Flir Systems: termocamere palmari Serie K per applicazioni antincendio

Pubblicato il 12 marzo 2013

I vigili del fuoco traggono un enorme vantaggio dalle termocamere. Queste non si limitano a produrre un’immagine nitida anche nella totale oscurità. Permettono anche di vedere attraverso il fumo. Questo aiuta i vigili del fuoco a trovare le vittime in stanze piene di fumo. Le termocamere aiutano anche i vigili del fuoco a trovare il percorso migliore per attraversare ambienti pieni di fumo e/o in aree in cui gli incendi si sono già spenti, ma che presentano fumo residuo. Grazie alla capacità di misurare le temperature, i vigili del fuoco possono vedere se c’è un incendio acceso dietro ad una parete. Queste informazioni possono aiutarli ad evitare pericolosi “ritorni di fiamma”. La termocamera fornisce anche utili informazioni relative a quali parti di un incendio sono ancora calde. Tali parti necessitano di ulteriori azioni di estinzione, per prevenire una ripresa spontanea della combustione. Le termocamere possono aiutare a salvare la vita sia dei vigili del fuoco, sia delle persone intrappolate in un incendio. Possono anche essere utilizzate per ricerca e soccorso e altre missioni di salvataggio, in cui i vigili del fuoco sono spesso coinvolti.

Grazie alle economie di scala, Flir Systems può offrire le termocamere palmari della serie K ad un prezzo estremamente accessibile. Ogni mezzo antincendio può essere dotato di una termocamera Flir serie K, progettata per sopportare le più difficili condizioni operative. Può sopportare una caduta da 2 metri su un pavimento di cemento, ha una resistenza all’acqua IP67 e può funzionare a temperature fino a +85 °C.

Tutte le versioni della Serie K sono dotate di un rilevatore microbolometro senza manutenzione. Il modello Flir K50 produce nitide immagini termiche da 320 x 240 pixel. Gli utenti che non necessitano di una qualità di immagine così elevata possono scegliere Flir K40 che produce immagini termiche da 240 x 180 pixel. Entrambe le versioni offrono un ampio e luminoso display da 4″. Le diverse modalità colore rendono Flir serie K lo strumento perfetto per ogni vigile del fuoco.

Un’interfaccia utente semplice ed intuitiva permette di concentrarsi sul lavoro. I modelli della serie K sono controllabili utilizzando solamente i 3 tasti posti sopra l’unità. Ideale per le mani guantate di un vigile del fuoco. Le immagini termiche possono essere archiviate sulla termocamera per essere utilizzate in seguito per realizzare semplici report di quanto è accaduto in sito.

Flir Systems: www.flir.com/IT



Contenuti correlati

  • Cybersecurity: attacco hacker in corso

    Negli ultimi giorni le notizie sugli attacchi informatici subiti da aziende e privati sono sempre più frequenti, portando all’onore delle cronache il tema della cybersecurity. Basti pensare al recente attacco al sito del Ministero degli Esteri italiano,...

  • Terza generazione di termocamere Flir One per smartphone e tablet

    Flir Systems ha annunciato la disponibilità delle nuove termocamere di terza generazione Flir One e Flir One Pro, con consegne a partire da fine giugno. Flir One si basa sul sensore microcamera Flir Lepton, e deriva da...

  • Robot industriali: saranno sicuri?

    I robot industriali possono essere compromessi, alterando in maniera decisiva la normale funzionalità dei sistemi industriali e minando la sicurezza del personale e dei consumatori finali. Questo è il dato che emerge dall’ultima ricerca realizzata in collaborazione...

  • SPS Italia 2017 – Intervista a Giovanni Gatto di Sick

    Giovanni Gatto, managing director di Sick, a SPS Italia 2017 di Parma parla ad Automazione Oggi di service, consulenza e sicurezza.

  • Da Pavia arriva un modello per prevedere gli attacchi terroristici

    Un team del Laboratorio di data science (RIDS – Res Institute for Data Science) dell’Università di Pavia, coordinato dalla professoressa Silvia Figini, ha presentato lo scorso 5 giugno a Roma al Dipartimento delle informazioni per la sicurezza...

  • Reti per la sicurezza pubblica

    Le reti di comunicazione usate nelle situazioni di emergenza e per servizi di sicurezza pubblica devono garantire livelli di affidabilità e disponibilità maggiori rispetto alle reti commerciali. Come possono evolvere dagli attuali servizi solo vocali a quelli...

  • Pronti per la Digital Factory a SPS Italia 2017

    Lo specialista di automazione di Salisburgo, Sigmatek – Sigma Motion è convinto che la strada verso la Digital Factory porterà a macchine e sistemi flessibili adattabili attraverso piccole intelligenze distribuite. Divisibili in unità funzionali e configurabili in topologie diverse, con struttura...

  • FSoE Safety CPU fra le novità di KEB a SPS Italia 2017

    A breve partirà una nuova edizione della fiera per l’automazione SPS Italia, evento che è diventato una vetrina per le nuove tecnologie di cui il mondo dell’automazione potrà usufruire. Anche quest’anno KEB ha diverse novità da proporre: una tra...

  • Flir e le nuove termocamere T530 e T540 dall’ergonomia avanzata

    Flir Systems presenta le termocamere progettate per gli operatori termografici che operano in settori, tra cui la produzione e la distribuzione elettrica e i laboratori di ricerca dei nuovi modelli professionali. Queste nuove termocamere, T530 e T540,...

  • Kollmorgen e Omet, un connubio sulle soluzioni printing

    Servoazionamenti decentralizzati AKD-N e motori Cddr by Kollmorgen sono l’anima dell´innovativa XFlex X5 di Omet, una soluzione di printing di etichette e imballaggio flessibile su ogni materiale. Omet è un gruppo di 5 aziende che si occupa...

Scopri le novità scelte per te x