Flir Systems: termocamere palmari Serie K per applicazioni antincendio

Pubblicato il 12 marzo 2013

I vigili del fuoco traggono un enorme vantaggio dalle termocamere. Queste non si limitano a produrre un’immagine nitida anche nella totale oscurità. Permettono anche di vedere attraverso il fumo. Questo aiuta i vigili del fuoco a trovare le vittime in stanze piene di fumo. Le termocamere aiutano anche i vigili del fuoco a trovare il percorso migliore per attraversare ambienti pieni di fumo e/o in aree in cui gli incendi si sono già spenti, ma che presentano fumo residuo. Grazie alla capacità di misurare le temperature, i vigili del fuoco possono vedere se c’è un incendio acceso dietro ad una parete. Queste informazioni possono aiutarli ad evitare pericolosi “ritorni di fiamma”. La termocamera fornisce anche utili informazioni relative a quali parti di un incendio sono ancora calde. Tali parti necessitano di ulteriori azioni di estinzione, per prevenire una ripresa spontanea della combustione. Le termocamere possono aiutare a salvare la vita sia dei vigili del fuoco, sia delle persone intrappolate in un incendio. Possono anche essere utilizzate per ricerca e soccorso e altre missioni di salvataggio, in cui i vigili del fuoco sono spesso coinvolti.

Grazie alle economie di scala, Flir Systems può offrire le termocamere palmari della serie K ad un prezzo estremamente accessibile. Ogni mezzo antincendio può essere dotato di una termocamera Flir serie K, progettata per sopportare le più difficili condizioni operative. Può sopportare una caduta da 2 metri su un pavimento di cemento, ha una resistenza all’acqua IP67 e può funzionare a temperature fino a +85 °C.

Tutte le versioni della Serie K sono dotate di un rilevatore microbolometro senza manutenzione. Il modello Flir K50 produce nitide immagini termiche da 320 x 240 pixel. Gli utenti che non necessitano di una qualità di immagine così elevata possono scegliere Flir K40 che produce immagini termiche da 240 x 180 pixel. Entrambe le versioni offrono un ampio e luminoso display da 4″. Le diverse modalità colore rendono Flir serie K lo strumento perfetto per ogni vigile del fuoco.

Un’interfaccia utente semplice ed intuitiva permette di concentrarsi sul lavoro. I modelli della serie K sono controllabili utilizzando solamente i 3 tasti posti sopra l’unità. Ideale per le mani guantate di un vigile del fuoco. Le immagini termiche possono essere archiviate sulla termocamera per essere utilizzate in seguito per realizzare semplici report di quanto è accaduto in sito.

Flir Systems: www.flir.com/IT



Contenuti correlati

  • L’industria italiana della sicurezza: innovazione e integrazione tecnologica guidano la crescita

    L’industria italiana fornitrice di tecnologie per la sicurezza e automazione edifici rappresentata in Anie Sicurezza – espressione a fine 2016 di un fatturato totale aggregato pari 2,3 miliardi di euro – costituisce un comparto di eccellenza all’interno del...

  • Bad Rabbit: nuova ondata ransomware in Europa

    Nelle scorse settimane un nuovo ransomware denominato Bad Rabbit ha colpito Russia, Ucraina, Turchia, Germania, Bulgaria, USA e Giappone. Russia e Ucraina hanno subito l’attacco maggiore, poiché l’infezione è partita da alcuni siti web di notizie russi...

  • Parte oggi Codemotion Milan 2017: Trend Micro presente!

    Trend Micro è presente a Codemotion Milan 2017, la più grande conferenza tecnica d’Europa rivolta a tutti i software developer, giunta alla quinta edizione. Si tratta della manifestazione dedicata al codice e alle idee innovative tecnologiche e...

  • Strumenti di test e misura Flir con immagine termica per applicazioni elettriche

    Saranno disponibili entro fine anno 6 nuovi prodotti di test e misura Flir Systems, compresi due multimetri digitali e una pinza amperometrica con tecnologia Flir IGM (Infrared Guided Measurement). I multimetri digitali Flir DM166 e Flir DM285...

  • Un approccio modulare alle funzioni di sicurezza

    Diversi accorgimenti hardware e software hanno reso ancora più efficaci i moduli di sicurezza configurabili proposti da Schneider Electric. I dispositivi della serie Preventa XPS MCM permettono di implementare le funzioni di sicurezza per macchinari in movimento...

  • Le minacce nel cyberspazio… – video

    Informazioni personali e Big Data sono il vero oro del nuovo millennio. Per questi motivi, gli attacchi si concentrano sempre più dove si concentra il denaro, con conseguenze a livello economico rilevanti. Ne parla l’avvocato Cristiano Cominotto.

  • Cyber-security, profili generali – video

    Cosa si può fare dal punto di vista legale nel caso in cui l’azienda venga ‘attaccata’ da un cyber-criminale? Come si attiva la Giustizia di fronte a un cyber-attacco? Quali sono le armi legali a disposizione della vittima?...

  • Kaspersky Lab entra nel mercato EDR

    Kaspersky Lab ha lanciato una soluzione Endpoint Detection and Response (EDR) completa, che include avanzate capacità di incident mitigation, migliore visibilità degli endpoint, compatibilità con le tradizionali soluzioni di sicurezza endpoint e funzionalità investigative a disposizione di...

  • Collegamento a CIP Safety con Ixxat Safe T100

    Il modulo safety Ixxat Safe T100 di HMS supporta il protocollo CIP Safety secondo il CIP Volume 5 V2.14. Inizialmente disponibile per Profisafe, il nuovo Ixxat Safe T100/CS permette un’implementazione facile, basata su moduli di IO sicuri...

  • Cybersecurity nelle infrastrutture industriali: collaborazione Schneider – Claroty

    Claroty, innovatore nel settore della protezione delle reti OT, e Schneider Electric – specialista globale nella gestione dell’energia e nell’automazione – hanno annunciato una partnership mondiale, volta a vincere le sfide di sicurezza e cybersecurity nelle infrastrutture...

Scopri le novità scelte per te x