Milano, Fondazione Catella: prova generale per SPS/IPC/Drives Italia

Ben 13 aziende del mondo dell’automazione industriale, partecipanti a SPS/IPC/Drives Italia, insieme ad accademici e utenti (Bmw, Parmalat, TrataPak), si sono riuniti ieri per parlare di “Produzione sostenibile: un imperativo e un’opportunità”

Pubblicato il 20 ottobre 2010
fieraparmalatoconlogo.jpg

“Produzione sostenibile: un imperativo e un’opportunità per l’automazione”: questo il titolo del convegno organizzato a Milano, nella storica cornice della Fondazione Riccardo Catella, da Messe Frankfurt Italia per “dare un segno di ciò che sarà SPS/IPC/Drives a Parma, anticipando uno dei temi di maggior spicco, quello della produzione sostenibile”. Questo il motivo di fondo dell’iniziativa, insieme alla volontà di “saggiare gli umori del mercato” a detta di Donald Wich, amministratore delegato di Messe Frankfurt Italia. Sì, perché quella della sostenibilità sarà una delle tematiche portanti dell’evento tricolore, così come è centrale per l’attuale mondo dell’industria: “Sostenibilità ed efficienza energetica sono oggi parole chiave, tutti ne parlano” ha dichiarato in apertura dei lavori Johann Thoma, managing director di Mesago Messe Frankfurt, la stessa organizzazione che si sta occupando della ‘fiera madre’, cui si ispira il neonato evento italiano, ossia SPS/IPC/Drives di Norimberga (in calendario dal 23 al 25 novembre).

Ha proseguito quindi Thoma: “Oltre che un’opportunità per le aziende, guardare all’efficienza e a produzioni sostenibili costituisce una sfida in cui l’automazione ha una funzione preponderante”. In questo panorama la fiera occupa un ruolo chiave quale luogo d’incontro fra fornitori di automazione e, in genere, di tecnologie in grado di favorire efficienza e sostenibilità, e utenti finali, ossia i produttori di beni e servizi, alla ricerca di soluzioni concrete a problemi reali e sistemi ad hoc, la cui promozione costituisce uno degli obiettivi primari dell’evento parmense. “La fiera si propone nell’attuale contesto come punto di ritrovo per tutti gli attori del mercato, dagli end user alle Università, dai tecnici agli istituti di ricerca” ha concluso Thoma.

Intanto segnali positivi per quanto concerne la ripresa del mercato vengono dai numeri di Norimberga che, con circa 1.300 espositori iscritti, ha quasi raggiunto la cifra record totalizzata nel 2008. “Dopo un 2009 drammatico per l’intero settore, a seguito oltretutto di un 2008 più che brillante, durante il quale i protagonisti dell’automazione avevano vissuto un vero ‘boom’ economico, oggi le imprese cominciano a vedere segni di ripresa, tanto da aver recuperato circa la metà del gap” ha illustrato Giuliano Busetto, presidente di AssoAutomazione. “L’importanza della sostenibilità e dell’efficienza energetica per l’utenza non può che giovare al comparto dell’automazione, in quanto fornitore delle tecnologie e dei sistemi, che consentono il raggiungimento di tali traguardi. Non esistono sostenibilità ed efficienza senza innovazione e l’innovazione viene con l’automazione” ha sottolineato Busetto. E non si deve pensare solo a soluzioni legate al tema del ‘green’: nessun ambito produttivo e sociale è escluso dal discorso sulla sostenibilità: “L’automazione ha un ruolo chiave, per esempio, se si vogliono rispettare i parametri specificati nel ‘Pacchetto clima-energia’ approvato dalla UE per la riduzione delle emissioni di CO2 e lo sviluppo di fonti energetiche alternative. Sono infatti i produttori del comparto a fornire i componenti e i sistemi per la realizzazione di campi eolici o fotovoltaici efficienti. E ancora, si prevede un raddoppio del consumo di energia nel mondo entro il 2030: per poter meglio distribuire questa energia occorrerà sviluppare reti affidabili, come le smart grid. Infine, si parla di diminuire gli sprechi, a partire dall’eccessivo consumo energetico a livello infrastrutturale, dove ancora l’automazione dell’edificio può fare da protagonista” ha esemplificato Busetto.
“Nel mondo” ha infine concluso il presidente “nel 2008 si sono investiti 119 miliardi di dollari per progetti di produzione di energie ‘pulite’, ma solo 1,8 miliardi di dollari per migliorare l’efficienza energetica: manca ancora la ‘cultura dell’efficienza’”, quella che una fiera come SPS/IPC/Drives non mancherà di promuovere.

