Macchinari industriali usati: arriva l’e-commerce anche in Italia

E-commerce per il B2B: arriva in italia TradeMachines.it la più grande start-up per la compravendita online di macchinari industriali usati

Pubblicato il 12 maggio 2017

Dall’intuizione di Heico Koch, ingegnere meccanico con anni di esperienza nell’e-commerce, è nata quattro anni fa (nel 2013) a Berlino TradeMachines, che in appena tre anni ha conquistato il mercato online dell’usato industriale mettendo in vendita il 40% dei macchinari in Europa e il 10% di quelli in tutto il mondo. Ora è pronta a conquistare anche il mercato italiano.

TradeMachines è la più grande piattaforma B2B per l’e-commerce di macchinari industriali e agricoli usati, presente oggi in 92 Paesi nel mondo: “Da un lato ci interessa la vocazione agricola e manifatturiera del Paese, dove sono presenti veri e propri distretti industriali e sistemi di produzione agricola e alimentare che ne fanno il target ideale per la nostra offerta” spiega Heico Koch, CEO di TradeMachines. “Dall’altro vogliamo cogliere il potenziale di sviluppo dell’e-commerce, che in Italia ha registrato crescite a doppia cifra negli ultimi due anni”. Secondo Netcomm e Human Highway, infatti, sono quasi 16 milioni gli italiani che acquistano abitualmente online, circa il 20% del totale: una cifra lontana da quella di altri paesi europei (in Spagna per esempio è il 31%, in Svezia il 69%), ma in costante salita. L’e-commerce tricolore infatti ha registrato, nel 2016, un giro d’affari di 25,5 miliardi di euro, segnando un trend del +20%.

Il mercato dei macchinari industriali usati, la cui aspettativa globale di crescita al 2019 è intorno a 1,2 trilioni di euro, fino a poco tempo fa era caratterizzato da una frammentazione dei canali di vendita che rendeva difficile mettere in contatto domanda e offerta, ostacolando le transazioni sulla lunga distanza. A cogliere questa mancanza è stato proprio Koch, la cui start-up Trademachines.com si pone l’obiettivo di diventare il punto di riferimento globale, trasparente e vantaggioso, per il mercato B2B dei macchinari usati. “Avendo contratti con i principali fornitori di macchine vendute all’asta in tutto il mondo” prosegue Koch “TradeMachines trova in tempo reale le macchine industriali messe in vendita attraverso aste giudiziarie/industriali o in modo diretto nei cinque continenti. In questo modo i consumatori non solo possono comparare i prezzi, ma anche avere accesso a un’offerta molto più ampia”. L’iscrizione alla piattaforma è completamente gratuita, sia per il venditore che per l’acquirente. TradeMachines, infatti, non riceve percentuali per le transazioni, poiché genera reddito reindirizzando i potenziali acquirenti ai siti web dei venditori, secondo il modello di business definito costo per clic (CPC).

Oltre a vendere macchine per il settore agricolo, TradeMachines copre anche i settori dell’edilizia, della lavorazione dei metalli e del legno e dell’industria agroalimentare, oltre che la compravendita di strumenti e macchinari più piccoli, come seghe per il legno, per il metallo e falciatrici. “TradeMachines si posiziona oggi come modello di quella che viene definita seconda digitalizzazione del mercato: quella in ambiente B2B e non più solo B2C” continua il CEO.

L’idea di Koch, al cui fianco c’è Philipp Kloeckner, uno dei principali esperti di SEO in Germania e in Europa, si è rivelata vincente: in soli tre anni TradeMachines ha superato il milione di macchine in inventario, permettendo ai 500 mila visitatori mensili di accedere in modo trasparente e vantaggioso all’offerta globale di questo tipo di prodotto. Dopo aver registrato nel biennio 2014/2016 una crescita nel volume delle vendite del 40% e un aumento nell’ultimo semestre del 10% del traffico di visitatori sul sito TradeMachines, già attiva nel mondo con 58 piattaforme locali, è pronta ad affrontare il mercato italiano per posizionarsi anche in questo caso come leader per qualità e affidabilità.



Contenuti correlati

  • Torna Worth Partnership Project: 150 progetti in 4 anni per 450 imprese tra PMI e start-up

    Dopo il successo del Progetto Pilota che ha coinvolto complessivamente 79 piccole e medie imprese (PMI) e 34 partnership tra imprese europee, torna Worth Partnership Project con nuove prospettive Durerà 4 anni e dovrà supportare 150 progetti...

  • Impact Growth: parte la seconda ‘open call’ che offre alle start-up fino a 250 mila euro

    Dopo il successo della prima ‘Open Call’, che ha raccolto oltre 1.900 candidature da oltre 60 paesi, l’acceleratore europeo Impact ha avviato una seconda Open Call. Impact Graowth è il programma promosso dalla Commissione Europea che stanzia 3,6 milioni...

  • Roboze è tra le 500 start-up tecnologiche più innovative del mondo

    Hello Tomorrow è un’organizzazione no-profit con sede a Parigi che mira ad accelerare il trasferimento tecnologico connettendo le più innovative e promettenti start-up con investitori e industriali provenienti da tutto il mondo. Ogni anno si tiene una...

  • Weerg.com offre anche materiali plastici

    Weerg.com, e-commerce che offre lavorazioni CNC online con preventivazione gratuita in tempo reale, arricchisce l’offerta di materiali per la realizzazione di parti e componenti aggiungendo la plastica alla gamma di metalli (alluminio, ottone, rame e bronzo). Dopo...

  • La meccanica si evolve: video intervista a Matteo Rigamonti di Weerg

    In occasione del’edizione 2017 di MecSpe a Parma, l’evento organizzato da Senaf che si propone come concreto punto di incontro per la ‘Fabbrica Digitale 4.0’, Automazione Oggi ha intervistato Matteo Rigamonti, fondatore di Weerg, il primo e-commerce che offre...

  • Impact Growth, un programma europeo a sostegno delle start up innovative

    L’acceleratore europeo Impact annuncia l’avvio di Impact Growth, il nuovo programma promosso dalla Commissione Europea che stanzia €3,6 milioni al fine di identificare 4 “super” startup capaci di scalare nel vecchio continente. La prima Open Call del...

  • Lavorazioni CNC online anche in bronzo e rame

    Weerg.it, l’e-commerce che offre lavorazioni CNC online con preventivazione gratuita in tempo reale, introduce il rame e il bronzo nella selezione di metalli disponibili. Questi ultimi si aggiungono ad alluminio e ottone, arricchendo ulteriormente la gamma di...

  • Progetto eHealth Hub: c’è tempo fino al 28 febbraio

    APRE rende noto che 12 start up o SME (Piccole Medie Imprese) innovative, operanti nel settore della salute digitale, avranno la possibilità di presentare la loro idea innovativa in un contesto internazionale di operatori del settore. Il format...

  • Le start-up emiliane si aggiudicano i Premi Marzotto e PNI

    Sono quattro le start-up emiliano-romagnole incubate da Aster, il consorzio regionale per l’innovazione e la ricerca industriale, che hanno ricevuto importanti riconoscimenti al prestigioso Premio Marzotto, organizzato dall’associazione Progetto Marzotto, e al PNI – Premio Nazionale per...

  • Start-up: una su 100 ce la fa…

    Solo l’1% delle idee d’impresa innovative riesce ad arrivare a un primo finanziamento per avviare l’attività. È quanto è emerso al convegno ‘Capitali Coraggiosi’ promosso a Bologna da IAG (Italian Angels for Growth), il principale network di...

Scopri le novità scelte per te x