L’UE promuove il progetto Sherpa dell’Università di Bologna

Pubblicato il 10 marzo 2017

Un grande apprezzamento, soprattutto per l’integrazione tra tecnologie e competenze scientifiche: questo il responso del Final Review Meeting del progetto Sherpa (Smart collaboration between Humans and ground-aErial Robots for imProving rescuing activities in Alpine environments), che si è svolto a Davos (Svizzera) il 2 e 3 marzo.

Sherpa è un sistema a servizio dei soccorritori basato sull’uso di droni, robot, aereomodelli ad ala fissa: il suo obiettivo è raggiungere luoghi oggetto di slavine in pochi minuti e localizzare i dispersi travolti dalla neve. Un’innovazione tecnologica con alte finalità sociali, visto l’incremento di incidenti in alta quota dovuti all’improvviso distacco di slavine. Secondo i dati del Cai (Club Alpino Italiano), infatti, si è passati dai 1.300 del 1955 ai circa 8 mila del 2014.

Veloce ed efficace nell’individuazione dei dispersi, Sherpa salvaguarda anche gli stessi soccorritori, grazie all’uso di robot nominati come animali: “falchi” (aeromodelli), “asini intelligenti” (rover) e “vespe” (droni). Elementi che compongono il progetto Sherpa, ideato da giovanissimi ricercatori europei (età media 28 anni) guidati dal DEI (Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione) dell’Università di Bologna.

La valutazione positiva nasce dal riconoscimento di aver coinvolto un ampio spettro professionalità (da chi si occupa di intelligenza artificiale a ingegneri dell’automazione e ai soccorritori del Cai) e dall’ideazione di una tecnologia estremamente innovativa (frutto appunto di diverse professionalità) nella modalità di interazione tra uomo e macchina.

Il progetto ha trovato anche la collaborazione e l’interesse del Soccorso Alpino del Cai e dei Carabinieri. In particolare, la legione Carabinieri Trentino Alto Adige ha invitato il professor Marconi, coordinatore del progetto, a eseguire una dimostrazione della tecnologia Sherpa il 16 marzo, nel corso di una giornata di addestramento dei Carabinieri sciatori che si svolgerà nel Comprensorio sciistico “Ski Center Latemar” (Obereggen, BZ): con l’occasione sarà donato all’Arma dei Carabinieri un drone Wasp.



Contenuti correlati

  • I robot non fanno paura: cinque competenze indispensabili per il lavoro del futuro

    Viviamo in un momento di monumentale trasformazione del sistema del lavoro, che vede l’emergere di capacità totalmente nuove per persone e macchine e che viene definito Quarta Rivoluzione Industriale per l’impatto che eserciterà su ogni settore. Gli...

  • Droni al servizio della sicurezza in Ford

    L’innovazione al servizio della sicurezza: è quello che sta accadendo sulle linee di produzione dell’Engine Plant di Dagenham, in Regno Unito. I dipendenti Ford coinvolti nel progetto che si occupano della manutenzione degli stabilimenti, stanno utilizzando droni con telecamere integrate per ispezionare, in modo sicuro ed efficiente, le attrezzature complesse o le...

  • Benvenuti nella nuova sede di KUKA a Grugliasco (Torino)

    Ampi spazi, un ingresso arioso, luminoso e in campo aperto: è il primo approccio del visitatore con la nuova sede che KUKA, dopo 35 anni di successi e costante espansione, ha inaugurato a fine giugno a Grugliasco,...

  • Il robot esce dalla fabbrica… e va al bar

    La novità di quest’estate per la movida torinese è decisamente high-tech: ai Murazzi ha infatti aperto “RoboTO. Un club estivo sull’innovazione”, uno spazio a tema che esplora il nostro futuro tecnologico, in una galleria di prototipi robotici made in...

  • Tecnologia e apporto umano rendono l’agricoltura più competitiva

    Lo sviluppo di nuovi mercati e la rivoluzione digitale offrono importanti possibilità di crescita alle aziende vitivinicole e notevoli opportunità di lavoro per i giovani nel settore primario. Capacità di lavorare in squadra per aggredire i nuovi...

  • Robot di servizio fra fabbisogno energetico e batterie

    Da quando, durante gli anni ’60, vennero diffusi i robot industriali a sei assi, si sono verificati notevoli cambiamenti sia nella tecnologia di fabbricazione dei robot, sia nel modo in cui li utilizziamo. Quel settore che una volta...

  • Droni d’aria, di terra e di… mare!

    Droni per il controllo delle acque e per il monitoraggio delle strutture subacquee, sistemi robotici per l’esplorazione delle profondità marine e delle aree archeologiche sommerse e anche imbarcazioni senza equipaggio per il soccorso in mare o il...

  • Le tre ragioni per cui i robot collaborativi sono ottimi colleghi

    Una delle più discusse conseguenze dell’Industria 4.0 è l’idea che l’automazione avanzerà necessariamente a discapito degli impiegati, che saranno semplicemente sostituiti da controparti robotiche instancabili e più efficienti. Questo non è però il caso dei (AMR) come...

  • T6 completa la gamma di robot SCARA di Epson

    Epson arricchisce con un nuovo modello la sua gamma di robot di produzione entry-level particolarmente compatti e versatili. Il nuovo arrivato, SCARA T6, è perfetto per la manipolazione automatica dei materiali, è dotato di controller integrato ed...

  • Imts 2018: fra cobot, IIoT, intelligenza artificiale e molto altro…

    IMTS 2018 (International Manufacturing Technology Show) , evento che si terrà a Chicago dal 10 al 15 settembre, avvicinerà le persone e l’automazione, con mostre che mettono in risalto i benefici dei robot collaborativi o semplicemente cobot. “Gli enormi...

Scopri le novità scelte per te x