Lettore di codici a camera Lector63x di Sick

Pubblicato il 14 gennaio 2016

Ultimo nato nella famiglia di lettori di codici a camera di Sick, Lector63x offre una risoluzione delle immagini di 2 Megapixel, una custodia compatta e una scelta flessibile delle ottiche. Il lettore è adatto alla lettura di codici piccoli anche da grandi distanze e possiede elevate velocità di elaborazione.

Il design di Lector63x permette un’estrema flessibilità nella scelta delle ottiche. È infatti possibile montare sia ottiche passo-S, più piccole, economiche e semplici da mettere a fuoco, sia ottiche passo-C, più sofisticate e performanti. A ciascuna ottica compatta si associa un illuminatore a LED integrato, da scegliere in base alla lunghezza focale dell’ottica stessa per la massima copertura del campo visivo. Questi illuminatori circolari sono molto semplici da montare in quanto non necessitano di cablaggio aggiuntivo e sono dotati anche di un alloggiamento per l’inserimento di eventuali filtri. Le ottiche sono protette da appositi coperchi che garantiscono il grado di protezione IP 67.

La serie Lector di Sick è nota per la sua interfaccia intuitiva: Lector63x non fa eccezione, offrendo una gamma completa di funzionalità per messa in opera e manutenzione. Tasti funzione, LED e puntatore laser permettono una rapida installazione, mentre l’intuitiva interfaccia utente possiede una funzione di impostazione rapida. Lector63x è progettato per adattarsi al concetto 4Dpro di Sick, una particolare tecnologia che garantisce totale integrazione nelle reti industriali e compatibilità con le altre tecnologie di identificazione Sick.

Una volta installato e reso operativo, il lettore restituisce un feedback immediato di lettura sia tramite un’indicazione visiva sia tramite segnali acustici. Le immagini e i dati letti possono essere visualizzati nel pannello Sensor Integration Unit (SIU), che consente anche di verificare gli andamenti, effettuare analisi e supervisionare il lavoro quotidiano. La scheda MicroSD integrata semplifica la clonazione del dispositivo e ne riduce i tempi di sostituzione.

Lector63x rappresenta dunque una soluzione per la lettura dei codici molto vantaggiosa per una vasta gamma di applicazioni, quali i sistemi di smistamento di pacchi, sia manuali che automatizzati CEP o al dettaglio, la serializzazione e l’aggregazione di fine linea per lo smistamento di generi alimentari e farmaceutici, e persino per applicazioni di identificazione che necessitano di grandi distanze di lettura, per esempio nella tracciabilità in campo automotive, oppure di alta risoluzione, come nel mercato dell’elettronica e del solare.



Contenuti correlati

  • Ottenere di più con i sistemi embedded

    Grazie a questa partnership, i clienti Sick possono creare una soluzione ancora più efficiente e ritagliata sulle proprie esigenze. L’ampia gamma di funzioni offerte da VisualApplets e l’approccio alla programmazione di Fpgatramite diagrammi di flusso dei dati...

  • Nuova serie InspectorP di telecamere 2D programmabili da Sick

    La nuova serie di telecamere programmabili InspectorP di Sick rappresenta la soluzione ideale per elaborazioni complesse di immagini. Rilevazione ottica, illuminazione, analisi e interfacciamento: tutto è integrato di serie e personalizzabile. La libreria di elaborazione immagini Halcon,...

  • Spazzolplastica, l’avvolgimento del filo per la saldatura è Made in Italy

    Il Made in Italy si è affermato nel mondo sia per le produzioni italiane nel settore automobilistico o della moda sia grazie alle aziende che operano nel settore delle attrezzature industriali. È il caso della Spazzolplastica, azienda nata...

  • Sensori interamente programmabili con Sick AppSpace

    Con i suoi sensori programmabili e le soluzioni versatili che combinano software e hardware, Sick compie un passo significativo in direzione di Industry 4.0 e del networking della catena del valore industriale. Valutazioni binarie, come ‘sì o...

  • La tecnologia One-Cable di Sick al servizio della progettazione

    Rilancio delle imprese italiane, Industry 4.0 e smart factory: niente di tutto questo è possibile senza un chiaro progetto di automazione, sia che riguardi una singola macchina sia che coinvolga l’intera linea di produzione. Oggi più che...

  • Identificazione e tracciabilità nell’era dell’IoT: unconventional, smart e wireless

    Rfid, NFC e BLE intervengono a monte della filiera del dato, acquisendolo con peculiarità tecniche e prestazionali uniche e adattandosi al contesto dell’IoT, divenendo così la scintilla per l’interconnessione di persone, oggetti, servizi e processo Leggi l’articolo

  • Flussimetro Sick con tecnologia a ultrasuoni

    Sick applica i vantaggi della misurazione a ultrasuoni nel rilevamento della portata dei liquidi con Dosic, il nuovo flussimetro a profilo igienico capace di misurare sia fluidi conduttivi che non conduttivi. Grazie alla custodia inox con certificazioni...

  • Il collegamento digitale al futuro

    Dopo aver inventato la soluzione a cavo singolo nella tecnologia servodrive e rispettiva interfaccia, Sick, esperta in sistemi motor feedback, ha deciso di potenziare Hiperface DSL e, con l’apertura dell’interfaccia, offre soluzioni Industry 4.0 oriented ottimali per...

  • SPS Italia 2017 – Intervista a Giovanni Gatto di Sick

    Giovanni Gatto, managing director di Sick, a SPS Italia 2017 di Parma parla ad Automazione Oggi di service, consulenza e sicurezza.

  • Tecnologie abilitanti pronte per l’Industria 4.0

    In un recente convegno Festo, Sick e Sew-Eurodrive hanno esaminato gli scenari italiani della quarta rivoluzione industriale e hanno offerto esempi e risultati delle esperienze in atto. Una interessante panoramica delle tecnologie abilitanti già disponibili: dalle reti...

Scopri le novità scelte per te x