Il robot YuMi sale sul palco insieme ad Andrea Bocelli e Maria Luigia Borsi

Pubblicato il 15 settembre 2017

Tutto è pronto sotto il soffitto affrescato ed elegante del Teatro Verdi a Pisa: i musicisti siedono attenti, gli strumenti pronti e gli occhi focalizzati sul Maestro. Anche i solisti sono pronti, aspettano il movimento verso l’alto della bacchetta del direttore d’orchestra. Ma questo non è il solito spettacolo e neanche il direttore d’orchestra è un direttore d’orchestra qualsiasi. Qui è YuMi di ABB, il primo robot al mondo collaborativo a due bracci, che sta facendo il suo debutto come direttore d’orchestra.

Guarda il video

Questa è stata la scena della sera scorsa quando YuMi ha diretto il tenore italiano Andrea Bocelli in un programma di Verdi durante un concerto di beneficienza per il Galà del Primo Festival Internazionale della Robotica. Oltre 800 illustri ospiti provenienti da tutto il mondo hanno apprezzato il concerto ‘A Breath of Hope: dallo Stradivario al Robot’.
Tra gli ospiti di questa speciale performance il CEO di ABB Ulrich Spiesshofer sotto la cui leadership è stato sviluppato il progetto YuMi e il business della robotica ha vissuto un profondo cambiamento.

In uno dei teatri più belli della tradizione musicale italiana, il Maestro Bocelli ha cantato ‘La Donna è Mobile’, la famosa aria del Rigoletto di Verdi con YuMi come direttore d’orchestra. YuMi ha quindi diretto la soprano Maria Luigia Borsi che ha cantato l’aria classica ‘O mio babbino caro’ dell’opera Gianni Schicchi di Puccini. Per concludere YuMi ha diretto anche un passaggio dall’intermezzo di Mascagni dell’opera Cavalleria Rusticana.
Questo evento unico ha dimostrato come la collaborazione tra gli esseri umani e i robot possa funzionare perfettamente.

Il Maestro Bocelli, nell’elogiare entusiasticamente la perfomance, ha dichiarato dopo il concerto: “È stato divertente cantare con YuMi, il robot collaborativo di ABB. Ha dimostrato che un robot potrebbe realmente dirigere un’orchestra, ma solo con l’eccellente lavoro di ingegneri molto talentuosi e un vero maestro. Complimenti al team che ha realizzato tutto ciò”.
La conduzione di un’orchestra è una delle forme più alte dell’arte; è come modellare le varie voci dei musicisti in un’unica espressione al servizio del compositore. YuMi è una delle forme più alte della tecnologia robotica che sta cambiando il modo in cui si guarda alla collaborazione fra uomo e robot. Questi due elementi che si fondono cosi efficacemente durante la performance, sono una testimonianza di come l’uomo e la macchina possano lavorare insieme in un modo completamente nuovo.
Il Maestro Andrea Colombini, direttore dell’Orchestra Filarmonica di Lucca, che ha contribuito alla preparazione di YuMi per l’evento, era entusiasta della sofisticata tecnologia di YuMi. “Impostare l’interazione tra gomito, avambraccio e polso del robot, avvalendosi della sua versatilità nei tentativi ripetuti e impegnativi di scomporre il battere e levare, è stato un successo” ha dichiarato. Le sfumature gestuali di un direttore d’orchestra sono state completamente riprodotte a un livello di precisione tale da essere impensabile prima d’ora. Questo è un passo avanti incredibile data la rigidezza dei gesti dei gesti dei robot fino a oggi e dimostra quanto facilmente YuMi possa essere programmato per fare i lavori più delicati nell’assemblaggio elettromeccanico.

La prestazione del robot è stata sviluppata in due fasi. Inizialmente i movimenti di Colombini sono stati catturati mediante un processo chiamato ‘lead-through programming’ (programmazione guidata), in cui i due bracci del robot sono guidati in modo da seguire i movimenti con grande attenzione ai dettagli; questi movimenti sono stati poi registrati. La seconda fase ha comportato il perfezionamento dei movimenti grazie al software RobotStudio di ABB, che ha assicurato la sincronizzazione tra i movimenti e la musica. Ovviamente ciò ha richiesto una certa esperienza tecnica da parte di ABB, ma la programmazione di base ha consentito a Colombini di concentrarsi sul mettere in atto con naturalezza ciò che sa fare meglio, dando vita alla musica.

