FANUC debutta nel mercato dei robot SCARA con SR-3iA

Pubblicato il 14 febbraio 2018

Con più di 100 modelli e oltre 500.000 installati in tutto il mondo, FANUC offre la più ampia gamma di robot del mercato e la arricchisce con l’introduzione di una nuova gamma di robot SCARA SR di nuova generazione. Presentato in anteprima assoluta lo scorso novembre in occasione della International Robot Exhibition (iREX) di Tokyo e da oggi disponibile per il mercato europeo, lo SCARA FANUC SR-3iA si fa notare per velocità e precisione in tutte le applicazioni di assemblaggio, movimentazione e ispezione nei settori food & beverage, elettronica di consumo, plastica, medicale, automazione di laboratorio e realizzazione di componenti per l’automotive. Grazie alla sua struttura compatta e leggera, l’ingombro del robot risulta davvero contenuto.

Velocità elevata e precisione assoluta sono gli obiettivi che FANUC si è posta per la progettazione del suo nuovo SCARA; piccolo ma veloce e potente, il robot SR-3iA coniuga alla perfezione l’esigenza di sostenere ritmi produttivi intensi con una soluzione a tutti gli effetti conveniente, sia in termini di spazio che di denaro. SR-3iA è caratterizzato da 4 assi di movimento, un braccio forte con capacità di carico al polso di 3 kg, corsa di 400 mm, e ripetibilità di ±0,01mm.

Il controllore R-30iB Compact Plus assicura prestazioni di movimento superiore rispetto ad altri SCARA, unitamente alla consueta affidabilità per cui sono riconosciuti i robot FANUC. La versione “Compact” del controllore contribuisce a ridurre l’ingombro del robot, che può contare su un controllo piccolo ma davvero potente.

Sono disponibili per SR-3iA le stesse utilità che servono a moltiplicare le potenzialità dei robot FANUC; tra queste, il sistema di visione iRVision con iR PickTool, i sensori di forza, la connettività fieldbus, la sicurezza integrata DCS e HSDC, e molte altre opzioni software.

Il nuovo software per robot SCARA FANUC iRProgrammer costituisce poi un ulteriore avanzamento nella direzione di una funzionalità che mette l’utente al centro, in quanto è basato su web e permette di programmare il robot attraverso un’interfaccia davvero semplice direttamente da PC e tablet (non è necessario il dispositivo iPendant).

Il primo robot SCARA di FANUC si presenta con una struttura ultra-compatta (la base è grande appena 140 x 102 mm) e un profilo agile che previene qualsiasi tipo di interferenza con le periferiche esterne. Con il suo design leggero e snello, si presta ad essere integrato facilmente anche in spazi ristretti e garantisce la massima operatività e velocità in qualsiasi condizione. I momenti di inerzia elevati aumentano la flessibilità del robot e gli permettono di gestire anche pezzi di dimensioni considerevoli.

L’uscita del cablaggio dal basso (opzionale) fornisce una maggiore protezione ai cavi e riduce l’ingombro del robot SCARA; il raggruppamento dei cavi dedicati al passaggio dell’aria compressa, alimentazione 24VDC e segnali I/O e le valvole solenoidi (opzionali) in J2 contribuisce a contenere i costi. La presenza di un interruttore di rilascio del freno sul braccio del robot consente di correggere eventuali errori di movimento in modo semplice e rapido. È previsto il futuro rilascio di una versione con payload 6 kg (SR-6iA).



Contenuti correlati

  • Motori lineari Kollmorgen nei sistemi di movimentazione Mondial

    I moduli a motore lineare Mondial, da tempo conosciuti sul mercato, sono oggi ancora più efficienti e dotati di elevati standard qualitativi, ingombri ridotti e di un ottimale rapporto qualità-prezzo grazie alla compattezza e alla sicurezza dei...

  • Produzione Flessibile

    Durante la Fiera di Hannover Omron esibirà robot e macchine in grado di interagire in modo integrato per consentire cambiamenti nella produzione rapidi e semplici in risposta a dimensioni dei lotti variabili. Ciò permette di adattare rapidamente le...

  • Macchina transfer 4.0 per la lavorazione del tubo

    Telmotor ha contribuito alla realizzazione di una nuova macchina per A.M.I., impresa specializzata nella lavorazione del tubo. Frutto della collaborazione è una macchina transfer per l’assemblaggio e la saldatura di recinzioni mobili destinate al settore della cantieristica....

  • Comau a MecSpe 2018 presenta le sue soluzioni per Industria 4.0

    Comau torna quest’anno tra gli espositori di MecSpe, la maggiore fiera italiana dedicata alle innovazioni dell’industria manifatturiera, in programma a Parma dal 22 al 24 marzo. Durante l’evento, Comau presenta ai partecipanti i vantaggi e le opportunità...

  • Matrix Technologies sceglie In-Sight di Cognex

    Cognex Corporation ha fornito al system integrator Matrix Technologies, specializzato nell’ingegnerizzazione di linee di produzione automatizzate, il sistema di visione In-Sight per perfezionare il processo di etichettatura di scatole. Matrix Technologies ha sfruttato i recenti progressi nella...

  • CPM supporta la produzione 4.0 delle auto del futuro

    L’auto del futuro si guiderà da sola, sarà ecologica e silenziosa ma soprattutto sarà costruita con tecnologia italiana: merito della torinese CPM che, forte di una solida esperienza nella realizzazione di impianti per veicoli tradizionali, è ormai un...

  • Il cobot? Un utensile intelligente

    Universal Robots ha sviluppato robot collaborativi che per funzionalità, aspetto, utilizzo sono dei veri e propri utensili intelligenti. Conosciamoli da vicino Leggi l’articolo

  • Movimentazione veloce e ottimizzata con Fanuc M-10iD/12

    Fanuc rinnova la serie di robot industriali M-10iA riprogettandone completamente la struttura e aumentandone le prestazioni con funzionalità avanzate integrate. Il primo robot della serie M-10iD è il modello M-10iD/12, che affianca e sostituisce il predecessore M-10iA/12...

  • 50 anni di attività per Kawasaki Robotics

    Alla recente fiera internazionale Irex di Tokyio, Kawasaki Robotics – partner di Tiesse Robot – ha lanciato due nuovi robot modelli RS7N e RS7L e il nuovo robot BX200X a polso cavo, oltre a celebrare i 50...

  • L’Industria 4.0 secondo Fanuc: l’uomo al centro di una produzione evoluta

    Durante l’Open House organizzata nella propria sede di Arese (Milano), Fanuc  ha mostrato al pubblico cosa intende per Industria 4.0: un modello produttivo che metta l’uomo al centro, con l’obiettivo di supportare le imprese ad approfittare del rinnovamento...

Scopri le novità scelte per te x