di Ilaria De Poli

SPS/IPC/Drives Italia: www.sps-italia.net

Messe Frankfurt Italia: www.messefrankfurtitalia.it

Messe Frankfurt: www.messefrankfurt.com



Contenuti correlati

  • sede_fluidmec_2016
    Il gruppo It’s Fluidmec World debutta a Bi-Mu

    It’s Fluidmec World, player nel settore dell’oleodinamica, pneumatica e automazione industriale, farà il suo esordio a Bi-Mu 2016, fiera biennale della macchina utensile, robotica e automazione in agenda dal 4 all’8 ottobre a Fieramilano Rho. Un appuntamento...

  • hima_sankar-ramakrishnan
    Asia-Pacifico e ferroviario: il futuro di Hima

    Nell’esercizio 2015 la società tedesca Hima Paul Hildebrandt ha raggiunto un fatturato di 118,6 milioni di euro (rispetto ai 121,3 milioni di euro dell’anno precedente), affermandosi in un quadro economicamente difficile, caratterizzato da una sensibile caduta dei prezzi...

  • siemens-smart
    Smart working ovvero l’uomo al centro

    Cerimonia tutta tecnologica quella di Siemens che ha annunciato il nuovo quartier generale italiano a Milano, pronto entro il 2018. Simbolo di innovazione e sostenibilità, il progetto si svilupperà su un’area di 86.000 mq e accoglierà 1.700...

  • 2016_09_13_posa-prima-pietra_52
    Siemens avrà un nuovo quartier generale in Italia

    Oggi a Milano si è tenuta la cerimonia che prelude alla realizzazione del nuovo quartier generale di Siemens Italia, che sarà pronto entro il 2018. La futura struttura è pensata come simbolo di innovazione ed eco-sostenibilità, il...

  • orion_advance
    Efficienza e sicurezza garantite nel packaging

    L’ultimo nato in casa Ocme è il pallettizzatore Orion Advance, macchina in cui la totalità delle movimentazioni è stata ottenuta mediante servo motori con architettura distribuita basata sulla tecnologia AcoposMulti e AcoposMotor di B&R. Orion Advance è un pallettizzatore...

  • retail-intelligence-effects-digitalization1
    Arriva una nuova era digitale con Lectra

    Lectra, leader mondiale di soluzioni tecnologiche integrate destinate a settori che utilizzano tessuti, pelle, tessili tecnici e materiali compositi, ha firmato un memorandum d’intesa con l’azienda Kuka, brand cinese attivo nel campo dell’arredamento imbottito. Li Donglai, Presidente Kuka, ed...

  • panorama
    La cyber-security nell’era dell’Industrial Internet

    I criteri di protezione del mondo OT possono essere differenti da quelli dell’IT: per fare in modo che Industria 4.0 e Industrial Internet possano dare i benefici auspicati, è necessario iniziare a pensare a una ‘Security by...

  • Athlonix 17DCT.jpg_ico500
    Da Portescap un minimotore CC a spazzole

    Portescap espande la gamma di motori a c.c. a spazzole Athlonix DCT con il minimotore a c.c. a spazzole 17DCT. Il motore 17DCT è caratterizzato dal provato design senza nucleo ad efficienza energetica di Portescap con una...

  • rockwell_FactoryTalk_AssetCentre
    FactoryTalk AssetCentre di Rockwell per la gestione del ciclo di vita degli asset

    Grazie alle tecnologie di rete, le aziende industriali hanno oggi la possibilità di acquisire informazioni approfondite in merito alle loro attività. Ora possono contare anche su uno strumento unico per la gestione degli asset di automazione: il...

  • AMB_16_PM14_ARENA2036_Uni_Stuttgart
    AMB 2016: l’avanzata dei robot, intervista con il Prof. Bauernhansl

    I robot conquistano i capannoni delle fabbriche integrandosi nelle macchine utensili mentre i dispositivi automatici diventano moduli plug and play. La crescita del networking e dei platform bindings porta ad architetture di controllo completamente nuove. In sostanza:...

Scopri le novità scelte per te x