Il primo Festival Internazionale della Robotica ha rappresentato un’occasione per diffondere la conoscenza della robotica e delle sue applicazioni, compresi i robot industriali collaborativi come YuMi.
Questa performance ci ispira offrendoci una visione sul futuro: è improbabile che i robot possano mai combinare in loro lo studio, l’arte, la tecnica, l’interpretazione e il carisma di un direttore d’orchestra. Al tempo stesso ci ispira nel perseguire l’obiettivo di sviluppare robot industriali sempre più semplici da utilizzare. Così come YuMi ha deliziato il Maestro, i robot portano esperienze ed emozioni uniche nei loro mondi.
Il primo Festival Internazionale della Robotica di Pisa (7-13 settembre) mira a diffondere la consapevolezza e in questo campo in tutte le aree e applicazioni della robotica. Istituzioni, università, musei, fondazioni e molti istituti di ricerca hanno collaborato per realizzare questo evento unico. Nel ricco programma hanno trovato spazio conferenze e dibattiti, sia scientifici che didattici, un programma cinematografico, mostre di robotica didattica e dimostrazioni di robotica applicata.



Contenuti correlati

  • FANUC debutta nel mercato dei robot SCARA con SR-3iA

    Con più di 100 modelli e oltre 500.000 installati in tutto il mondo, FANUC offre la più ampia gamma di robot del mercato e la arricchisce con l’introduzione di una nuova gamma di robot SCARA SR di...

  • Video intervista a Marco Pecchenini – Fanuc Italia

    Durante una open house presso la propria sede di Arese, alle porte di Milano, Fanuc Italia ha illustrato la propria idea di Industria 4.0, fatta di prodotti intelligenti, ma anche semplici e comodi da usare, perché occorre...

  • Exoskeleton Suits: uomo e macchina diventano un unicum in Ford

    Le componenti robotiche indossabili offrono agli utenti la possibilità di sollevare e manovrare più facilmente oggetti pesanti. E ora, per la prima volta, sono stati integrati in una catena di montaggio di veicoli in movimento. Gli exoskeleton suits,...

  • Movimentazione veloce e ottimizzata con Fanuc M-10iD/12

    Fanuc rinnova la serie di robot industriali M-10iA riprogettandone completamente la struttura e aumentandone le prestazioni con funzionalità avanzate integrate. Il primo robot della serie M-10iD è il modello M-10iD/12, che affianca e sostituisce il predecessore M-10iA/12...

  • 50 anni di attività per Kawasaki Robotics

    Alla recente fiera internazionale Irex di Tokyio, Kawasaki Robotics – partner di Tiesse Robot – ha lanciato due nuovi robot modelli RS7N e RS7L e il nuovo robot BX200X a polso cavo, oltre a celebrare i 50...

  • L’Industria 4.0 secondo Fanuc: l’uomo al centro di una produzione evoluta

    Durante l’Open House organizzata nella propria sede di Arese (Milano), Fanuc  ha mostrato al pubblico cosa intende per Industria 4.0: un modello produttivo che metta l’uomo al centro, con l’obiettivo di supportare le imprese ad approfittare del rinnovamento...

  • Mobilità sostenibile a Davos firmata ABB

    In occasione dell’annuale World Economic Forum che si è svolto nei giorni 23-26 gennaio 2018, la città di Davos e ABB si sono unite in una partnership a lungo termine per fornire un’infrastruttura elettrica per il trasporto...

  • L’informazione diventa efficienza con il telecontrollo

    Sfruttando le più moderne tecnologie dell’automazione e delle telecomunicazioni, i nuovi modi di intendere il telecontrollo stanno cambiando profondamente diversi settori produttivi: dall’energia ai trasporti. In Italia, ABB si è dotata di strutture e risorse che le...

  • I robot che inaugurano il 2018 all’insegna della rivoluzione tecnologica

    Kawasaki Robotics ha lanciato due nuovi robot della serie RS: i modelli RS7N e RS7L che si posizionano tra i best-seller della gamma Kawasaki RS5N e RS10. Il primo, RS7N, ha uno sbraccio di 730 mm, mentre...

  • Robot FANUC per montaggio a soffitto agile e veloce

    La serie di robot industriali FANUC R-2000, caratterizzata da estrema compattezza, velocità elevata con polso e braccio sottili e progettata per le applicazioni di manipolazione e saldatura a punti, si completa di un nuovo modello con fissaggio...

Scopri le novità scelte per te x