle di varie dimensioni, da 50 a 200 mm, e sono dotati di un raggio laser collimato che consente di effettuare ispezioni qualitative molto accurate nell’ordine dei micron. 

“La precisione dei nuovi sensori P1HJ00X consente di rilevare oggetti di dimensioni addirittura inferiori ai 40 µm, meno di un capello umano”, sottolinea Elio Bolsi, general manager di wenglor sensoric italiana. “Il raggio laser collimato fa sì che le non conformità possano essere rilevate lungo l’intero sbraccio della forcella e non in un campo di misura limitato, come ad esempio fanno analoghi prodotti presenti sul mercato”.

La serie delle barriere fotoelettriche InoxSens P1HJ00X si compone di sei modelli, caratterizzati da forcelle di tre diverse ampiezze (50, 120 e 220 mm) e da una copertura ottica in vetro o in materiale plastico personalizzabile sulla base delle specifiche necessità applicative. La custodia in acciaio inossidabile con il suo design arrotondato e a perfetta tenuta stagna consente di soddisfare tutti i più severi requisiti igienici. La forma è stata espressamente studiata per consentire a liquidi, detergenti ed eventuali fattori contaminanti di scivolare lungo il corpo del sensore senza lasciare tracce o residui, assicurando nel contempo il massimo grado di protezione (IP69K).

Se l’installazione dei sensori InoxSens P1HJ00X è un’operazione molto semplice, la regolazione lo è ancor di più. La calibrazione avviene infatti mediante procedura touch teach-in, ovvero avvalendosi di un pulsante di taratura integrato nella custodia ermetica.

A livello applicativo, oltre ai settori pharma e food & beverage, possono essere impiegati anche nelle industrie del packaging, della carta e dei vari beni di consumo. La tecnologia dei sensori a forcella può infatti essere convenientemente utilizzata laddove vi siano parti e/o oggetti in rapidissimo movimento sulle linee di produzione che, in maniera continua, necessitano di essere accuratamente ispezionati: bottiglie, flaconi, cannule, siringhe, nastri, confezioni ecc. E non solo. I campi di applicazione sono cosi vasti da includere l’ispezione di fori, tacche, scanalature, incavi di oggetti realizzati nei più disparati materiali, inclusi quelli trasparenti come vetro e plastica.  

Le barriere fotoelettriche a forcella P1HJ00X sono corredate di una serie di accessori, tra cui connessioni e passacavi a tenuta stagna, che ne consentono la perfetta integrazione con la macchina su cui devono essere montate . 

Le principali caratteristiche:

– Corpo in acciaio inox anticorrosione a tenuta stagna, con protezione fino a IP69K

– Raggio laser collimato (Ø 0,6 mm oltre lo sbraccio complessivo della forcella)

– Frequenza di commutazione 10 kHz, precisione di ripetibilità < 5 µm

– Ampiezza della forcella: 50 mm (P1HJ006-7), 120 mm (P1HJ001-4), 220 mm (P1HJ002-5)

– Procedura di configurazione rapida mediante tasto esterno Teach-In

– Copertura ottica: vetro o plastica (PMMA)

– Conforme alle normative FDA (1.4404, vetro, PMMA, silicone)

– Certificazione EcoLab

– Accessori per il cablaggio secondo stardard igienici

– Targhetta identificativa stampata al laser.

 

Le principali caratteristiche:

– Corpo in acciaio inox anticorrosione a tenuta stagna, con protezione fino a IP69K

– Raggio laser collimato (Ø 0,6 mm oltre lo sbraccio complessivo della forcella)

– Frequenza di commutazione 10 kHz, precisione di ripetibilità < 5 µm

– Ampiezza della forcella: 50 mm (P1HJ006-7), 120 mm (P1HJ001-4), 220 mm (P1HJ002-5)

– Procedura di configurazione rapida mediante tasto esterno Teach-In

– Copertura ottica: vetro o plastica (PMMA)

– Conforme alle normative FDA (1.4404, vetro, PMMA, silicone)

– Certificazione EcoLab

– Accessori per il cablaggio secondo stardard igienici

– Targhetta identificativa stampata al laser.



Contenuti correlati

  • Modulo software weQubeVision con funzioni di pattern matching

    Presentato in anteprima mondiale a Interpack di Dusseldorf, il nuovo modulo software weQubeVision amplia ulteriormente le prestazioni dei sistemi di visione di wenglor che, oltre alle funzioni attualmente fornite dai moduli weQubeVision Standard, weQubeDecode e weQubeOCR, ora...

  • I sensori, le sorgenti dell’informazione

    Le tecnologie metrologiche e dei sensori hanno un’importanza fondamentale per realizzare macchine moderne e flessibili, che permettano di mettere in pratica i nuovi modelli di industria. Wenglor Sensoric è un produttore che ha sviluppato molte delle tecnologie...

  • Un sensore compatto e intelligente per il tasteggio

    Wenglor ha reso disponibile un nuovo dispositivo di tasteggio diretto digitale che permette il rilevamento di oggetti in qualsiasi condizione ambientale grazie agli ultrasuoni. Questo nuovo dispositivo di rilevamento si distingue per l’estrema compattezza e per l’intelligenza...

  • Wenglor a Interpack 2017

    Dal 4 al 10 maggio prossimi, parte dello staff della filiale italiana di Wenglor si trasferirà a Dusseldorf per mettere le proprie competenze a disposizione dei visitatori di Interpack, la più importante manifestazione internazionale dedicata a tecnologie,...

  • Sensori reflex a ultrasuoni Wenglor ultra compatti

    Le sue dimensioni non superano quelle di un tasto. Il sensore reflex U1KT001 Wenglor per il tasteggio diretto a ultrasuoni si caratterizza per un ingombro di appena 32 x 16 x 12 mm, ma offre prestazioni competitive,...

  • Flusso, pressione e temperatura per Industria 4.0

    È il 1983 quando Dieter Baur inizia a progettare e realizzare i primi sensori in tecnologia optoelettronica. Oggi Wenglor è presente sul mercato con una vasta gamma di sensori intelligenti, sistemi di sicurezza e di elaborazione delle...

  • Scansione senza software con i lettori stazionari di codici Wenglor

    Miniaturizzazione, prestazioni di lettura notevoli, installazione e configurazione immediate. Sono queste le caratteristiche dei nuovi lettori stazionari di codici 1D/2D delle serie C5KP e C5PC, che Wenglor ha presentato all’ultima SPS IPC Drives di Norimberga. A dispetto...

Scopri le novità scelte per te x