Indagine Kaspersky Lab: gli incidenti di sicurezza informatica costano alle organizzazioni industriali 497.000$ all’anno

Pubblicato il 15 giugno 2017

Il trend emergente dell’industria 4.0 sta rendendo la sicurezza informatica una delle maggiori priorità per le organizzazioni industriali di tutto il mondo, aggiungendo nuove sfide alla gestione degli ICS. Queste sfide includono la convergenza di IT e OT (operational technology) e la possibilità per i fornitori esterni di accedere alle reti di controllo industriale. Per ottenere una conoscenza più approfondita dei problemi e delle opportunità che si presentano oggi alle organizzazioni ICS, Kaspersky Lab e Business Advantage hanno condotto un’indagine globale che ha coinvolto 359 responsabili di cyber sicurezza industriale tra febbraio e aprile 2017. Una delle principali scoperte dell’indagine è il gap tra la realtà e la percezione degli incidenti ICS. Ad esempio, sebbene l’83% degli intervistati creda di essere preparato ad affrontare un incidente di sicurezza OT/ICS, metà delle aziende coinvolte hanno subito tra uno e cinque incidenti di sicurezza IT negli ultimi 12 mesi e il 4% più di sei. Questo dato fa sorgere un’importante domanda: cosa deve essere cambiato nelle strategie di sicurezza IT e nella protezione di queste aziende per aiutarle a proteggere le informazioni sensibili e i processi tecnologici in modo più efficiente?

Incidenti informatici: le cause principali

Le aziende industriali sono consapevoli dei rischi che corrono: il 74% degli intervistati si aspetta un attacco informatico alla propria infrastruttura. Nonostante la consapevolezza delle nuove minacce come gli attacchi mirati e i ransomware, il principale punto debole della maggior parte delle organizzazioni ICS è ancora il malware tradizionale, che si è posizionato in cima alla classifica delle principali preoccupazioni, con il 56% degli intervistati che lo considera il vettore d’attacco più pericoloso. In questo caso, la percezione rispecchia la realtà: nel corso dell’ultimo anno, un intervistato su due ha dovuto affrontare le conseguenze del malware tradizionale.

Vengono, invece, sottovalutati gli errori degli impiegati e le loro azioni involontarie, che sono molto più pericolose per le organizzazioni industriali di fornitori e partner o delle azioni di sabotaggio e danneggiamento da parte di attori esterni. Al contrario, queste aziende pongono nella Top3 delle minacce di cui sono maggiormente preoccupati proprio gli attori esterni.

Le tre preoccupazioni principali VS le cause degli incidenti alle infrastrutture ICS degli ultimi 12 mesi

Le tre principali conseguenze sperimentate in seguito agli incidenti comprendono il danno alla qualità di prodotti o servizi, la perdita di informazioni brevettate o confidenziali e la riduzione o perdita della produzione.

Strategie di sicurezza: dall’air gap alla Network anomalies detection

L’86% delle organizzazioni intervistate ha stabilito e applicato una policy di cyber sicurezza ICS volta a proteggersi dalle potenziali minacce. Tuttavia, gli incidenti subiti provano come una policy di sicurezza informatica da sola non sia sufficiente. Le organizzazioni industriali hanno ammesso che la mancanza di expertise, sia interna che esterna, di sicurezza IT sia la principale preoccupazione per quanto riguarda la sicurezza ICS. Questo è particolarmente preoccupante perché dimostra che le organizzazioni industriali non sono sempre pronte a rispondere agli attacchi, mentre sono costantemente a rischio di essere compromesse – a volte anche dai propri dipendenti. “Le minacce interne sono le più pericolose. Siamo ben protetti dalle minacce esterne, ma ciò che accade internamente non passa dal controllo del firewall. Le minacce nascono inconsapevolmente dalle azioni dello staff”, ha ammesso un professionista ICS di uno stabilimento produttivo in Germania.

Le cinque principali sfide di sicurezza indicate dagli specialisti ICS

L’aspetto positivo è che le strategie di sicurezza adottate dai professionisti ICS sembrano sufficientemente solide. La maggior parte delle aziende ha già smesso di usare gli air gap come misura di sicurezza e sta adottando soluzioni di cybersecurity complete. Nei prossimi 12 mesi, gli intervistati prevedono di implementare tool di rilevamento di anomalie industriali (42%) e training di security awareness per gli impiegati. Il rilevamento delle anomalie industriali è particolarmente importante in quanto un’azienda ICS su due ha ammesso che i provider esterni hanno accesso alle reti di controllo industriale della loro organizzazione, ampliando il perimetro di vulnerabilità alle minacce.

