Manager italiani rimandati a settembre!

I risultati del secondo survey condotto da Staufen Italia sul tema dell’Industria 4.0 parlano chiaro: l’ostacolo più grande per la realizzazione della Smart Factory in Italia è rappresentato dai dirigenti

Pubblicato il 19 maggio 2017

Staufen Italia, società di consulenza attiva a livello mondiale nel lean management, e partner dell’Osservatorio Smart Manufacturing 2016/2017 del Politecnico di Milano, ha condotto per la seconda volta un’importante ricerca sul tema dell’Industria 4.0 in Italia: dopo aver realizzato un primo esperimento nel 2015, agli albori della nascente discussione sul tema della fabbrica intelligente in Europa, con un survey rivolto a circa 200 aziende italiane, Staufen propone oggi i risultati della seconda indagine condotta tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017: sono 129 le aziende che hanno risposto a un questionario volto a inquadrare la situazione della nostra industria rispetto al tema della digitalizzazione e della smart factory.

A che punto è realmente il nostro Paese? Che cosa è cambiato, e in che direzione, rispetto al 2015? Quali sono le prospettive per i prossimi anni?

“Sempre più aziende, in Italia come in Germania, interpretano l’Industria 4.0 come un semplice aggiornamento tecnologico dei propri capannoni industriali” commenta Giancarlo Oriani, amministratore delegato di Staufen Italia. “Come sottolineano i risultati del 2017, la chiave della vera trasformazione digitale sta, in realtà, nella testa dei dipendenti, inclusa la dirigenza”.
Un’affermazione importante, che fotografa il quadro italiano con chiarezza: la maggior parte delle nostre aziende, seppur nel dettaglio dimostri un interesse crescente rispetto al 2015 e, di fatto, un tentativo di implementazione degli strumenti per la realizzazione della Smart Factory, è poco propensa a intraprendere il cambiamento culturale necessario per la trasformazione. Se da un lato è vero che il 39% delle aziende sta lavorando concretamente sul tema della digitalizzazione (si parla del doppio rispetto al 2015), è altrettanto vero però che il 23% non si è mai occupato di Industria 4.0. Proprio nell’impresa media manca spesso un approccio strategico sul tema della fabbrica intelligente: da un lato perché la spinta all’innovazione, alla ricerca di nuovi possibili modelli di business, risulta molto debole; e dall’altro perché si fatica a comprendere che per la trasformazione digitale è necessario, prima di tutto, un cambiamento culturale in azienda, una rivoluzione del paradigma interno che, attualmente, spaventa moltissimo i manager. I nostri dirigenti, in sostanza, sono poco propensi a un cambiamento che nasca dall’interno.

“C’è una forte mancanza di competenza manageriale” aggiunge Fabio Salomone, direttore generale di Staufen Italia. “La scarsa preparazione dei dirigenti e dei dipendenti rappresenta, per le aziende, un ostacolo reale all’introduzione del 4.0. Resiste una tendenza molto diffusa a giudicare all’esterno, senza mettersi in gioco dall’interno. Si è molto parlato negli ultimi due anni di Industria 4.0, anche solo perché era di moda: ma per mettere in pratica una vera trasformazione digitale non occorre soltanto migliorare le tecnologie o il prodotto: occorre piuttosto implementare una visione strategica, approfondire, prepararsi. E, soprattutto, comprendere che il Lean può essere il prerequisito per il raggiungimento della Smart Factory”.

Insomma, la mancanza di competenza rischia di frenare lo sviluppo. Non è un caso che il 90% degli intervistati veda nel management un problema centrale rispetto al raggiungimento della trasformazione e che la stessa percentuale identifichi l’applicazione della lean enterprise come una base solida per attuare il cambiamento (in percentuale notevolmente maggiore rispetto al 2015).

Lean management e Industria 4.0, in ultima analisi, si completano?



Contenuti correlati

  • In Friuli Venezia Giulia e Veneto l’IT a +14%

    Cresce a doppia cifra Nordest Servizi. La società di Udine ha chiuso il 2017 con un incremento superiore al 14% dei volumi rispetto all’anno precedente. Una crescita che rafforza il cammino della società di Udine e che,...

  • Ad A&T – Automation & Testing, l’approccio di Comau allo Smart Manufacturing e alla Fabbrica 4.0

    Comau ha portato a A&T – Automation & Testing, fiera dedicata a robotica, automazione e metrologia in programma al Lingotto Fiere di Torino, alcune tra le soluzioni tecnologiche più innovative per lo smart manufacturing, sviluppate per rispondere...

  • Universal Robots ad A&T – Automation&Testing

    Dal 18 al 20 aprile presso l’Oval Lingotto Fiere di Torino andrà in scena l’edizione 2018 di A&T – Automation&Testing la fiera dedicata a Industria 4.0, misure e prove, robotica, tecnologie innovative. Universal Robots sarà presente con...

  • Phoenix Contact sceglie CodeMeter di Wibu-Systems per la gestione licenze di PC Worx Engineer

    Phoenix Contact, leader di mercato a livello internazionale e pioniere nei campi dell’ingegneria elettrica, dell’elettronica e dell’automazione, e Wibu-Systems, leader mondiale nella gestione sicura del ciclo di vita delle licenze per ambienti aziendali e industriali, annunciano l’integrazione delle loro tecnologie di punta...

  • Uno switch multi-protocollo a singolo chip per la Smart Factory

    Analog Devices ha introdotto un chip switch REM (Real-time Ethernet Multi-protocol), facente parte di una nuova generazione di soluzioni di connettività ethernet deterministico ad alte prestazioni, destinate alle applicazioni di automazione connessa e alle fabbriche intelligenti. Fido5000,...

  • IIoT, configuratore Rittal per Edge Data Center

    L’Internet of Things sta prendendo rapidamente forma ed è evidente che le aziende stiano adattando le proprie infrastrutture IT. Gli Edge data center stanno fornendo un aiuto nell’elaborazione di grandi quantità di dati coinvolti nel processo di...

  • Il petrolio del futuro? Sono i dati

    È toccato a Franco Andrighetti, fondatore e amministratore delegato di EFA Automazione, azienda attiva nel settore dell’automazione industriale con focus specifico sulle soluzioni di connettività e comunicazione per l’integrazione di sistemi, portare tutta la propria esperienza e...

  • Il processo sopratutto: allo stand di Endress+Hauser a SPS Italia 2018

    In occasione di SPS Italia 2018 i visitatori potranno scoprire come Endress+Hauser può supportarli nell’implementazione dell’Industry 4.0. Sensori intelligenti, soluzioni e servizi e relative applicazioni concrete dimostreranno che l’azienda è “Industry 4.0 ready”. Oltre alla digitalizzazione, saranno di...

  • A SAVE Milano le esperienze dei top player delle tecnologie industriali

    Il mondo dell’industria sta cambiando, anche grazie alle novità di Industria 4.0 – oggetto tra l’altro di agevolazioni finanziarie importanti. Industria 4.0 sta risultando una delle principali leve strategiche per l’innovazione e la competitività del sistema manifatturiero,...

  • Facile integrazione dati di PLC Modbus con IoT e Cloud

    Il nuovo dataFEED uaGate MB di Softing è un gateway per la comunicazione tra PLC Modbus in reti di automazione industriale e applicazioni IT. Il prodotto permette di accedere ai dati relativi a processi e macchine tramite...

Scopri le novità scelte per te x