Jobs Act e il patto di prova

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 17 ottobre 2017

Nel predisporre i contratti di assunzione di nuovi lavoratori spesso accade che le aziende facciano ricorso all’istituto giuridico del ‘patto di prova’. Il patto di prova consiste in una clausola contrattuale, disciplinata dall’art. 2096 del codice civile, che condiziona l’assunzione vera e propria del dipendente al superamento di un certo periodo di prova, la cui durata è prevista dal contratto stesso…

Leggi l’articolo



Contenuti correlati

  • Lo sciopero nei servizi pubblici essenziali

    Le agitazioni sindacali all’interno di un’azienda costituiscono sempre un momento delicato nell’esercizio della normale attività della stessa. Lo sciopero è espressamente annoverato allo status di diritto del lavoratore dall’art. 40 della Costituzione italiana. Leggi l’articolo

  • Il diritto del datore di lavoro di recedere dal patto di non concorrenza

    La disciplina dei patti di non concorrenza è regolamentata dal codice civile che all’art. 2125 c.c. definisce il patto di non concorrenza come quello con il quale viene limitato lo svolgimento dell’attività del lavoratore per il tempo successivo alla cessazione del rapporto di...

  • Compensi degli amministratori-soci e conflitto di interessi

    Nonostante il periodo di crisi economica che dal 2008 a oggi continua ad attanagliare l’economia globale e nazionale, cominciano a vedersi i primi segnali di ripresa… Leggi l’articolo

  • Sanzione e licenziamento

    Nell’ambito della disciplina del licenziamento disciplinare uno dei principi fondamentali ai quali il datore di lavoro deve attenersi è quello della tempestività della contestazione… Leggi l’articolo

  • Il contratto di appalto

    Nell’ambito del contratto di appalto sovente accade che un soggetto, che formalmente dipende dall’appaltatore, sia in realtà dipendente dell’utilizzatore (o appaltante), il quale esercita il potere direttivo ed è il datore di lavoro a tutti gli effetti....

  • La prova del mobbing

    Il mobbing è una delle problematiche di maggiore impatto nel mondo del lavoro. Tale fenomeno vede coinvolti moltissimi lavoratori, tuttavia, non sempre è facile riconoscere, inquadrare e far fronte nella maniera più idonea a tale situazione… Leggi...

  • Misure estreme: quando?

    In diritto del lavoro il licenziamento disciplinare è quel particolare tipo di recesso che ricomprende in parte sia la disciplina del licenziamento per giusta causa (art.2119 codice civile), sia quella del licenziamento per giustificato motivo soggettivo (art.3,...

  • La reperibilità nell’era degli smartphone

    In Francia si sta affermando il diritto di ignorare mail e telefonate fuori dall’orario d’ufficio. Dal 1° gennaio è infatti entrata in vigore oltralpe una legge che garantisce il diritto a disconnettersi e ignorare mail, messaggi e...

  • La complessa questione del computo dell’organico aziendale

    La corretta definizione dell’organico dell’azienda è essenziale per il datore di lavoro… Leggi l’articolo

  • Il procacciamento d’affari e il contratto di agenzia

    Uno strumento cui spesso gli imprenditori scelgono di fare ricorso, grazie alla sua flessibilità e ai risparmi che consente di ottenere, è il procacciamento d’affari, contratto atipico che si contraddistingue per la sua natura saltuaria e occasionale....

Scopri le novità scelte per te x