Il manifesto dell’automazione di ServiceNow

Pubblicato il 1 dicembre 2017

L’automazione ha l’abilità di migliorare la società. Ogni giorno vediamo il suo grande impatto e come rivoluziona il modo in cui le attività e gli affari vengono portati a termine, facendo risparmiare tempo, denaro e trasformando l’economia. Tutto questo incrementa la produttività, essenziale per la crescita futura, e segnerà la fine del lavoro ripetitivo. I dipendenti avranno più tempo da investire in attività creative e strategiche.

Ogni giorno assistiamo anche a speculazioni sull’automazione da parte dei media, sia che si tratti di un nuovo report che parla di possibili perdite di posti di lavoro, o di un altro studio che indica l’opposto. La maggior parte del dibattito è focalizzato su quello che sta succedendo; per comprendere meglio le implicazioni, però, non si deve discutere del ‘cosa’ ma del ‘come’. L’automazione è qui, come possiamo prepararci al meglio per il futuro?

Per essere sicuri di sfruttare pienamente l’enorme potenziale dell’automazione dobbiamo gettare subito le fondamenta per il successo. Per raggiungere questo obiettivo, ci sono 5 regole: un Manifesto dell’Automazione, che getterà le basi per un futuro in cui l’automazione venga abbracciata e non temuta. Ecco quello pensato da Rodolfo Falcone, AVP Mediterranean ServiceNow.

L’automazione non è spaventosa. I cambiamenti possono esserlo. Ma, come ogni cambiamento, se spiegato, gestito ed eseguito attentamente, può essere estremamente positivo. Nonostante molti studi che dimostrino come l’automazione creerà posti di lavoro, ricerche recenti suggeriscono che i dipendenti la temono ancora. È importante ricordare che l’automazione non è un qualcosa di nuovo. Si è sviluppata lungo tutto il corso della storia e non avremmo il mondo moderno, dall’agricoltura ai trasporti, dall’energia al divertimento, senza di essa. È tempo di ribilanciare il dibattito sull’automazione per assicurare al grande pubblico che l’automazione, se eseguita nel modo corretto, può portare benefici a tutti.

I governi, gli educatori, gli uomini d’affari e i consumatori hanno tutti un ruolo nel definire il futuro dell’automazione. Azioni isolate aiuteranno solo a trovare parte delle risposte, i governi e le aziende devono lavorare insieme, incontrarsi per discutere e sviluppare policy, processi e best practice che ci permetteranno di incamminarci sulla via del successo.

La tecnologia sta cambiando in maniera decisa il nostro modo di vedere e interagire con il mondo. Lo sviluppo di capacità e competenze, in ogni caso, è una sfida. In generale, i programmi educativi di tutto il mondo devono svilupparsi insieme all’industria. Alcuni Paesi sono degli esempi in positivo. In Vietnam le lezioni di computer science cominciano all’età di sette anni e a dieci anni gli studenti imparano a programmare. Le competenze sono così avanzate che un ingegnere di Google in visita ha incontrato ragazzi di 16-17 anni che avrebbero benissimo potuto passare il tanto temuto processo di selezione dell’azienda. La programmazione è sempre più importante in tutte le aree di occupazione, per questo dobbiamo muoverci verso un modello dove tutte le persone che entrano nel mondo del lavoro abbiano almeno delle competenze base di programmazione. In questo modo, si potrebbero trasformare quelle industrie che molti ritengono a rischio, a causa dell’automazione. Prendiamo il settore manifatturiero per esempio, le linee di produzione con una tecnologia avanzata e potenziata dall’intelligenza artificiale e dall’automazione permettono alle aziende di creare più prodotti, di qualità migliore e a un prezzo più basso. In Australia, alcune aziende stanno già spostando la loro forza lavoro dalle linee di produzione a ruoli di sviluppatore, questo permette di incrementare la produzione, l’occupazione e il reshoring di posti di lavoro che altrimenti verrebbero esternalizzati.

Non sono solo i giovani a doversi preparare in maniera diversa per poter avere successo in un mondo automatizzato. Le aziende hanno un ruolo importante nel rieducare e riqualificare tutte le aree della forza lavoro. Molte organizzazioni stanno già facendo training ai propri dipendenti per interagire meglio con il lavoro digitale. Le grandi aziende dovrebbero considerare di spendere una percentuale del fatturato in corsi di formazione in quelle aree dove sappiamo che l’automazione avrà un impatto maggiore, come la logistica, il retail e i lavori ripetitivi. Anche l’aumento di investimenti nella ricerca e nello sviluppo è fondamentale. Attualmente, solo il 5% delle aziende rappresenta il 54% della spesa in ricerca e sviluppo di tutta l’industria. Per permettere all’automazione di avere successo, dobbiamo cambiare in maniera veloce. I governi, per supportare le aziende nel loro cambiamento, devono incoraggiare gli investimenti in ricerca e sviluppo e in sistemi di formazione, attraverso dei tagli delle tasse e l’istituzione di incentivi. In modo simile, le università e gli istituti di formazione potrebbero abbassare i costi per gli studenti senior che si stanno riqualificando o che stanno cambiando il loro percorso.

