Il contratto di appalto

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 12 luglio 2017

Nell’ambito del contratto di appalto sovente accade che un soggetto, che formalmente dipende dall’appaltatore, sia in realtà dipendente dell’utilizzatore (o appaltante), il quale esercita il potere direttivo ed è il datore di lavoro a tutti gli effetti.

Leggi l’articolo



Contenuti correlati

  • La prova del mobbing

    Il mobbing è una delle problematiche di maggiore impatto nel mondo del lavoro. Tale fenomeno vede coinvolti moltissimi lavoratori, tuttavia, non sempre è facile riconoscere, inquadrare e far fronte nella maniera più idonea a tale situazione… Leggi...

  • Misure estreme: quando?

    In diritto del lavoro il licenziamento disciplinare è quel particolare tipo di recesso che ricomprende in parte sia la disciplina del licenziamento per giusta causa (art.2119 codice civile), sia quella del licenziamento per giustificato motivo soggettivo (art.3,...

  • La reperibilità nell’era degli smartphone

    In Francia si sta affermando il diritto di ignorare mail e telefonate fuori dall’orario d’ufficio. Dal 1° gennaio è infatti entrata in vigore oltralpe una legge che garantisce il diritto a disconnettersi e ignorare mail, messaggi e...

  • La complessa questione del computo dell’organico aziendale

    La corretta definizione dell’organico dell’azienda è essenziale per il datore di lavoro… Leggi l’articolo

  • Il procacciamento d’affari e il contratto di agenzia

    Uno strumento cui spesso gli imprenditori scelgono di fare ricorso, grazie alla sua flessibilità e ai risparmi che consente di ottenere, è il procacciamento d’affari, contratto atipico che si contraddistingue per la sua natura saltuaria e occasionale....

  • False identità e rimedi contrattuali

    Con lo sviluppo della realtà virtuale in cui profili personali e account si moltiplicano quotidianamente, è sempre più possibile e probabile imbattersi in false identità. Leggi l’articolo

  • Il licenziamento illegittimo e l’unicità del centro di imputazione

    Come noto attualmente il nostro ordinamento fornisce una serie di tutele al lavoratore ingiustamente licenziato, il quale potrà legittimamente promuovere un giudizio nei confronti del datore al fine di ottenere idoneo risarcimento. Leggi l’articolo

  • Il risarcimento del danno da ‘straining’

    Attraverso una recente sentenza del 19 febbraio 2016, n. 3291, la Cassazione Civile ha finalmente fatto chiarezza in merito alla fattispecie di reato da ‘straining’ Leggi l’articolo

  • Il licenziamento in malattia

    Gli articoli 2110 e 2118 del c.c. inerenti rispettivamente l’‘Infortunio, malattia, gravidanza, puerperio’ e il ‘Recesso dal contratto a tempo indeterminato’ delineano una particolare disciplina di licenziamento. Leggi l’articolo

  • Il cambio di appalto e la tutela dei lavoratori

    Come noto il fenomeno dei cambi di appalto spesso comporta consistenti squilibri negli assetti organizzativi delle imprese, con possibili ricadute occupazionali sul personale dipendente Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x

  • La prova del mobbing

    Il mobbing è una delle problematiche di maggiore impatto nel mondo del lavoro. Tale fenomeno vede coinvolti...

  • Misure estreme: quando?

    In diritto del lavoro il licenziamento disciplinare è quel particolare tipo di recesso che ricomprende in parte...