La crescente interconnessione dei sistemi IT e OT comporta nuove sfide di sicurezza e richiede una buona preparazione da parte di membri del board, ingegneri e team di sicurezza IT. È necessario che queste figure abbiano una conoscenza approfondita del panorama delle minacce e dei migliori tool di protezione e che sensibilizzino i dipendenti al tema della sicurezza”, ha commentato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab. “La risposta agli incidenti di sicurezza sarà molto più semplice per coloro che si sono avvalsi di una soluzione di sicurezza personalizzata pensata per le necessità degli ICS”.

Il report completo è disponibile su ics.kaspersky.com. Per avere maggiori informazioni su Kaspersky Industrial Cybersecurity è possibile visitare il sito di Kaspersky Lab.



Contenuti correlati

  • Fibra: quando l’innovazione corre sul filo

    Tutte le tecnologie abilitanti l’Industria 4.0 hanno in comune una necessità: essere integrate. E non vi può essere integrazione senza connessione… A che punto è l’Italia? Leggi l’articolo

  • Industria 4.0: per Imq la parola chiave è la sicurezza

    IMQ ha partecipato al Convegno “Obiettivo 2025: l’industria italiana si allea per lo sviluppo digitale del Paese”, organizzato da Prysmian Group e da Iatt, in cui è stata sottolineata l’importanza del processo di digitalizzazione dell’Italia, indispensabile per...

  • La metà delle aziende europee utilizza già tecnologie di machine learning

    Il machine learning è finalmente arrivato nelle aziende e contribuisce attivamente al lavoro di ogni giorno. È quello che emerge dall’ultima ricerca ServiceNow, il system of action enterprise che permette alle aziende di lavorare alla velocità della luce....

  • SAVE 2017, tutto pronto a Verona per incontrare IoT e Industria 4.0

    Ancora pochi giorni e si alzerà il sipario sull’undicesima edizione di SAVE, mostra convegno dedicata alle Soluzioni e Applicazioni Verticali di Automazione, Strumentazione, Sensori. L’evento si terrà a Veronafiere il 18 e 19 ottobre 2017. SAVE tornerà con...

  • Competenze per l’industria 4.0

    La nuova rivoluzione industriale – trainata dalla drastica evoluzione delle tecnologie digitali – è ormai alle porte (e alla portata di tasche) delle imprese, dalle grandi alle piccole e medie. Lo scenario è intrinsecamente complesso e, anche...

  • Guida all’iper-ammortamento del Piano Industria 4.0: scarica ora!

    Il Piano Industria 4.0 rappresenta un importante asse di supporto agli investimenti delle imprese italiane. Schneider Electric dispone di un’offerta completa in grado di rendere le macchine, gli impianti produttivi e i sistemi di distribuzione dell’energia predisposti...

  • Osservatorio ANIE: la ripresa parte dal mercato delle tecnologie

    Sono segnali di ripresa quelli che emergono dall’Osservatorio di Federazione ANIE, una delle più importanti organizzazioni confindustriali per peso e rappresentatività che, con oltre 1.300 aziende associate, 468.000 addetti e un fatturato aggregato di 74 miliardi di...

  • L’Approccio Incrementale all’Eccellenza Operativa – Prima Parte

    Tutte le organizzazioni industriali e manifatturiere si trovano in diverse fasi di maturità della loro capacità di esecuzione operativa, specialmente in relazione a Industry 4.0. Alcune organizzazioni sono lontane dall’essere pronte ad adottare i modelli e gli...

  • Il futuro del settore IT

    Quattro forze indeboliscono oggi l’IT, rallentando o addirittura impedendo il suo successo in azienda. Queste quattro forze sono: una sempre maggior pressione a dover fare di più con meno, la crescente difficoltà dell’IT nel quantificare il proprio...

  • Kaspersky Lab entra nel mercato EDR

    Kaspersky Lab ha lanciato una soluzione Endpoint Detection and Response (EDR) completa, che include avanzate capacità di incident mitigation, migliore visibilità degli endpoint, compatibilità con le tradizionali soluzioni di sicurezza endpoint e funzionalità investigative a disposizione di...

Scopri le novità scelte per te x