L’intelligenza emozionale (EI) ha un ruolo in ogni cosa. Le competenze delle persone sono già incredibilmente importanti, ma lo saranno ancora di più in futuro. Dobbiamo trovare dei modi per educare all’empatia, così che la forza lavoro di domani avrà le capacità per prosperare. Lo stesso vale per la creatività. Le macchine non saranno in grado di rimpiazzare l’innata abilità umana a creare. È possibile che l’intelligenza artificiale sarà in grado di sviluppare idee creative, ma l’essere umano sarà ancora responsabile dei risultati. Le professionalità STEM (Science, technology, engineering, and mathematics) saranno importanti, ma non dobbiamo dimenticare che, in un mondo automatizzato, la creatività sarà essenziale.

Queste regole per l’automazione non forniranno tutte le risposte e non copriranno ogni ambito. Sono da intendersi come un punto di partenza, una chiamata alle armi nei confronti delle altre aziende per cominciare insieme questo viaggio. L’automazione è già qui e non si fermerà, ma può avvenire in un modo che soddisfi tutti, attraverso un’attenta pianificazione, la cooperazione e il pensiero.



Contenuti correlati

  • Automation Fair 2017: le novità all’Innovation Booth

    Durante Automation Fair 2017 abbiamo intervistato John Pritchard, Strategic Business Development Manager di Rockwell Automation, sulle novità presentate da Rockwell Automation all’Innovation Booth: come ogni anni qui vengono presentate infatti le tecnologie alle quali la multinazionale sta...

  • Da qui al 2030: i 4 trend futuri secondo Roland Berger

    Fondata nel 1967 in Germania, Roland Berger conta oggi 50 uffici in 34 Paesi con più di 2.400 consulenti e circa 220 partner. Sono più di 1.000 i clienti internazionali presenti in tutti i principali mercati. Il...

  • Robopac: il nuovo stabilimento sarà pronto per il 2018

    Sarà operativo verso la metà del 2018 il nuovo stabilimento Robopac di Castel San Pietro (Bologna), nel cuore della ‘Packaging Valley’, che segnerà un’altra tappa fondamentale nella crescita dell’azienda guidata dalla famiglia Aureli. Grazie a questo importante...

  • Automation Fair 2017: il futuro è…. immaginazione

    Si è appena conclusa a Houston la 26ᵃ edizione di Automation Fair, evento globale che Rockwell Automation organizza annualmente negli Stati Uniti per fare il punto su tecnologia e ‘vision’, nuove ‘prospettive’, trend e innovazione di prodotto....

  • Grande successo per Connected Manufacturing Forum 2017 a Milano

    Si è concluso con grande successo il 26 ottobre a Milano il Connected Manufacturing Forum 2017, organizzato da Business International/Fiera Milano Media e dedicato all’Italia 4.0 e alla Cultura dell’Innovazione, coordinato da Giovannina Pelagatti, conference manager dell’evento....

  • La metà delle aziende europee utilizza già tecnologie di machine learning

    Il machine learning è finalmente arrivato nelle aziende e contribuisce attivamente al lavoro di ogni giorno. È quello che emerge dall’ultima ricerca ServiceNow, il system of action enterprise che permette alle aziende di lavorare alla velocità della luce....

  • Additivo e realtà virtuale, Berzolla: l’innovazione corre veloce in Dallara

    In Dallara la produzione additiva riduce i tempi di test e prototipazione, accelerando lo sviluppo di nuovi modelli di vetture abbreviando il passaggio dall’idea al prodotto finale, come spiega Alessandro Berzolla, Chief operations officer Dallara. Realtà virtuale...

  • L’innovazione nel movimento lineare targata Eichenberger Gewinde

    I requisiti di qualità in costante aumento e la tendenza a sfruttare livelli tecnologici sempre più elevati condizionano tutte le aziende del comparto. Oggi, inoltre, gli utenti sono più attenti ai sistemi di movimentazione caratterizzati da bassi...

  • ServiceNow si integra con SAP SuccessFactors Employee Central

    In occasione della HR Technology Conference & Expo, organizzata a Las Vegas dal 10 al 13 ottobre, ServiceNow ha annunciato la disponibilità di una nuova integrazione di prodotto con SAP SuccessFactors Employee Central, che aiuta i clienti...

  • Il futuro del settore IT

    Quattro forze indeboliscono oggi l’IT, rallentando o addirittura impedendo il suo successo in azienda. Queste quattro forze sono: una sempre maggior pressione a dover fare di più con meno, la crescente difficoltà dell’IT nel quantificare il proprio...

Scopri le novità scelte per te x