L’evoluzione dell’industria della difesa

Il report “Aerospace and Defense Top Management Issues Radar” firmato da Roland Berger: il 92% degli intervistati prevede un aumento significativo del budget per la difesa in Europa.

Pubblicato il 24 ottobre 2017

I conflitti irrisolti, le nuove minacce alla sicurezza e le richieste di una maggiore spesa militare sembrano mettere sotto pressione la politica di difesa dell’Europa. Di fronte a tale turbolenza geopolitica, più del 90% dei fornitori del settore si aspetta un aumento del budget destinato alla sicurezza da parte dei paesi UE. È questo uno dei principali risultati dell’ultimo “Aerospace and Defense (A&D) Management Issue Radar” firmato da Roland Berger. Nello studio sono stati intervistati 220 dirigenti del settore aerospaziale e della difesa a livello internazionale. Di questi più di un terzo (36%) si aspetta che la spesa per la difesa aumenti dal 2 al 5% nei prossimi due anni. Motivo: l’escalation della tensione tra Est e Ovest e il progressivo aumento dei nazionalismi in diversi Stati. “Non vi è un unico fattore alla base dell’ottimismo che si respira nel settore della difesa. È piuttosto un insieme di molteplici elementi convergenti a creare le condizioni per una prospettiva di crescita stabile” il commento di Paolo Massardi, partner di Roland Berger A&D Italia.

Il paradosso della preparazione

Quasi due terzi degli intervistati (63%) dicono di sentirsi comunque preparati per affrontare situazioni di emergenza derivanti da eventuali crisi geopolitiche semmai dovessero verificarsi. Lo stesso campione è paradossalmente molto meno ottimista circa le sfide da affrontare all’interno delle proprie aziende. Il 56% dei dirigenti interpellati da Roland Berger in particolare si dice preoccupato circa l’efficacia di piani d’innovazione da avviare/avviati internamente (in house) e la capacità reale di sviluppo di tecnologie produttive all’avanguardia.

“Negli ultimi anni ha prevalso la necessità di produrre volumi contrattualizzati e rendere sempre più efficienti i processi manifatturieri” commenta Massardi. “Oggi chi saprà dotarsi di assetti leggeri ed agili, anche sfruttando il potenziale della trasformazione digitale, avrà un’ottima posizione anche per reagire a shock esterni di mercato”.

Trasformazione digitale

Tuttavia, le aziende stanno sempre più riconoscendo le potenzialità generate dai nuovi processi di digitalizzazione: quasi tre quarti (70%) dei manager intervistati concordano sul fatto che la trasformazione digitale creerà nuovi modelli di business, prodotti e servizi. L’anno scorso tale percentuale non superava il 49%. Ora, nonostante le preoccupazioni espresse, il 69% del campione sta lavorando per l’implementazione di programmi volti ad accelerare tale processo. E i cyber-attacks sempre più all’ordine del giorno? Preoccupano sì, ma non possono rappresentare un freno: il 76% dei dirigenti ritiene infatti che la tendenza verso una maggiore digitalizzazione sia irreversibile nonostante i problemi legati alla sicurezza online o offline. “L’incremento esponenziale della connettività è inarrestabile. Sia nell’ambito manifatturiero con processi produttivi di stile ‘fabbrica del futuro a luci spente e con tutto monitorato costantemente’, sia tra prodotti/tecnologie fra loro, sia fra prodotti ed utilizzatori” specifica Massardi. “Proprio per questa ragione è ancora più importante garantire la sicurezza delle informazioni trasmesse, dei database e delle persone connesse. La cyber-security diventa sempre più importante per abilitare la digitalizzazione lungo la catena del valore. L’attenta valutazione delle esigenze specifiche, preventiva e non reattiva, è una raccomandazione che ci sentiamo di dare a tutti”.



Contenuti correlati

  • Industria 4.0: aziende pronte all’innovazione se supportate da esperti

    I responsabili della produzione delle aziende che operano in Italia sono ottimisti riguardo le tecnologie dell’industria 4.0, con il 90% degli intervistati che si aspetta una diminuzione dei costi tramite l’utilizzo di macchinari d’ultima generazione. Tuttavia, la...

  • La sicurezza dei dispositivi IoT richiede un approccio olistico

    Nonostante il generale accordo sul fatto che il futuro dell’IT enterprise sarà basato sul multicloud e sul cloud ibrido – secondo Gartner “entro il 2020 il 75% delle organizzazioni avrà adottato un modello multicloud o cloud ibrido...

  • Legno: 2018 positivo che invita a sciogliere i nodi del futuro

    Anche quest’anno Acimall (Associazione confindustriale dei costruttori italiani macchine ed accessori per la lavorazione del legno) si sente di dire che “… il barometro per le macchine e gli impianti per la lavorazione del legno e l’industria del mobile continua...

  • Il futuro della stampa 3D secondo Roland Berger

    Le tecniche di metal 3D printing potrebbero essere «the next big thing» dell’industria manifatturiera. A dirlo è Roland Berger nello studio «Advancements in metal 3D printing – Beyond powder bed – Additive manufacturing on the brink of...

  • Il valore della prevenzione

    Il ‘Predictive Maintenance Radar’, realizzato dalla società di consulenza strategica Roland Berger e ideato ad hoc per il mondo dell’industria, permette di azzerare (o quasi) gli imprevisti e creare nuove fonti di reddito Leggi l’articolo

  • Le nuove sfide della cybersecurity

    È stata presentata a Milano la nuova edizione della EY Global Information Security Survey 2018-19 (GISS), il rapporto che fotografa annualmente le tendenze in atto nel settore della cybersecurity a livello nazionale e globale. L’indagine, basata su...

  • L’Osservatorio Mecspe sulle PMI italiane

    Quanto sono innovative le PMI del manifatturiero italiano? L’Osservatorio Mecspe, presentato da Senaf in occasione del nuovo tour dei “Laboratori Mecspe fabbrica digitale, la via italiana per l’Industria 4.0”, fa un bilancio sul il primo semestre del...

  • Studio di SAP su ‘La realtà dell’intelligenza artificiale’ nelle aziende italiane

    Il 77% dei CEO italiani ritiene l’Intelligenza Artificiale un fattore importante o molto importante per lo sviluppo per business, ma secondo il 51,2% all’interno della propria azienda non c’è ancora chiarezza su cosa l’IA sia concretamente. Questo il risultato...

  • Fashion industry: i suggerimenti di Roland Berger per una supply chain efficiente

    Ridurre il time-to-market. Quasi metà delle industrie del lusso e del fashion a livello mondiale sta cercando il modo per accorciare i tempi di produzione e distribuzione delle proprie collezioni. Obiettivo: competere con i fast-fashion retailer e adattarsi ai...

  • Le medie imprese dopo venti anni di successi le imprese ora devono vincere le sfide del digitale 4.0 e della governance

    Dall’indagine annuale condotta da Mediobanca e Unioncamere è emerso che nell’ultimo ventennio le medie imprese familiari hanno rafforzato il proprio peso nella manifattura italiana: il loro valore aggiunto è cresciuto dal 12% al 18%, il fatturato dal 14,5% al...

Scopri le novità scelte per te x